venerdì 3 ottobre 2014

Michael Jackson - La controversa scultura di Jeff Koons : La sua storia.

Luglio 2014
Settimane dopo la performance virtuale di Michael Jackson ai Billboard Music Awards, un altro surreale - e controverso - avatar del Re del Pop si imbarcherà in un tour mondiale di sorta.

Il 27 giugno, la statua di Jeff Koons '"Michael Jackson and Bubbles," tornò a New York come uno dei pezzi più importanti della mostra "Jeff Koons: A Retrospective" il più grande mai esposto al Whitney Museum. Nel mese di ottobre verrà esposta al Centre Pompidou di Parigi e al Guggenheim di Bilbao in Spagna.
[...]
Figlio di in arredatore di interni e di una sarta, Koons, che e cresciuto a NY ,non si è mai scusato per il suo desiderio di voler diventare ricco e famoso. "Se potessi essere qualcun altro, sarei Michael Jackson", ha più volte detto. Ha senso allora che Koons abbia scelto una rappresentazione del cantante come centro della sua mostra del 1988, "Banality".
"Per me, Michael Jackson è stato una specie di autorità spirituale che poteva aiutare le persone a sentirsi al sicuro abbracciando la propria cultura, qualunque essa fosse", ha detto l'artista.

In una recente conversazione pubblica con Koons, il regista John Waters ha parlato di quella scultura definendola la "il pezzo più spaventoso" dell'artista, ma Jackson ha “appoggiato" il progetto, inviando a Koons le foto da lui richieste. L'artista ha scelto una del musicista e di Bubbles dal 'Bad World Tour', in cui entrambi indossano giacche rosse abbinate e lo scimpanzé è nel grembo del cantante. "Era un periodo in cui Michael si stava sottoponendo a parecchi interventi di chirurgia plastica, così ho dovuto usare più foto per farlo bene", ha detto Koons.

Koons si è preso qualche licenza artistica nei dettagli, spostando leggermente la posizione di Jackson per ricordare la tradizione storica della Madonna con bambino. Quando la scultura ha visto la luce - sono state fatte quattro edizioni, compresa quella di prova fatta dell'artista - i fans si sono risentiti perché la porcellana dava a Jackson una tonalità di pelle troppo bianca e molto femminile, con la linea degli occhi pesantemente marcati e le labbra troppo rosse e sensuali. Koons ha risposto ai reclami per il look androgino di Jackson con un cenno al mondo antico. "Quando Apollo suonava la musica ha ispirato una trasformazione che trascendeva i generi, in modo che il maschile è diventato più femminile. Michael è l'Apollo moderno."

L'artista e Jackson non si sono mai conosciuti, anche se sono stati sul punto di farlo in più di una occasione. Una volta, quando Jackson era a New York per esibirsi al Madison Square Garden, dice Koons: "ho ricevuto una telefonata dicendo che voleva visitare il mio studio. Ero nel nord Italia, dove ancora stavamo lavorando sulla scultura, ma avevo delle foto che potevo mostrargli. Così sono tornato a New York per vederlo. "Ma per i problemi di salute di Jackson l'appuntamento è stato annullato”.
Tuttavia, l'artista ha lavorato con Bubbles, quando ha assunto il fotografo Greg Gorman per fare una serie di foto promozionali per "Banality".
In una di queste sessioni inedite, Bubbles appare con una giacca di pelle in posa con Koons e la famosa Katie Wagner. "Ricordo che ero più entusiasta di lavorare con Bubbles che con Jeff" dice la Wagner. "Io davvero non sapevo nulla di Jeff a quel tempo, a parte che eravamo entrambi giovani e famosi."
[...]

ORIGINAL TEXT
Jeff Koons' Controversial Michael Jackson Sculpture: The Story Behind It