lunedì 1 dicembre 2014

Michael Jackson - Postumano. Susan Fast

ENGLISH



La copertina per l'album di Michael Jackson, Dangerous è stata dipinta dall’artista pop-surrealista americano, Mark Ryden. In essa, si descrive un mondo in cui i confini tra umano e animale, vivi e morti, tutto e in parte, celeste e terrestre sono incrociati e fusi.

I pittori surrealisti come Ryden spesso mirano ad accomunare queste categorie - a conciliare, nella loro arte, quello che sembra essere inconciliabile nella vita. Ma in realtà, questo confine attraversa ciò che accade nella vita - sempre di più - e corrisponde a quello che alcuni hanno chiamato "postumanesimo".

Cary Wolfe, un professore inglese e autore del libro" Cos’ è il postumanesismo", scrive che noi siamo "creature fondamentalmente protesiche", che si affidano ad entità esterne al sé – ad altri esseri umani, agli animali, alla tecnologia - per funzionare e per prosperare.

In altre parole: Nei confini del nostro corpo e l'intelletto non siamo così controllati e finiti come vogliamo pensare di essere.
Il postumanesimo sostiene anche lo smantellamento della gerarchia che mette gli esseri umani - in gran parte a causa della nostra capacità della "ragione" - al di sopra di altre forme di vita e tecnologia.
Entrambe queste idee sono state al centro della vita e dell'arte di Michael Jackson.

E' un po' sorprendente che così pochi l'abbiano considerato attraverso questa focalizzazione; invece, molti lo hanno semplicemente etichettato come lo strano o l’eccentrico.
I media si sono affrettati ad etichettare Jackson senza considerare le sue intenzioni artistiche.


Eppure tutta la carriera di Jackson è stata definita dal suo rifiuto dei limiti normali. Questo include non solo i più evidenti di questi (razza e genere), ma anche le barriere generazionali, i limiti del suo corpo fisico, e le divisioni tra le specie reali e le immaginarie - per non parlare del modo in cui senza soluzione di continuità abbia saputo fondere generi artistici.

Jackson ha celebrato l'idea protesica dell’umano in innumerevoli modi. Ad esempio, attraverso la chirurgia plastica, procedure di cosmetici, make-up, acconciature e costumi, ci chiede non solo di riconsiderare i binari di genere (che è la parte relativamente facile), ma di mettere in discussione le idee prevalenti sulla bellezza estetica e ciò che può essere chiamato " normale ". Le nostre immagini(il nostro aspetto esteriore) sono tutte prodotti di un intervento esterno (anche l'uso di creme o limarsi le unghie); Le modifiche estreme di Jackson potrebbero essere pensate come supporto a questo.
Jackson era un postumanista che trascendeva i confini tradizionali. In Moonwalker, appare come un cyborg: metà umano, metà robot.
Anche l’attraversamento del confine fantastico è una caratteristica della sua pratica artistica - dove, in alcuni punti, si è presentato come un lupo mannaro, uno zombie, e una pantera. Nel film Moonwalker si trasforma in una nave spaziale; in Ghosts, diventa uno scheletro che balla, un mostro grottesco, e un volto gigantesco che blocca una porta.

Ghosts, infatti, è un film a cui si rivolge la percezione che lui sia direttamente un "freak" e "anormale". E' notevole che così tanto della sua morfologia in questo film si concentri sul suo volto - un soggetto costantemente sotto controllo e deriso nei media.

In Ghosts, Jackson affronta direttamente i suoi critici. Chi ha l'autorità per dichiarare ciò che è normale e cosa non lo è?
Sia la sua vita che la sua arte, mostra l'uso del corpo come un work in progress, completamente aperte e fiduciose nella sperimentazione senza limiti. C'è piuttosto una lunga tradizione di artisti che si sono impegnati nel modificare il corpo come un mezzo attraverso il quale testare i limiti della carne, come Orlan e Stelarc.

Forse l'aspetto più controverso dei cambiamenti fisici di Jackson era lo schiarimento della sua pelle. Dovremmo tenere a mente che questo era il risultato della vitiligine, malattia della pelle. Si ritiene, erroneamente, che il suo colore si fosse semplicemente schiarito, ma in realtà era proprio cambiato - e il suo intento era ben lontano dal voler "essere" bianco, come molti hanno concluso.
C'è stata una lunga tradizione di artisti (come Stelarc, nella foto) che si sono impegnati nel modificare il corpo. Nessuno ha ricevuto la quantità di attenzione - e critica - che Jackson ha avuto.

Invece, è possibile che la vitiligine - difficile come deve essere stata per lui - sia servita come un'opportunità per iniziare una conversazione su razza e colore della pelle. Voleva sfidare l'idea di razza come fissa o legata alla biologia, piuttosto che frutto di un costrutto sociale.

Il confine – che Jackson ha promosso, si è esteso alla sua nozione di famiglia, che può essere descritta come una sorta di "parentela strana." Questo non ha niente a che fare con l'orientamento sessuale, ma piuttosto sul come ha sfidato idee e normative su ciò che costituisce la famiglia. La sua famiglia inclusi gli animali (Bubbles lo scimpanzé, sì, ma anche Muscles il serpente e Louis il lama). 
Comprendeva i bambini (Jackson poteva ancora giocare come un bambino, con i bambini, quand’era un adulto,e sperimentare idee sulla normale progressione lineare dall'infanzia all'età adulta). Comprendeva le starlets di Hollywood più anziane, come Elizabeth Taylor e Liza Minnelli (di nuovo rompendo i confini delle norme sull’appartenenza generazionale); e comprendeva la famiglia borghese di Frank Cascio dal New Jersey, che Jackson aveva adottato come propria, mostrandosi regolarmente e passando il tempo a casa loro, dove passava l'aspirapolvere e rifaceva i letti con la madre di Cascio.


Gran parte di questo è stato considerato patologico perché non è un modo conforme di costruire una famiglia; attraversa confini che normalmente non si incrociano.
Questo ha messo molte persone a disagio.

Ma la visione di Jackson del corpo e della parentela era effettivamente lungimirante, una sorta di punto oltre le norme sociali spesso celebrato da altri artisti e attivisti, ma ancora visto con grande sospetto nel caso di Jackson. Altrove, ho sostenuto che questo è stato perché Jackson aveva attraversato così tanti confini simultaneamente. E' stata la combinazione delle trasgressioni sociali che ha causato la paura della gente - piuttosto che la celebrazione - la sua differenza.
E' stato inoltre, il fatto che lui aveva veramente vissuto queste trasgressioni: in nessun aspetto le trasgressioni di Jackson venivano mitigate. Quando altri artisti tradizionali, come Lady Gaga, trasgrediscono i confini sul palco, l'impatto viene spesso ridotto nella vita privata, diventando più conforme alle norme sociali.

In un saggio del 1985 su Michael Jackson, James Baldwin ha scritto che "i fanatici sono chiamati freak (mostri) e sono trattati come sono trattati - in principal modo, abominevole - perché sono esseri umani che causano l'eco, in profondità dentro di noi, dei nostri più profondi terrori e desideri. "