domenica 28 settembre 2014

Disubbidienza Civile . La storia dietro " THEY DON'T CARE ABOUT US "

Questo articolo è sulla storia dietro la canzone di Michael Jackson,They Don’t Care About Us , ed i suoi video, insieme anche all'analisi del significato sia della canzone che del video, così come della loro importanza per Michael.

THEY DON’T CARE ABOUT US

E ancora un altro scandalo. TDCAU è riuscito perfino a rompere il record stabilito da Black or White, in termini di polemiche, perché stavolta ci sono stati due scandali in una volta sola. In primo luogo, la comunità ebraica USA è stata disturbata dai testi perché si diceva contenessero espressioni antisemite  ( ci sono tuttora discussioni sul testo di questa canzone ). Poi il governo del Brasile ha fatto esattamente ciò che i buoni vecchi governi comunisti in URSS facevano - qui, come si può vedere, è tutto a posto, e chi non la pensa così sarà messo a tacere comunque ; anche Pele, un uomo gentile, un grande calciatore e un eroe nazionale, ha sostenuto questo punto di vista.

 Forse, la cosa più irritante è stata il fatto che Michael Jackson, che era rimasto indifferente alla politica fino a quel momento, improvvisamente avesse pubblicato una canzone che non era altro che una manifestazione delle proprie opinioni e credenze, "Sai che davvero mi spiace dirlo, il governo non vuole vedere ... " Noi non sappiamo ancora quello che Michael Jackson dirà al mondo nel suo nuovo album, ma cerchiamo di ricordare una delle sue opere più disperate in cui l'esecutore più apolitico del mondo così improvvisamente ha espresso una semplice e chiara presa di posizione pubblica. Potrebbe essere che assolutamente ognuno dica a se stesso, almeno una volta nella vita, "Un poeta, non necessariamente; Un cittadino deve poterlo fare "?

I FATTI

Giugno 1995: subito dopo l'uscita dell'album HIStory, uno scandalo esplode riguardo ai termini "Io Ebreo" e "ebreo in senso dispregiativo" utilizzati in TDCAU. Michael è costretto a chiedere scusa per l'utilizzo di questi termini. Secondo la CNN, i frammenti contestabili dei testi,come "fammi" e "colpiscimi", sarebbero stati riscritti e suonati. in seguito, queste parole sono state mascherate da effetti sonori, e HIStory è stato ristampato con una nuova versione di TDCAU. La versione iniziale del disco oggi è un articolo da collezionisti.

Febbraio 1996: Scene con uno dei due cortometraggi di TDCAU (noto come la "versione della prigione") sono state girate in un vero e proprio carcere a Queens, New York. Michael Jackson sta progettando di andare in Brasile per girare la seconda versione del cortometraggio. Nel frattempo, le autorità brasiliane sono intenzionate a vietare le riprese - alcuni dei membri del governo hanno espresso la loro contrarietà per quanto riguarda tale video siccome, a loro parere, mostrerà il Brasile in una luce sfavorevole; ma altri hanno approvato l'idea del cortometraggio sperando che il video di Michael Jackson richiami l'attenzione di tutto il mondo sulla povertà in Brasile, per poter anche avere qualche aiuto. I funzionari brasiliani erano per lo più preoccupati che il video avrebbe mostrato i quartieri poveri della città - il Brasile sperava di ottenere il diritto di ospitare i Giochi Olimpici, e la dimostrazione delle baraccopoli di Rio avrebbe potuto influenzare le possibilità di ospitare le Olimpiadi nel 2004. I residenti delle baraccopoli di Rio de Janeiro erano tuttavia, molto felici che il mondo potesse finalmente arrivare a vedere come vivevano.

6 Febbraio: Il giorno dopo aver dato il permesso di filmare per 20 giorni, improvvisamente un giudice brasiliano ha cambiato idea e ha ridotto il periodo di riprese a soli 5 giorni.

