domenica 11 gennaio 2015

Storia dietro una foto: I Jackson 5 in spiaggia-1969 di Rockabye Baby

Dietro ogni foto, c'è una storia. . .
Oggi, il noto fotoreporter, regista e sceneggiatore, Lawrence Schiller , ci racconta la storia dietro questa foto del 1969 dei Jackson . Continuate a leggere per capire come tutto è cominciato con un piccolo aiuto da una loro amica, Diana Ross.


Nelle parole di Lawrence:
Il New York Times mi aveva dato l'incarico di fotografare Diana Ross della Motown Records, e un giorno, mentre la stavo fotografando a Central Park, lei mi ha detto: "Dovresti fotografare un nuovo gruppo musicale che ho scoperto."
E io risposi: "Non sapevo che ti occupassi anche di scoprire talenti musicali"
E Diana disse: "Qualcuno mi ha scoperto e pertanto faccio la stessa cosa... il nome del gruppo è The Jackson 5. "
The Jackson 5 non significava niente per me. . . Jackson 5, che fossero adulti o bambini, non faceva differenza per me.

Così ho chiesto al presidente e proprietario della Motown, Barry Gordon, di organizzare un servizio. Diana mi aveva accennato che sarebbero venuti in California, dove vivevo, per fare un album. Tornato a casa, un pomeriggio ho ricevuto una telefonata da una delle sorelle di Barry Gordy che mi disse "I Jackson 5 sono a Los Angeles, dove ti piacerebbe fargli le foto?"
"Beh, Sono mai stati prima d'ora in California?» Chiesi.
"No, non hanno mai nemmeno visto l'Oceano Pacifico. . . "Rispose.

Pensai che se non avevano mai visto l'Oceano, avrei dovuto esserci mentre facevano questa esperienza per la prima volta.
Così lei organizzò l'incontro, vicino al molo di Santa Monica... e un attimo dopo ero li a conoscere un gruppo di ragazzini a bordo di una grande mercedes. Avevano un autista e qualunque altra cosa potessero desiderare. Ma ciò che mi colpì di più . è che uno dei ragazzi seduto nel sedile posteriore della limousine ,sembrava così piccolo. E fu così che conobbi Michael, che mi venne presentato da uno dei suoi fratelli.
Suggerì di andare sino a Malibu, dove avremmo potuto avere maggior privacy. . . Non avevo idea di cosa fare in realtà. Ma appena arrivammo vicino a Malibu Pier , saltarono fuori dalla macchina e corsero verso l'acqua. Michael invece, corse verso il bagagliaio dell'auto e ne tirò fuori uno stereo portatile . . .
"Mi stai per far ascoltare un pò della tua musica" Chiesi.
Michael rispose ancor prima che finissi la frase "Portiamo sempre la nostra musica con noi. . . "

Mi sono voltato indietro, guardando verso gli altri fratelli, che erano già arrivati al limite della spiaggia e guardavano l'acqua. Così iniziai a scattare delle foto di loro con i piedi in acqua. Più tardi mi sarebbe piaciuto capire perchè non avevano mai visto l'oceano. Ma prima che ponessi la domanda, Michael con il suo stereo portatile si era diretto verso i suoi fratelli cominciando a ballare sulle note della loro musica. Purtroppo non ricordo quale canzone fosse. . . .
Era timido in un certo senso, ma nell'esatto istante in cui partì la musica si animava. Michael Jackson era come un palloncino pieno di elio. Pronto a decollare verso il cielo. Diventava una persona completamente diversa. . .prima ti sembra timido e riservato, ma quando parte la musica è come un esplosione.
Era ben chiaro e sin da allora che i suoi fratelli erano una sorta di coreografia intorno a lui , e hanno dovuto accettare molto presto il fatto che la sua spontaneità e il suo talento erano ciò che guidava il gruppo. Ma nonostante questo,Michael, come io lo ricordo quel giorno, era solo un ragazzino innocente che ballava al ritmo della sua musica.

ENGLISH