mercoledì 28 gennaio 2015

30° Anniversario di We Are The World : 12 cose che forse non sapete

ORIGINAL TEXT



La sessione di registrazione di We Are the World, il più grande singolo per beneficenza di tutti i tempi con grandi star, ebbe luogo mercoledì 30 anni fa .

Il 28 Gennaio 1985, presso A & M Recording Studios di Hollywood, dopo gli American Music Awards, più di 40 artisti si sono riuniti per registrare una canzone che Lionel Richie e Michael Jackson avevano scritto per risvegliare la consapevolezza delle povere pericolose condizioni di vita in Africa. La maggior parte dei vincitori dello show - tra cui Cyndi Lauper, Hall & Oates, Bruce Springsteen, Huey Lewis, Willie Nelson, Tina Turner, le Pointer Sisters, Kenny Rogers e i Jackson - parteciparono.

Ispirato al singolo benefico inglese Do They Know it's Christmas ?, pubblicato pochi mesi prima, We Are the World è stato rilasciato il 7 marzo 1985, e venduto più di 20 milioni di copie. Gli oltre 75 milioni di dollari raccolti dall'organizzazione no-profit USA for Africa hanno contribuito a combattere la povertà nel continente. La canzone ha anche vinto tre Grammy Awards nel 1986, tra cui canzone e disco dell'anno.
"Una grande canzone dura per l'eternità", dice Quincy Jones, che ha prodotto il brano. "Vi garantisco che se viaggiate ovunque sul pianeta oggi e iniziate a canticchiare le prime battute di quel brano, la gente riconoscerà immediatamente quella canzone."

Qui ci sono 12 cose che forse non conoscete sulla canzone e la sessione di registrazione:

Stevie Wonder, non Michael Jackson, in origine doveva essere co-sceneggiatore di Richie.
"Stavo veramente cercando di entrare in contatto con Stevie e non riuscivo a farlo", dice Richie. "Stevie era molto in giro. Stava facendo un sacco di cose." Una telefonata con Jones e Jackson fu coinvolto. "Ho avuto Michael prima che potessi avere Stevie," afferma Richie. "Abbiamo detto, 'Se Stevie mi richiama, noi lo aggiungiamo. Nel frattempo, penso che possiamo farlo con Michael.' "

Richie e Jackson ascoltarono gli inni nazionali per raggiungere lo stato d'animo giusto per scrivere.
"Non volevamo che sembrasse una canzone normale ", dice Richie. "La volevamo enfatica, la cosa più grande possibile." Sapendo di aver bisogno di creare qualcosa che sembrasse subito importante e avesse un appeal globale, avevano cominciato la sessione di scrittura ascoltando gli inni nazionali di diversi paesi, tra cui Stati Uniti, Inghilterra, Germania e Russia. "Abbiamo messo tutto insieme in testa e venne fuori un ritmo che suonava familiare, come un inno mondiale. Volevamo che la gente la sentisse come una canzone familiare. Una volta che l'abbiamo ottenuto ... Show business, amico"

La sessione di registrazione di We Are The World fece dimenticare a Richie gli American Music Awards.
Forse era solo la privazione del sonno - dopo tutto, la seduta era iniziata alle 21:00 ed è durata 12 ore - ma Richie afferma di non avere memoria quella notte della cerimonia degli American Music Awards dove aveva vinto cinque premi, tra cui miglior artista maschile pop / rock. "Ho attraversato quella porta, e ho dimenticato quello che avevo fatto", dice. "Il gruppo di persone in quella stanza ti cambiava la testa. C'era Bob Dylan, Billy Joel -.. una cosa pazzesca, non avevo mai provato in vita mia una cosa del genere."