11 febbraio: Michael è arrivato a Rio. Il giorno prima Spike Lee aveva già iniziato le riprese nel quartiere centrale di Bahia. Le baraccopoli sono state filmate a Rio; la danza di Michael con la band Olodum (una banda di tamburi brasiliani di fama mondiale composta da circa 200 elementi ) e la scena in cui una giovane donna irrompe ad abbracciare Michael, sono state girate nella parte storica di un'altra città brasiliana, Salvador. Il territorio dove le riprese hanno avuto luogo è stato protetto da 1.500 poliziotti. Michael ha ballato sei ore di fila (appena due mesi dopo aver rischiato di morire - il 6 Dicembre 1995, era crollato durante una prova a New York). All'inizio del video, una ragazza parla in portoghese "eles nao ligam pra gente", che significa "They Don’t Care About Us ".

23 Marzo: Premiere Globale (fatta eccezione per gli USA) del cortometraggio della versione brasiliana di TDCAU. Su MTV Europe, il video è stato trasmesso alle 13:00 CET, nel programma First Look.

16 aprile: TDCAU ha debuttato nelle classifiche europee al No. 5. Ha inoltre debuttato in Svezia al n° 9 e in Inghilterra al il n° 4 (il quarto singolo dell'album HIStory, che ha debuttato in Gran Bretagna dritto in top 5).

22 Aprile: Il cortometraggio di TDCAU viene bandito dalle trasmissioni MTV USA e VH-1. Passa su MTV USA solo una volta, con una comunicazione sul rifiuto di ulteriori passaggi . Questa decisione era dovuta non alle scene del video, ma alle parole della canzone.

Giugno 1996: Il cortometraggio TDCAU è rimasto al No. 1 in Top-20 sulla MTV europea per diverse settimane. Il canale musicale francese MCM ha mandato entrambe le versioni del cortometraggio senza restrizioni. ( MCM ha anche mandato in onda il cortometraggio Scream senza tagli audio o video, a differenza di MTV.) La versione della prigione è stata vietata su diversi canali televisivi musicali a causa delle scene di violenza contenute nel cortometraggio.

Autunno 1996: una delle squadre di calcio brasiliane ha usato TDCAU come suo inno ed ha eseguito una danza rituale, copiando i movimenti di Michael nel video, prima di ogni partita, per spaventare e demoralizzare gli avversari.

Settembre 1997: MTV Europe ha iniziato a mandare la versione - carcere del cortometraggio TDCAU , ma solo dopo la mezzanotte.



IL REGISTA
Entrambe le versioni del cortometraggio di TDCAU sono state dirette da una sola persona, Spike Lee. L'atmosfera di entrambi i video si sente chiaramente come se fosse stata ispirata da due persone straordinarie e grandi talenti; è una sorta di radice di energia creata dalla l collaborazione e unione dei due. Spike Lee è un regista famoso. I suoi film ("Jungle Fever", "Get on the Bus" - Michael ha cantato la canzone On The Line in questo film) rappresentano da sempre i problemi delle relazioni umane, sociali, i pregiudizi razziali - per esempio, raccontano di ciò che accadrebbe se un uomo di colore si innamorasse di una donna bianca e di come lui e la sua cerchia reagirebbero. Questi sono film forti e sinceri, e Spike Lee è una persona eccezionale, i cui risultati nei film sono stati riconosciuti e apprezzati, quindi è davvero interessante sentire le sue impressioni sul lavorare con Michael Jackson.

"Ho incontrato Michael un paio di volte, ha avuto un premio a New York, due anni fa, dagli United College Fund come Artist of the Year. Così è venuto a casa mia a Brooklyn, ci siamo seduti e abbiamo parlato per quattro ore circa dell'arte, i film che ci piacciono, i musicisti, giusto le cose che ci sono piaciute ... E ho detto a Michael che, sul suo CD HIStory, c'era una canzone che mi sarebbe davvero piaciuta per fare un video musicale, questa grande ballata Stranger in Moscow. E Michael disse: "Tu fai video musicali?" "Sì, Michael, faccio un sacco di video musicali". Così gli ho dato la roba che avevo fatto, e lui ha detto, "Grande!" Allora la volta successiva che mi chiamò disse di nuovo: "Voglio che tu faccia Stranger in Moscow, ma cerchiamo di fare prima They Don’t Care About Us ".
"Nel concetto originale non dovevano essere due video, la parte della prigione sarebbe stata combinata con quello che avevamo girato in Brasile. I principali ordini che Michael mi diede erano che voleva che fosse girato duramente, voleva una scintilla, un margine affilato, voleva mostrare alla gente la disumanità con cui vengono trattati i loro fratelli e sorelle, e che anche lui, Michael Jackson, era uno dei tanti detenuti in questa prigione ".

