martedì 8 luglio 2014

Michael Jackson: La storia dietro la sua opera magna: EARTH SONG


Prima di Al Gore con 'An Inconvenient Truth', prima di Avatar e Wall-E, prima che "Going Green" diventasse uno slogan, è arrivata "Earth Song" di Michael Jackson, uno delle più insolite e audaci canzoni di protesta nella storia della musica popolare. Un successo in tutto il mondo (raggiungendo # 1 in più di quindici paesi) non è stato rilasciato come singolo neanche negli Stati Uniti.
Tuttavia, quasi sedici anni più tardi, i suoi fan sono ancora in crescita. La richiesta disperata della canzone, a nome del pianeta e dei suoi abitanti (in particolare i più vulnerabili) rimane pertinente e importante più che mai.

"Earth Song" importava profondamente a Jackson, che giustamente la considerava uno dei suoi più grandi successi artistici. Aveva progettato fosse l'attimo culminante della sua sfortunata serie di concerti 'This Is It' a Londra. E' stata l'ultima canzone che ha provato prima di morire.
Il brano che segue corrisponde a un pezzo di 50 pagine dal titolo "Earth Song: Inside Michael Jackson Opus Magnum," che spiega in dettaglio l'evoluzione della canzone, dalla nascita a Vienna fino all'ultima performance dal vivo di Jackson a Monaco di Baviera:
"Michael Jackson era solo nella sua camera d'albergo, a ritmo."

E' stato nel mezzo della seconda tappa del suo tour mondiale 'Bad', 123 estenuanti e spettacolari concerti che si è svolto in quasi due anni. Il tour è diventato la serie di concerti più grande in quanto a ricavato e presenze.

Solo pochi giorni prima, Jackson si era esibito a Roma nello stadio Flaminio davanti ad un estasiato pubblico di oltre 30.000 spettatori. Nel suo tempo libero, ha visitato la Cappella Sistina e la Basilica di San Pietro in Vaticano con Quincy Jones e il leggendario compositore Leonard Bernstein. In seguito, si recò a Firenze, dove Jackson era ai piedi della scultura magistrale di Michelangelo, il David, guardandolo con soggezione.

Ora era a Vienna, Austria, capitale della musica del mondo occidentale. Fu qui che la brillante 'Symphony No. 25' e l'inquietante 'Requiem' di Mozart furono composti, dove ha studiato Beethoven e ha composto la sua prima sinfonia.
Ed è qui, al Vienna Marriott il 1 ° giugno 1988, che l'opera magna di Michael Jackson, "Earth Song" è nata.

Questa canzone esprime musicalmente la magistrale protesta estetica di Picasso, Guernica, trasmesso in arte. All'interno delle sue scene vorticose di distruzione e sofferenza c'erano voci – che piangevano, supplicavano e gridavano per farsi ascoltare ("What about us?").

"Earth Song" è diventata l'inno per l'ambiente di maggior successo nella storia, in cima alla classifica in più di quindici paesi, e sono state vendute più di cinque milioni di copie.

Tuttavia, i critici non hanno mai saputo come interpretarla. La sua fusione insolita di opera, rock, gospel e blues, suonava in continuazione alla radio. Ha quasi sfidato tutte le aspettative di un inno tradizionale. Invece del nazionalismo, la visione di un mondo senza divisioni o gerarchie. Invece di dogmi religiosi o di umanesimo, desiderava fortemente una visione più ampia di equilibrio ecologico e armonia. Invece di propaganda semplicistica per una causa, era una vera espressione artistica. Al posto di un coro jingly che poteva essere plasmato in una maglietta o una recinzione, ha offerto un grido senza parole, universale.

Jackson ha ricordato il momento esatto in cui la melodia è arrivata.

Era la sua seconda notte a Vienna. Fuori dal suo albergo, al di là del Ring Strasse Boulevard e l'espansione del Stadtpark, poteva vedere i musei maestosamente illuminati, le cattedrali e i teatri d'opera. Era un mondo di cultura e privilegio lontano dalla sua casa d'infanzia a Gary, Indiana. Jackson ha soggiornato in uno spaziozo insieme di suite fiancheggiate da ampie finestre e una vista mozzafiato. Nonostante tutta l'opulenza che lo circondava, mentalmente ed emotivamente era altrove.

Non è stata solo la solitudine (anche se sicuramente si sentiva così). E' stato qualcosa di più profondo - una disperazione schiacciante sullo stato del mondo.
Forse la caratteristica più comune associata alla celebrità è il narcisismo. Nel 1988, Jackson certamente avrebbe avuto motivo per essere egocentrico. Era la persona più famosa del pianeta.
Ovunque arrivasse, creava isteria di massa. Il giorno dopo il suo concerto sold out al 'Prater di Vienna Stadium', un articolo di AP diceva: "130 fan sono svenuti al concerto di Jackson".
Se i Beatles erano più popolari di Gesù, come disse una volta John Lennon, Jackson avrebbe battuto tutta la Santissima Trinità.