Era un raduno di massa di personaggi famosi, ma poche altre persone sapevano della sessione in corso.
Molti dei cantanti arrivarono in limousine, essendo appena stati alla cerimonia di premiazione, ma non tutti . "Credo che Bruce Springsteen avesse parcheggiato il suo camion nel parcheggio del Rite-Aid o un negozio di alimentari dall'altra parte della strada", dice Richie. " Parcheggiò laggiù ed entrò. Non sapeva che poteva attraversare il cancello." La logistica di tale sessione sarebbe stata esponenzialmente più difficile nell'era delle macchine fotografiche dei cellulari e dei social media. "Oggi, non si potrebbe mantenere il segreto", dice Richie. "Dovresti avere un controllo totale , e tutti avrebbero dovuto controllare i loro telefoni."

La maggior parte dei cantanti non avevano mai sentito la canzone prima di entrare nello studio.
"Non avevamo MP3", dice Richie. "Avevamo le cassette di allora. Le avremmo dovute inviare, quindi la maggior parte di loro non aveva sentito la canzone." Dopo tutto, Richie e Jackson avevano appena finito la canzone in tempo per la sessione iniziale della settimana precedente allo studio Kenny Rogers '. Anche Rogers non l'aveva sentita: "Non sapevamo cosa stavamo andando a cantare fino a quella notte," dice. 'John Oates, che ha cantato nel coro di base, dice: "Aveva qualità da inno e la semplicità della melodia che ha fatto venir fuori un gigantesco insieme come quello molto facilmente. E c'era una stanza piena di cantanti incredibili, così non fu veramente un problema. "

Il turno del coro ha le sue radici in State Of Independence di Donna Summer .
Il coro del successo della Summer del 1982 , che Jones aveva prodotto, includeva Jackson, Richie, Wonder, James Ingram, Kenny Loggins e Dionne Warwick, che sono apparsi anche in We Are the World. "Ero su un terreno familiare", spiega Jones. "Se non avessi lavorato individualmente con oltre la metà di questi cantanti, prima, non ci sarebbe stato modo di farlo."

Come uno degli autori della canzone, Richie ebbe diritto a un assolo .
"Ha detto Quincy, 'Ora, Lionel, dove vorresti entrare?' "Richie ricorda. "Ho detto, 'Mi prendi in giro? Per primo così mi tolgo di torno !' "Secondo Richie, l'eroe segreto della sessione era l'arrangiatore vocale di Jones, Tom Bähler. Prima della sessione, aveva ascoltato l'uscita registrata di ciascuno dei solisti, determinato le loro gamme vocali, poi identificato le frasi melodiche più adatte ai loro registri. "Le parti assegnate si adattano ai cantanti molto bene", dice Rogers. "Non avrei potuto fare quello che alla fine ha fatto Steve Perry. Sono stati incredibilmente ben guidati."

Quando Ray Charles parlava, tutti ascoltavano.
"Ray Charles, essendo quello che era, riscuoteva una certa deferenza e rispetto da parte di tutti, anche se non si era proposto in modo strano", dice Oates. "Stava in piedi in mezzo, facendo la sua parte. Lionel, Michael e Quincy conducevano lo spettacolo Era la loro canzone , la loro produzione, e tutti erano molto rispettosi, cercando di farlo bene. C'erano momenti in cui la gente -... e non voglio fare nomi perché non ne vale la pena - nel coro iniziavano a fare le loro peculiarità. E hanno cominciato a dire " e se facessimo così'? " . E se ne venivano fuori con idee. Era evidente che era una cosa complicata in generale, e con troppi cuochi in cucina poteva diventare una catastrofe gigantesca. Ray, solo ogni tanto, diceva : ' .Hey. Andiamo. Ascoltate Michael. Facciamo questa cosa. 'Lui era lì per cantare, e sentiva che poteva finire male molto in fretta. Incuteva molto rispetto, e ho pensato che fosse fantastico. "

Bob Dylan era nervoso per cantare il suo assolo.
In un documentario di un'ora sul dietro le quinte prodotto in concomitanza con il rilascio di We Are the World, c'è una scena surreale in cui Stevie Wonder siede al pianoforte in studio, imitando Bob Dylan per aiutarlo con il fraseggio per il suo verso solista "There's a choice we're making". Dylan si rivolse a me e Stevie e disse: 'Come vuoi che suoni?' Richie ricorda. "Eravamo tutti grado di farlo, e volevamo essere sicuri che non ci insultassimo". Oates, che stava dietro Dylan mentre il coro stava registrando, ricorda che lui era in ansia per cantare il suo assolo. "non è un tipo melodico, ed era una melodia molto specifica ", dice Oates." Credo che si sentisse a disagio a cantare quella particolare melodia, e ci ha lavorato sopra a modo suo. "