"Tutto ciò in cui è coinvolto, lui vuole che sia il meglio che ci sia mai stato. Questo è un grande atteggiamento, ed è anche una grande responsabilità. E in tutto quello che faceva, mi diceva , "Spike, voglio che questo sia il migliore - non chiamarlo video musicale -"Voglio che questo sia il miglior cortometraggio di sempre", io ho detto," Okay , Mike! "(ride)
(Sul terreno di ripresa) "La folla era in delirio, e c'erano queste due signore che sono saltate fuori dalla folla, la sicurezza era carente su un lato, così queste signore sono saltate fuori, lo hanno afferrato, ed è caduto a terra! (ride) l'ho preso e ho chiesto al cameraman più tardi, "L'hai ripreso?", e lui ha detto: "Sì, e ho anche te." E' stato molto divertente. Non l'avevamo pianificato questo, non è stato recitato, avevano appena sfondato, ed è stato emozionante.
... Michael aveva un aereo in attesa, doveva essere a New York l'domani, così cercavamo di avere il maggior numero di riprese possibile ... "
"Qui, in questo video, è possibile vedere l'amore che le persone hanno per Michael. Le riprese di They Dont Care About Us, con Michael Jackson in Brasile sono state uno dei momenti salienti della mia carriera, compresi i film veri e propri. Ho avuto proprio un grandissimo momento. E' stato fantastico. "

I PARERI
Spike Lee (riguardo ai problemi con l' ottenere il permesso di filmare in Brasile): "Michael amava il Brasile e la sua gente. Lui non aveva bisogno di recarsi dall'altra parte del mondo solo per dimostrare che ci sono le baraccopoli a Rio. E' una stronzata. Noi non cerchiamo di combattere le autorità del Brasile. 
Agli occhi di tutto il mondo, questi tentativi di impedire a Michael Jackson di ottenere un visto, fanno apparire il Brasile come un paese assurdo, il tipo di repubblica delle banane ... "
Bob Jones (sul divieto del video per il contenuto del testo): "Michael non è razzista, è provato da molte delle sue azioni a favore di persone di tutte le nazioni e le religioni."

Uri Geller (sui testi controversi): "Purtroppo, una delle canzoni di Michael ha una linea ... A me sembra come un uomo ignorante che avesse sentito certe menzogne dagli squali del mondo dello spettacolo, ma non avesse mai colto il loro significato."

Michael Jackson (sulle accuse di antisemitismo): "Non è antisemita perché io non sono razzista. Non potrei mai essere razzista. Amo tutte le razze dagli arabi, al popolo ebraico ... come ho detto prima, ai neri. Ma quando dico, "Jew me, sue me, everybody do me, kick me, kike me, don’t you black or white me" sto parlando di me come vittima, capisci. Il mio ... i miei commercialisti e avvocati sono ebrei. I miei tre migliori amici sono ebrei ... David Geffen, Jeffrey Katzenberg, Steven Spielberg, Mike Milken. Questi sono i miei amici. Sono tutti ebrei. Così che senso ha? Sono cresciuto in una comunità ebraica. "

LE CONSIDERAZIONI
Mai prima d'ora Michael Jackson aveva parlato dell'aspetto politico dei problemi sociali; a volte gli era stato chiesto in un'intervista cosa pensasse della politica, ma ha sempre risposto sinceramente che era tutto greco per lui.

