domenica 11 gennaio 2015

Dire addio a NEVERLAND e a Michael Jackson..

Volevo scrivere questo post, non semplicemente saltare sul carro dello sfogo dei media su Michael Jackson. Io non sono qui per giudicare la sua vita o parlare delle sue finanze, o il suo passato travagliato, o le accuse, o anche di Bubbles.

Sto scrivendo questo semplicemente per raccontare una storia. E 'una storia che non ho mai avuto voglia di raccontare prima. Ora che il "Ranch" di Michael non esiste più, e - le giostre sono state smantellate - sta lì semplicemente come un'ombra del suo creatore di proprietà di una banca , volevo dire alcune cose circa la mia esperienza a Neverland, e la verità dietro quello che ho visto.

Per molti versi, sento che questa è una sorta di confessione. Non ho mai visto Neverland come un luogo interessante. In un primo momento, non ho capito il suo potenziale di raccontare una storia fotografica. Qualcuno trova significativa l' architettura storica, io non vedevo Neverland come significativo, né storico. Tutto questo è cambiato.

Nel dicembre del 2007, andavo verso Ventura per le vacanze. Avevo percorso molte volte la 101 prima. In ogni viaggio, mi fermavo ad un certo punto della strada per fotografare di notte. Come sempre ogni anno a dicembre, poco prima di Natale, le radio sono piene dei jingles natalizi del passato. Di solito, la guida di sei ore è sopportabile se passo da una stazione all'altra - tra gli spot pubblicitari. in quel viaggio in particolare ero stanco della musica. Io non so perché Michael mi è venuto in mente. Parte di ciò probabilmente aveva a che fare con il silenzio e la mia abitudine di immaginarmi la musica nella mia testa in questi momenti. E 'anche possibile che abbia passato l'uscita per Los Olivos e mi sia venuto in mente il pensiero del luogo. Qualunque cosa fosse, l'idea di Neverland abbandonato ha cominciato a farsi strada nella mia mente. La radio era spenta, e ho cominciato mentalmente a girarci intorno. Che cosa significava Neverland per Michael? Poi la grande domanda: perché Neverland non poteva essere "memorabile" nella mia mente?

Devo ammettere, io subisco la visione miope della maggior parte degli storici - dilettanti o meno - che la storia debba essere sempre identificata con il vecchio. Ecco perché Graceland è stata "storia" per me, ma Neverland no - almeno non fino a quando non c'è più stata. Le ore passavano, e il desiderio di vedere l'interno di Neverland si faceva più forte. Avevo sostanzialmente esaurito tutte le altre possibilità fotografiche lungo la 101, e sapevo che questa opportunità non sarebbe durata a lungo. Poi, un giorno prima che iniziassi il viaggio di ritorno a San Francisco, sono uscito da un teatro e ho visto che sembrava che nevicasse . Ho subito capito che erano grandi fiocchi di cenere provenienti da un incendio nelle vicinanze. Il cielo era scuro e arancio. E 'stato un segnale di un presagio inquietante, o almeno questo è quello che mi è sembrato. Avevo bisogno di fotografare Neverland, oppure - e ho avuto una sensazione forte - tutto sarebbe andato in cenere, senza adeguata documentazione.

Una volta che avevo deciso, non c'era modo di cambiare idea. Eppure, ho pensato più di una volta di rinunciarvi del tutto e continuare a guidare verso nord. Ho cercato di convincermi che avevo violato molte volte i confini di altri luoghi - ma le implicazioni non mi avevano mai veramente infastidito fino a quando non ho considerato di camminare nel parco privato di Michael. Mentre scrivo, cerco ancora di giustificare le mie azioni pensando quanto Michael ha veramente voluto condividere il suo mondo. Era un suo desiderio vero e proprio che tutti comprendessero le cose come lui. E il mondo in gran parte non ha capito quello che stava cercando di comunicare con Neverland, così lo abbandonò.

