martedì 9 settembre 2014

Michael Jackson aveva bisogno di un posto dove stare - 2004


Un'altra bella storia, ma poco conosciuta su Michael Jackson e le sue interazioni con le persone dal cuore generoso.

Nell'aprile del 2004, Jackson doveva ricevere un premio dall' Associazione African Ambassadors Spouses per il suo lavoro umanitario. Ma i pochi giornalisti intervenuti all'evento, sembravano poco interessati al suo lavoro in Africa, volevano chiedergli cosa fosse successo al Neverland Ranch. Per cui, quello che avrebbe dovuto essere solo un viaggio di routine a Washington divenne tutt'altro che di routine. Jackson aveva bisogno di un posto dove stare, e il suo entourage, sembrava non riuscire a trovare un posto adatto a lui, in nessun albergo a Washington. L'agente immobiliare che doveva occuparsi del trovargli alloggio, era a corto di opzioni. Fermatasi a mangiare un boccone, le capitò sotto gli occhi il Washingtonian Magazine, dell'aprile 2004.

C'era un articolo dal titolo "Great Places to Live" con me, mia moglie e le nostre due figlie sulla copertina. La storia parlava di come avevamo progettato una casa vicino a Leesburg senza mura e tantissimo spazio aperto tutto intorno. L'agente ci conosceva abbastanza bene da pensare di potersi permettere di prendere in mano il telefono e chiederci se ci avrebbe fatto piacere considerare di permettere a Michael Jackson e ai suoi figli di stare a casa nostra. Cosa avreste fatto se un amica avesse chiamato di punto in bianco e avesse suggerito che Michael Jackson poteva essere interessato a soggiornare a casa vostra? Per prima cosa,abbiamo pensato che stesse scherzando. Ma lei era seria. La Domenica dopo, eravamo in chiesa ad ascoltare il sermone del nostro reverendo, il dottor Norman A. Tate, e che curiosamente era la parabola del Buon samaritano. Il reverendo Tate quindi è stata la prima persona che abbiamo consultato. Dovevamo offrire a Michael Jackson un porto sicuro?

Quella notte, a seguito di una lunga discussione in famiglia , abbiamo messo l'opzione al voto, e dopo aver risolto alcuni dettagli abbiamo iniziato a preparaci per l'arrivo della famiglia Jackson. Michael Jackson viaggiava con un entourage di 14 persone. C'erano due cuochi, tre baby sitter, tre figli, assistenti personali, tutor, uomini della sicurezza, e Jackson stesso. Sapevamo di dover lasciare la casa, lui arrivava e noi dovevamo andar via. (Abbiamo alloggiato in un albergo.) Le persone del suo entourage lo chiamavano il Cliente o Committente. Raramente veniva indicato per nome. Le persone della periferia pensavano alla visita di un capo di Stato, che era ciò che anche i nostri vicini sospettavano. Prima che si trasferisse, la casa doveva essere preparata. Il suo entourage aveva coperto tutte le vetrate e le porte. Le sue necessità erano avere lenzuola e asciugamani di lino. Il suo profumo preferito, una fragranza di montagna, che veniva spruzzato dappertutto, e che abbiamo sentito per settimane dopo la sua partenza. Poi, con il favore delle tenebre, arrivò. Il suo jet privato era atterrato e ripartito velocemente dall'aeroporto di Leesburg.


Quella sera, mentre stava arrivando, cenammo in un ristorante locale, cena su gentile concessione dell' intrattenitore, e ci chiedevamo se si stava godendo la nostra casa tanto quanto facevamo noi. Ci siamo chiesti se ammirasse la vista delle Blue Ridge Mountains e se avesse fatto una passeggiata e notato le sette specie di uccelli che vivevano nei nostri ettari di terreno.
Avrebbe suonato il pianoforte a coda? I suoi figli avrebbero giocato nel piccolo studio di danza? Avrebbe usufruito della piscina e della vasca idromassaggio , o si sarebbe rintanato semplicemente da qualche parte? La mattina dopo, ci furono consegnati gli inviti a diversi eventi, tra cui i BET awards, dove si svolgeva la premiazione . Prima del suo arrivo ai BET, un gruppo dell'élite afro-americana di Washington attendeva pazientemente all'esterno. Abbiamo sentito un sacco di commenti sgradevoli; alcune coppie parlavano di come non avrebbero mai lasciato i loro figli ovunque vicino a Jackson. Poi lui arrivò e iniziò una corsa precipitosa. Coloro che lo avevano ridicolizzato, facevano a spintoni per essere in prima fila..

Il suo assistente ci accompagnò all'entrata nel retro. Ci disse che Jackson voleva incontrarci per ringraziarci di aver permesso a lui e ai suoi figli di usare la nostra casa. Ci chiese delle foto alle pareti e poi ci disse di come quel posto sembrasse tranquillo. Fu tutto molto piacevole, ma si capiva che c'era qualcosa di molto triste in lui. Del resto, la nostra casa, si può dire che fosse la rappresentazione di ciò a cui più ambiva: era cresciuto senza un' infanzia, e la nostra casa era piena del quel tipo di ricordi d'infanzia che il denaro non può comprare, battesimi, feste di compleanno, le avventure della famiglia. Per mantenere segreto il suo soggiorno presso la nostra casa, la mattina, andavamo li davanti come al solito, per prendere una delle nostre figlie che tornava con l'autobus della scuola.. Finivamo sempre per imbatterci in una delle guardie del corpo di Jackson vestita di nero. Alla fine gli dissi che se volevano che la presenza di Jackson, rimanesse segreta , era meglio evitassero di venirci incontro come se fossimo dei reporters che erano in cerca di Jackson quotidianaente. La nostra paura era che si scatenasse un circo mediatico nel quartiere. Le nostre figlie, allora di 13 e 15 anni, andavano a scuola ogni giorno chiedendosi se il loro segreto sarebbe stato scoperto..


L'ottavo giorno, rimanemmo sorpresi, perchè Jackson non sembrava essere ancora pronto a partire, come invece era da accordi. Ma quella sera organizzò una sorta di festino privato a base di vino e formaggio, a casa nostra, facendo si che i nostri figli potessero conoscere i suoi. Era anche sin troppo gentile. Mentre lavoravo, mia moglie e le mie figlie chiacchieravano con Jackson e i suoi figli. Parlavano di infanzia e di normalità. I suoi figli erano molto loquaci; lui molto pacato, ma giocoso. Mia moglie lo ha descritto come un'anima gentile che evidentemente amava i suoi figli e loro lui. Per lui era anche importante dare una disciplina ai bambini. Posò per le foto e accettò di autografare su molti oggetti, tra cui dei CD. Il nono giorno, Jackson e i suoi figli se ne andarono. Come la notizia della morte di Michael Jackson si è diffusa, il 25 giugno , la mia famiglia ha pianto l'uomo, non lo avevamo incontrato come il Re del Pop, ma come una persona intrappolata in un mondo che non aveva creato , un uomo che era venuto da noi in cerca di un posto dove stare.. Mentre sedevo sul nostro terrazzo e guardavo ad ovest verso le Blue Ridge Mountains, speravo che adesso potesse vedere quello che vedo ogni sera, un tramonto perfetto.

ORIGINAL TEXT
Michael Jackson Needed A Place to Stay – 2004