Da quando Michael era diventato una superstar, gli Stati Uniti avevano cambiato tre presidenti, e Michael aveva incontrato ciascuno di essi - Reagan, che fu il primo a invitarlo alla Casa Bianca, Bush senior e Bill Clinton, alla cui inaugurazione Michael aveva cantato e che, ai suoi occhi, era probabilmente il più piacevole nella comunicazione. Ma tutto questo non aveva niente a che fare con la politica - solo con l'inesauribile curiosità e il desiderio di Michael di vedere tutto con i propri occhi, di trarre le proprie conclusioni. Ma c'è qualche uomo politico che non sembri un uomo affascinante quando gli si parla per mezz'ora durante un ricevimento ufficiale? Michael non aveva né tempo, né bisogno di provare e capire il significato delle loro azioni.

Gli americani non se ne preoccupano più di tanto comunque, non dipendono dalla personalità del residente attuale della Casa Bianca, come noi. Così un uomo comune poteva permettersi di non pensare a un sacco di cose. Per molto tempo, Michael si è preoccupato solo di quei problemi che causano davvero un grande effetto su una mente comune: l'atteggiamento delle persone verso la natura e l'ambiente circostante (praticamente, quasi ogni canzone di Michael riguarda proprio questo - "Heal the World", "Man in the mirror "," Jam "," Keep The Faith "); questi sono i nostri problemi, la loro soluzione è solo nelle nostre mani, e nessun governo può aiutarci in questo o impedirci di risolvere queste cose. Ma ci deve essere qualcosa accanto a quello ...

Quel "qualcosa" ha fatto irruzione nella vita di Michael senza tanti complimenti e all'improvviso. Dopo essersi trovato egli stesso vittima di un'accusa fabbricata, si è reso conto che le leggi che una volta sembravano incrollabili, per lui non funzionavano. La presunzione di innocenza, un principio sacro, si è rivelato essere una parola vuota. Un uomo medio pensa ancora che il denaro e la fama siano in grado di risolvere qualsiasi problema, ma Michael ha scoperto che per lui non ha funzionato.

Cercando di uscire da questo incubo, Michael probabilmente continuava a pensare a come un uomo semplice si sarebbe sentito di fronte al governo (e al sistema giudiziario) - un uomo semplice che non ha alcuna possibilità di assumere il miglior avvocato, qualcuno per cui le celebrità non avrebbero parlato, qualcuno che non ha migliaia di fedeli fans. E se è vero che tutti sono uguali di fronte alla legge, diventa chiaro che un piccolo uomo è assolutamente impotente e non ha alcuna protezione. Dopo la sensazione di questa idea di "uguaglianza dei diritti", o, per dirla meglio, "parità sui non diritti", Michael ha fatto parlare la sua mente in una canzone per conto di un uomo comune.

La canzone è una narrazione in prima persona, e il suo ritornello esprime il sentimento del coinvolgimento di una superstar nei problemi della gente comune - " in realtà non si preoccupano di noi", che significa "io e te"; bene, qualcun altro avrebbe potuto scrivere "Davvero non si preoccupano delle persone". Ma non Michael. Per lui, questo concetto degli Stati Uniti è assolutamente naturale e quasi sacra. Si dice che Michael Jackson sia isolato dalla società, ed è stato utilizzato a volte per giustificarlo - in parte questo è vero, ma non quando si parla di sentimento di coinvolgimento. Lo stesso Michael Jackson si considera un cittadino comune e non ha paura di parlare come uno di loro. Non è vero ? La maggior parte dei problemi di Michael non è ridotta ancora al pregiudizio comune dei cittadini, per esempio, al razzismo di tutti i giorni?

Se analizziamo la stessa profondità di atteggiamento negativo verso Michael Jackson espressa da un sacco di gente, si può essere sicuri che troveremo un'irriducibile decadente xenofobia ignorante, il razzismo in tutta la sua bruttezza. "Don’t you black or white me" è una frase profondamente personale, ma non è un problema di atteggiamento della gente nei confronti di Michael personalmente, è un problema di xenofobia globale. E questo è solo un verso della canzone.