Le persone mi hanno chiesto lo scorso anno cosa si prova a stare a Neverland durante la notte, da solo. Non volevo dire nulla, tranne che è stata l'esperienza più surreale e incredibile della mia vita. Altri mi hanno chiesto come mi sentivo con Michael, dopo aver visto Neverland, ma non ho potuto assolutamente rispondere. Tacevo il giudizio. Forse, come tutti gli esseri umani feriti in battaglia, avevo il sospetto che tutti i miei migliori sentimenti per l'uomo sarebbero andati in frantumi quando si fosse presentata un'altra accusa. Ma non è mai successo, proprio come sospettavo, perché tutto quello che ho visto al Ranch mi ha detto che era un uomo innocente.

La notte ho guidato fino ai cancelli anteriori, la guardia di sicurezza era lì, seduta in un fortino ben illuminato sul lato della strada. Neverland è a circa 400 metri dal cancello d'ingresso. Era una notte buia. In realtà, c'era la luna nuova, e il cielo era senza nubi. Giù a Los Olivos, le stelle brillavano, e c'era poco inquinamento luminoso . Mi sono accertato di mantenere la mia velocità mentre passavo davanti alla guardia, e ho guidato fino al piccolo parcheggio a est del parco. La passeggiata verso Neverland era di circa mezzo miglio attraverso dolci colline e campi bui. Ho portato un GPS, impostato al livello di luminosità più basso, e ho continuato cliccando, verso lil confine settentrionale del parco.

Mi sono trovato in una strada che sembrava essere stata una strada di servizio per i custodi degli animali. Allora tutti gli animali erano andati via, salvo alcuni cani nella vecchia voliera. Emergendo dai rami di quercia della valle, mi sono trovato in una città in miniatura. Ero emerso proprio allo zoo. Da lì, la mia avventura è iniziata.

Stranamente, al momento in cui sono entrato, un vento ululante si è diffuso in tutta la valle. Gli alberi inclinavano le fronde massicce e cadevano; potevo sentire lo scricchiolio della ruota panoramica; il ponte levatoio di corda sventolava selvaggio e imprevedibile. Quando sono arrivato camminato a un enorme tendone per auto abbandonato, il vento era diventato così forte, che strappava il rosso tetto di tela. E 'una fortuna che il vento mi abbia permesso di muovermi liberamente intorno al parco, senza un solo latrato dei cani nelle vicinanze.

In mezzo a tutto questo vento, gli unici elementi statici di Neverland erano le fredde facce di bronzo delle innumerevoli statue che punteggiavano il terreno. I sorrisi dei bambini sembravano quasi tristi, nel contesto; e a parte la scossa di paura che mi colpiva quando incontravo una nuova figura congelata (pensando che fosse una persona reale), queste statue erano i soggetti da cui la mia macchina fotografica era più attratta. Le giostre si sarebbero potute trovare in una qualsiasi fiera di contea in qualsiasi stato del paese. Ma era la psiche di Michael Jackson che ha attirato la mia curiosità. Le statue erano una traccia; erano i miei reperti da catalogare prima che arrivasse il momento della loro finale liquidazione .

Ho fatto due altri viaggi a Neverland, ogni volta con amici cari. In tutto, ho scattato centinaia di fotografie del parco. Molte di queste foto, non potrò mai pubblicarle. Ogni viaggio è diventato progressivamente più agrodolce. Io in realtà non ho alcun rimpianto di aver fatto quello che ho fatto, ma se c'è una cosa che vorrei aver fatto a Neverland, sarebbe aver fatto il Super Scivolo ; Penso che MJ lo avrebbe voluto , e sono sicuro che gli amici con me nel mio ultimo viaggio lo avrebbero trasformato in un servizio fotografico.

Nonostante quanto tutto sembrasse kitsch; nonostante le polemiche; e il fatto che ho potuto vedere Neverland solo da un punto di vista (quello della notte), il tempo che ho trascorso a Neverland è tra i momenti più memorabili della mia vita. Neverland mi ha permesso di sfuggire al cinico mondo xenofobo di un paese impantanato nella guerra, nel terrorismo, e agli articoli quotidiani sui kamikaze. Possono essere state solo un paio di notti di evasione, nel migliore dei casi, ma mi hanno permesso di mettermi nei panni di Michael - facendo il moonwalking a modo mio lungo il paesaggio immaginario di un'anima veramente nobile. 
Che tu possa riposare in pace, Michael; il tuo sogno continuerà a vivere


ENGLISH

.