Kenny Rogers voleva l'autografo di tutti.
"Una volta che abbiamo cantato tutto e ho capito quanto fosse ben fatto, abbiamo realizzato che era qualcosa di speciale", dice Rogers. "Così ho preso un foglio della musica della sessione e ho iniziato di convincere la gente a firmare. Una volta che ho iniziato, Diana Ross ha iniziato, quindi tutti correvano intorno cercando tutti. E 'incorniciato sulla parete della mia casa di Atlanta." Oates, che ha anche lui un foglio di autografi, riecheggia Rogers quasi parola per parola:... "L'ho incorniciato nel mio studio in Colorado. Quando le persone entrano e lo vedono, perdono la testa. Li ho tutti, anche Ray Charles e Stevie Wonder hanno firmato. Per una volta, ho avuto la presenza di spirito di fare qualcosa di simile, ed è uno dei miei beni più preziosi. "Lo spartito autografato di Jones è appeso nella sua tana: "E mi fa sempre sorridere quando lo guardo e inizio a leggere quei nomi."

Quel "Lasciate l'ego alla porta" si è rivelato non necessario.
Questo è ciò che dice Jones. "Qui ci sono state 46 delle più grandi stelle di tutto il mondo in una stanza, per aiutare le persone di un luogo lontano che avevano un disperato bisogno", dice. "Non credo che quella notte, quella esperienza, possa mai essere veramente duplicata di nuovo. Io conosco e credo nel potere della musica di unire le persone per il miglioramento del genere umano, e non ci può essere miglior esempio di questo rispetto al collettivo che era We Are the World ".

USA for Africa è ancora in giro.
Trent'anni dopo We Are the World, USA for Africa funziona ancora a favore delle comunità in Africa. Recenti iniziative hanno affrontato le questioni del cambiamento climatico, le campagne di arte e la spedizione di forniture mediche in Liberia e Sierra Leone per combattere la diffusione di Ebola. Le royalties di We Are The World continuano ad essere la fonte primaria di finanziamenti dell'organizzazione. "Guadagnamo ancora, ma di certo non come 25 anni fa", dice il direttore esecutivo Marcia Thomas, che si è unito al non-profit nel 1986 per lavorare in Hands Across America, un 'altra iniziativa di USA for Africa . "Il nostro più grande supporto in termini di dove We Are the World viene acquistato più frequentemente non è negli Stati Uniti, ma in altre parti del mondo, soprattutto in Giappone e in Asia."

We Are the World : solisti in ordine di apparizione:
Lionel Richie
Stevie Wonder
Paul Simon
Kenny Rogers
James Ingram
Tina Turner
Billy Joel
Michael Jackson
Diana Ross
Dionne Warwick
Willie Nelson
Al Jarreau
Bruce Springsteen
Kenny Loggins
Steve Perry
Daryl Hall
Huey Lewis
Cyndi Lauper
Kim Carnes
Bob Dylan
Ray Charles

Queste persone hanno cantato in coro: Dan Aykroyd, Harry Belafonte, Lindsey Buckingham, Mario Cipollina, Johnny Colla, Sheila E., Bob Geldof, Bill Gibson, Chris Hayes, Sean Hopper, Jackie Jackson, La Toya Jackson, Marlon Jackson, Randy Jackson , Tito Jackson, Waylon Jennings, Bette Midler, John Oates, Jeffrey Osborne, Anita Pointer, June Pointer, Ruth Pointer e Smokey Robinson.

"L'unica cosa spiacevole di questo 30 ° anniversario è che Michael non è qui per condividere la sua parte ", dice Richie. "C'era un sacco di follia e un sacco di sciocchezze. Mi dispiace solo che non è qui per condividerla."

LINK: MJGW FORUM