lunedì 15 dicembre 2014

Henry Vaccaro: Il 'proprietario' di Michael Jackson


Abbiamo fatto visita a Henry Vaccaro, che ha fondato la 'Kramer Guitars', è diventato amico intimo di Johnny Cash e possiede migliaia di oggetti di Jacko; compresi nastri inediti Jackson 5.
"Michael Jackson non è un mio amico, vorrei non aver mai sentito il suo nome."

Henry Vaccaro sorseggia una limonata e guarda l'orizzonte, mentre ripercorre la storia che ha legato il suo nome al Re del Pop e che per anni, è diventato proprietario della più grande collezione di oggetti personali della storia di Jacko.
Vaccaro, risale al 1975. "Quando mio padre è morto ho iniziato a lavorare nel settore delle costruzioni. Sono riuscito a stabilirmi nella mia zona [New Jersey] e ho costruito una casa all'anno.” Vaccaro non sapeva suonare nessuno strumento, ma aveva fiuto per gli affari. Quando ha incontrato Dennis Berardi, Phil Petillo e Gary Kramer, che cercavano un luogo per iniziare a fabbricare chitarre, ha offerto il suo aiuto. E' diventato il principale investitore della Kramer Guitars, che ben presto ha rivoluzionato il mercato delle chitarre negli Stati Uniti con un design che sarebbe diventato un distintivo dei virtuosi come Clarke o Eddie Van Halen.

I suoi affari con la con Kramer Guitars (oggi, una linea di Gibson) gli hanno aperto le porte a un nuovo mondo in cui ha incontrato il suo idolo giovanile, Johnny Cash, e anche la famiglia di Michael Jackson. Gli anni '80 erano anni d'oro. Gli affari andavano bene, e Vaccaro ha anche iniziato a stringere una forte amicizia con' L'Uomo in Nero', che visitava il New Jersey molto spesso. L'imprenditore costruito e reinvestito i loro profitti nella rigenerazione della città dove è nato, Asbury Park, per un paio di anni, quartier generale e la sede Springsteen e La stanza Stone Pony, fatica a riprendersi da un passato tumultuoso. ….. Tale era l'ambito dell'attività lavorativa di Vaccaro che la stampa si è fatta eco dei suoi successi intitolandole: "Welcome to Vaccarolandia".

Fu allora che incontrò la famiglia Jackson, interessati ad investire in Asbury Park e, tra le altre cose, a costruire un 'Padiglione Jackson', un complesso con museo, ristorante e sala da concerto, del valore di 51 milioni dollari.
Una grande quantità di oggetti personali di Michael Jackson e dei suoi fratelli sarebbero stati esposti. Quando, poco dopo il progetto di rivitalizzazione è fallito, la Jackson Communications Inc. ha mantenuto il suo interesse per l'acquisto di imprese locali in New Jersey, tra cui Kramer Guitars, la società che era diventata un fenomeno internazionale.
Con gli occhi rimpiccioliti con l'età, Vaccaro ricorda Joseph Jackson, il patriarca, che era il più interessato a comprare Kramer. Quando l'azienda è stata spinta verso la bancarotta a causa "di disaccordi interni," Mr. Jackson è stato il primo ad offririsi come investitore, e nel 1993 ha firmato il contratto di acquisto di Kramer. Tuttavia, non ha mai pagato il prezzo stabilito per la vendita. Questo è stato il fattore scatenante di una lunga serie di battaglie legali.
Anni dopo, due camion carichi di oggetti personali di Michael Jackson e la sua famiglia sono finiti nelle mani di Henry Vaccaro, come pagamento in natura per debiti contratti dai Jackson, che si erano dichiarati insolventi per evitare di pagare 1,4 milioni di dollari [1 milione di €.] pattuiti per l'acquisto di Kramer Guitars.

La procedura per raccogliere il materiale è degna di una scena di un film: il detective di Vaccaro, con atti giudiziali sotto braccio e scortato da alcuni poliziotti, si è presentato in uno dei magazzini in cui i Jackson avvano accumulato centinaia di effetti personali, dai giocattoli di Jacko ai costumi di scena dei tour, dischi d'oro, fotografie, videocassette e registrazioni originali anche inedite, oltre ad importanti documenti familiari raccolti in vista del sogno del 'Padiglione Jackson'.
Non è stato facile per i due camion lasciare Los Angeles e ci sono voluti circa sei mesi per catalogare il materiale raccolto, circa 2.200 oggetti.
Alcuni dei pezzi più preziosi sono stati messi all'asta nel 2007, ma fino a settembre 2014 gran parte della collezione è rimasta in New Jersey, sotto la custodia del Tribunale Federale degli Stati Uniti, che ha ordinato l'asta pubblica per il resto del materiale per saldare il debito contratto da Henry Vaccaro dopo continue richieste milionarie agli eredi di Michael Jackson. "Non ho mai voluto avere tutti quegli oggetti personali" ripete Vaccaro, che più di una volta ha offerto ai Jackson la restituzione dei loro ricordi in cambio dei soldi che gli dovevano. "Non vedrai un centesimo", hanno risposto i responsabili della gestione della tenuta di Jackson.

Ma Vaccaro è ottimista e, soprattutto, un combattente. A 74 anni, ha appena perso tutto di nuovo, ma il suo sguardo non denota abbattimento o altro.
Forse ha un ultimo asso nella manica: il copyright delle 26 registrazioni originali con brani inediti dal Jackson 5. Il bene più prezioso di tutta la raccolta, è a suo nome...

ORIGINAL TEXT