Michael non aveva idea di cosa fare - essendo un comune cittadino che non aveva mai provato a contraddire le autorità, non aveva nulla da proporre; per lui, era una di quelle situazioni che "ti fanno venir voglia di urlare". Quindi è meglio lasciare parlare Olga Petrova da Krasnoyarsk che ha osservato cose incredibilmente giuste:

"Ho pensato prima che ci fosse qualcosa di incompiuto nel cortometraggio di TDCAU, che mancava qualcosa. Ora mi rendo conto che è una cosa che non è mai stata lì inizialmente - non c'è energia di aggressione o di distruzione nella canzone, nulla di "Pace alle capanne, guerra ai palazzi". (Comunque suoni questo, nella nostra vita quotidiana e dentro di noi spesso vediamo le manifestazioni dell' energia aggressiva, l'accusa, e non l'energia di resistenza - Autocontrollo e forza d'animo contro le repressioni). Non c'è rabbia né spirito di vendetta - nessuna accusa, solo protesta e indignazione. Potrei dire che questa canzone parla di civile (e spirituale) ribellione (o disobbedienza).

Il contenuto e l'energia del brano sono entro limiti ragionevoli, quindi è molto difficile, praticamente impossibile pretendere poi che siano note aggressive. "Tutto quello che voglio dire è che in realtà loro non si preoccupano di noi" - si fa fatica a trovare una frase più pudica e perfino delicata per il nostro caso.

Nel senso conosciuto, la necessità di dichiarazioni pubbliche, come ad esempio "beat me hate me, you can never break me", aveva un carattere personale per Michael, proprio come lo aveva nel pubblico. La canzone e queste parole suonavano allora e ancora oggi suonano come una manifestazione di resistenza spirituale e disobbedienza contro gli accusatori deliberatamente falsi. Questo approccio al significato della canzone, personale in molti aspetti e non solo sociale, può spiegare il motivo per cui Michael ha girato due versioni assolutamente differenti del cortometraggio per la stessa canzone - una versione in prigione col dramma acuto del documentario e una brasiliana.

Nella versione brasiliana del cortometraggio, i poliziotti che guardano rigorosi e indifferenti al turbinio festoso di colori e ritmi, sono probabilmente l'unica cosa che ci ricorda il significato sociale della canzone (in caso contrario si potrebbe credere che gli abitanti della città stiano celebrando qualcosa): gratuita auto-espressione della gente, la gioia di vivere è sempre sotto il controllo vigile, e non si può mai essere sicuri che questa libertà non potrà mai venire limitata.
Ma la versione del carcere è completamente dedicata alle questioni sociali. Il cortometraggio è pieno di immagini che sono troppo spaventose da vedere ... (Michael ha usato video girati durante la ribellione degli studenti in Cina, sulla piazza Tiananmen, a Los Angeles, dove la polizia ha ferocemente picchiato gli afro-americani alla fine degli anni '70, in Vietnam, ecc.)

I fantasmi di persone picchiate perseguitano Michael anche in isolamento: queste non sono solo immagini televisive, ci sono immagini di vita reale - una realtà orribile di esseri umani umiliati e la sofferenza è tutto intorno a noi, sta dirompendo nella nostra vita normale e la nostra mente, e non ci dà nessun momento di pace, non ci si può nascondere da questo. Il cortometraggio fa rivivere le immagini di Roosevelt e Martin Luther King che, a parere di Michael, "would not let this be"- potrebbe non essere questo. (Si potrebbe anche dire che questo verso in qualche modo esprima il parere dei cittadini comuni - il bianco, per il quale Roosevelt è il presidente migliore, più onorevole e onesto, e il nero, per il quale Martin Luther King è una forma della realizzazione del vero spirito di lotta dei neri Americani per i loro diritti.)

La tensione nel video è enorme, ma allo stesso tempo si osserva una circostanza davvero meravigliosa: il cortometraggio non ci mostra una ribellione o una fuga, ma una sommossa assolutamente pacifica, non soppressa dalle guardie carcerarie. Sembra che Michael "alleggerisca" il soggetto della sua leadership di proposito, il suo comportamento mette in mostra una caratteristica speciale: egli esprime la sua protesta arrabbiata in maniera troppo dimostrativa, con grande sfrontatezza : getta a terra le stoviglie dai tavoli, agita il bastone di una guardia diritto davanti al suo volto. In generale, Michael è l'unico prigioniero che può muoversi liberamente nella sala da pranzo della prigione, che lo fa sembrare un balordo dalla testa calda, dando agli spettatori una sensazione di totale irresponsabilità per le conseguenze di questo gioco audace. Questa è solo una manifestazione di protesta e disobbedienza contro la negligenza delle autorità in materia di diritti umani e delle leggi.