Mentre Jackson, se per certi aspetti apprezzava l'attenzione, sentiva anche una profonda responsabilità nell'usare la sua fama per qualcosa di più della fortuna e la fama stessa (nel 2000, il Guinness dei primati lo ha citato come la stella pop più filantropica nella storia).
"Quando hai visto quello che ho visto e viaggiato in tutto il mondo, non saresti onesto con te stesso e con il mondo [nel distogliere lo sguardo]", ha detto Jackson.

Quasi in ogni tappa del suo tour mondiale “Bad”, ha visitato orfanotrofi e ospedali. Solo pochi giorni prima, durante il suo soggiorno a Roma, si fermò presso l'ospedale pediatrico 'Bambin Gesù' per portare regali, scattare foto e firmare autografi. Prima di partire, promise una donazione di oltre 100.000 dollari.
Quando si esibiva o aiutava i bambini si sentiva al sicuro e felice, ma quando tornava nella sua camera d'albergo, una combinazione di ansia, tristezza e disperazione a volte lo attanagliava.

Jackson è sempre stato sensibile alla sofferenza e l'ingiustizia. Ma negli ultimi anni, il suo senso di responsabilità morale è cresciuto. Lo stereotipo della sua ingenuità innonda la sua naturale curiosità e mente come una spugna. Sebbene non sia un politico nerd (Jackson senza dubbio preferisce il campo dell'arte alla politica), non era estraneo al mondo che lo circondava.
Ha letto molto, guardato film, parlato con esperti, e studiato ogni tema con passione. Era profondamente dedito nel cercare di capire e cambiare il mondo.
Nel 1988, aveva certamente motivi di preoccupazione. Le notizie si leggevano come capitoli di antiche scritture: c'erano ondate di calore e siccità, incendi boschivi e terremoti massicci, genocidi e carestie.
L'escalation di violenza in Terra Santa, le foreste distrutte in Amazzonia, l'immondizia, olio e liquami che spazzavano le coste. 
Al posto del personaggio dell'anno del 1988, la copertina del Times è stata dedicata alla "Terra in pericolo di estinzione."

La maggior parte delle persone legge o guarda le notizie per caso, passivamente. Diventano insensibili alle immagini e alle storie orribili proiettate sullo schermo. Tuttavia, queste storie spesso portavano Jackson fino alle lacrime. Sentiva il dolore internamente e fisicamente. Quando la gente gli diceva di godersi la sua fortuna, si arrabbiava. Credeva fermamente nella filosofia di John Donne: "Nessun uomo è un'isola". Per Jackson, l'idea è rimasta valida per tutta la vita. L'intero pianeta era collegato e intrinsecamente prezioso.
"[La persona media]", ha spiegato, 'vede i problemi' da risolvere 'là fuori '... Ma io non mi sento in questo modo - i problemi non sono “là fuori” realmente. Li sento dentro di me. Un bambino che piange in Etiopia, un gabbiano che lotta pateticamente in una fuoriuscita di petrolio ... un soldato adolescente tremante di terrore quando sente gli aerei che volano sopra di lui ..non sta accadendo a me quando vedo e sento come loro?"

Una volta, ha dovuto fermare una prova di ballo perchè la foto di un delfino catturato in una rete lo aveva turbato emotivamente. "Per il modo in cui il corpo era impigliato nella rete", ha spiegato, "si poteva leggere così tanta agonia. I suoi occhi erano vuoti, ma aveva ancora quel sorriso, quello che i delfini non perdono mai ... Ero lì, nel bel mezzo delle prove e ho pensato "Stanno uccidendo una danza".

Quando Jackson si è esibito, si potevano sentire queste turbolenti emozioni attraverso di lui. Con la sua danza e il canto, ha cercato di trasfondere quelli che soffrono, dargli espressione, significato e forza. E' stato liberatorio. Per un breve momento, avrebbe potuto portare il suo pubblico ad un mondo alternativo di armonia ed estasi. Ma inevitabilmente, è stato ributtato di nuovo nel "mondo reale" di paura e di alienazione.
Poi, improvvisamente "cadde nel [suo] grembo": 'Earth Song'. Un brano visto dalla sua prospettiva e dalla sua voce. Un lamento e una supplica.
Il coro è venuto prima - un grido senza parole. Ha preso il suo registratore, lo ha premuto e registrato... “Aaaaaaaaah Oooooooooh”.
Gli accordi erano semplici, ma potenti: una triade di LA bemolle minore a DO diesis, una triade di LA bemolle settima minore a DO diesis, poi la modulazione, triade de SI bemolle minore a MI bemolle. Questo è tutto! Jackson pensò.
Dopo ha lavorato con l'introduzione e alcuni dei versi. Lo ha immaginato nella sua testa. Questa, decise, sarebbe diventata la migliore canzone che avesse mai scritto ... 

Una delle più memorabili interpretazioni de “Earth Song” (Brunei, 1996)