Michael sta cercando di convincere che le persone hanno bisogno di lottare per i loro diritti, aumentando il loro spirito di protesta contro ogni oppressione e umiliazione, ma, ovviamente, l'espressione di risentimento nelle carceri non finisce mai veramente con lo sbattere i pugni contro il tavolo o col ballarci sopra, e Michael lo sa bene. Nella vita reale, il problema è che una chiamata a lottare "per la libertà e l'indipendenza" può facilmente cancellare il confine tra il bene e il male, tra la disobbedienza e l'attacco ... e lo spirito di protesta può essere facilmente sostituito dallo spirito di vendetta, la violenza e la crudeltà verso coloro che opprimevano la tua dignità e la tua libertà.

L'ultima scena del video mostra la perplessità di Michael (nel suo modo unico), che non sa cosa fare con la sua leadership. Mentre il suo urlo ancora persiste nell'aria, Michael, è già fuori dalla prigione, sta scappando da noi, si guarda indietro, fuggendo dalla prigione, i disordini, dal suo urlo e da se stesso ... E questo lascia una domanda inespressa, "Non so cosa ci aspetta ... che ne sarà di questo spirito di lotta, come sarà condiviso? "

C'è ancora una conclusione che richiede attenzione - Olga ha notato chiaramente "con quanta naturalezza e disinvoltura Michael si senta nel ruolo di intermediario in cui esprimere il dolore e la rabbia della natura (Earth Song), e come sia insicuro del suo ruolo quando si parla del dolore e della rabbia degli esseri umani (They Don’t Care About Us) ". E 'difficile lottare per la gente - soprattutto perché le persone sono quelle da biasimare per i propri guai e disgrazie (quindi non come per la natura!).

La questione della opportunità di utilizzare "testi contestati" nella canzone TDCAU è ancora aperta. In questo momento Jennifer Lopez ha a che fare con la sua dose di guai perché ha usato la parola "nigger" in una delle sue canzoni; credo che nulla sia semplice come sembra. Questo appare solo come un pregiudizio o una piccola cosa stupida, ma una volta che ho parlato con una ragazza dagli Stati Uniti, e lei mi ha detto che "non importa come vengono utilizzate le parole negative - il fatto stesso che una superstar le utilizzi può essere un cattivo esempio ". Suona abbastanza strano, tenendo conto della gamma di parole oscene in un minuto di un blockbuster di Hollywood, ma, forse, questa è una questione di mentalità, e non c'è motivo per essere sconvolti. Se crediamo che la tolleranza sia una qualità necessaria, allora non dovremmo discutere delle stranezze di una nazione diversa ( da noi ).

Per quanto riguarda la polemica brasiliana, la storia è chiara. Michael ha cantato che le autorità non hanno a cuore le persone, e il governo brasiliano lo ha illustrato con il suo comportamento perfettamente. Le autorità brasiliane si sono preoccupate per i loro soldi e la reputazione del Paese, ma chiaramente non hanno capito che si sono solo indebolite ancora di più, cercando di evitare che Michael Jackson riprendesse la loro terra (le autorità dei paesi in via di sviluppo hanno spesso tali complessità oggettive, una mancanza di flessibilità mentale). Ma loro non si sono preoccupate di coloro che vivevano nelle baraccopoli di Rio. Quei ragazzi e ragazze seminudi e abbronzati, adulti e bambini (e noi pure) hanno capito ancora una volta che c'era una persona al mondo che avrebbe sempre avuto cura di noi.
Autore: Anastasia Kisilenko, 2001.
L'articolo è stato pubblicato in Dangerous fanzine Zone, Issue 13-14.


ORIGINAL LINK
Civil Disobedience: The Story Behind ‘They Don’t Care About Us’