lunedì 13 aprile 2015

Atlas: Un articolo su Earth Song di Michael Jackson di Syl Mortilla

ORIGINAL TEXT
Atlas: Un articolo su Earth Song di Michael Jackson di Syl Mortilla


TRADUZIONE
'Earth Song' di Michael Jackson è rimasta per 7 settimane al numero 1 nel Regno Unito, e tanto da vincere il molto discusso concorso Christmas Number One . E 'diventato, in Inghilterra il suo singolo più venduto .
La canzone era stata inclusa nell'album HIStory, diffamato da un articolo atto solo a creargli danno e a mettere in cattiva luce Michael dopo le accuse del 1993. Michael scelse di includere 'Earth Song' nell'album HIStory nonostante l'inevitabile reazione cinica dei Media. Michael aveva fede nel fatto che le persone del mondo potessero prendersi cura di madre natura. Un istinto irrevocabilmente corretto.

Ma Michael è stato ignorato come un qualcuno dalla mentalità troppo dissimile dalle persone comuni , qualcuno che ha passato la maggior parte della sua vita in agiatezza economica (senza considerare quanto si fosse sudato questa possibilità, e ricchezza che gli hanno portato via senza alcun scrupolo). Tuttavia, la sensibilità che Michael aveva verso l'umanità, un sentimento congenito e sviluppato grazie alla possibilità di incontrare più persone di chiunque altro nella storia, ha fatto si che fosse perfettamente in grado di sentire intensamente la condizione dell'uomo comune.
Nel 1996, il compagno filantropo Sir Bob Geldof introdusse Michael sul palco, per ricevere il premio che Geldof descrisse come "Una tantum - come del resto lui stesso" l' artista di una generazione (anche se "... una generazione?" chiese Geldof : "... sono almeno 3 le generazioni che lo ascoltano"). Geldof accolse Michael con queste parole:
"... La persona più famosa del pianeta, Dio lo aiuti ... Quando Michael Jackson canta è con la voce degli angeli. E quando i suoi piedi si muovono, si può vedere Dio ballare ... "

Michael promosse 'Earth Song' con apparizioni in diversi spettacoli in tutta Europa, utilizzando , volutamente e provocatoriamente richiami a Cristo (in particolare nella performance ai Brits del 96 - e performance per altro votata recentemente dagli inglesi come la migliore di tutti i tempi). Ad essere un uomo erudito, cresciuto in una famiglia cristiana, è impossibile non pensare al parallelo fra lui e Gesù Cristo. Ma Michael , e molto a suo danno,decise di commercializzare in modo esplicito il messaggio di Cristo contro una società capitalista e vacua.
La polemica che le performance innescarono, con conseguente pubblicità, assicurò che il messaggio di Michael e la sua preoccupazione verso l'ambiente venisse recepito da molte più persone.

Il giorno dopo l'invasione del palco da parte di Jarvis Cocker durante la performance di Michael di 'Earth Song' ai Brits del 96 , nel titolo di un articolo leggemmo "La notte in cui i sogni dei nostri giovani finirono nel macero".

Questo messaggio sorprendente di sostegno dei media verso Michael era tuttavia altrettanto vacuo. Appena si accorsero che i giovani e le tendenze inglesi in genere non erano d'accordo con la posizione dei media, il gioco iniziò. La settimana successiva, Cocker venne intervistato nel programma TFI Friday, trasmesso a Cult TV . Il programma era basato sulla presenza di giovani adulti, che deridevano Michael e difendenvano Cocker . Il padrone di casa, Chris Evans, concluse l'intervista con queste parole: "E' tutto, ti sosteniamo e sappiamo che lo scopo era solo farci ridere".

Quanto accaduto in realtà funzionò come uno spartiacque: un cambiamento di paradigma nella moralità di una generazione

La performance di 'Earth Song' nel tour HIStory portava una connotazione religiosa indubbiamente inferiore, ma è rimasta una canzone piuttosto controversa, specialmente in una parte della coreografia che è stata criticata aspramente. Al termine della canzone, Michael si trova - in stile Piazza Tiananmen - di fronte ad un carro armato,e affronta il soldato che scende dal mezzo, togliendogli la pistola e donandogli un girasole: un gesto che fa chiaramente riferimento alla fotografia di Jan Rose Kasmir davanti ai soldati schierati al Pentagono, nel mentre si decideva per la guerra in Vietnam ( 1967).

Michael scelse di dare il via all' HIStory Tour nei paesi di recente democratizzazione dell'Europa orientale. Il significato di questi simboli visivi per il pubblico, considerando gli eventi contemporanei di quella regione, non può essere sottovalutato.

Quello che le persone trascurano, è che Michael - con il suo essere una figura unica globale - ha dovuto comunicare il suo messaggio senza poter ricorrere al linguaggio parlato. Certo ci sono anche dichiarazioni. Ma Michael non aveva intenzione di lasciare che l'inconveniente di avere 6.500 lingue diverse nel mondo fosse un ostacolo per la sua missione di pace. La performance di 'Earth Song' è la 'Heal The World' lirica, del "trasformare le loro spade in vomeri" resa manifesta. Questo concetto biblico faceva parte della soluzione pratica nella realizzazione del sogno di Michael: una nozione di senso comune che esiste da sempre, eppure perennemente respinta dai governi avidi e timorosi di tutto il mondo.

'Earth Song' in sé non è esattamente priva di sfumature linguistiche e musicali ingegnose - il coro stesso rappresenta il grido lamentoso per la situazione del pianeta e delle sue coste "piangenti". Oltre alla melodia inconfondibile, naturalmente. Michael ha sempre detto che la melodia era fondamentale, perchè rimane viva eternamente nella memoria, ed è ciò che la gente fischietta, e continuerà a fare per centinaia di anni, indipendentemente dal progresso della tecnologia o da future tecniche di produzione. E la melodia non conosce barriere linguistiche.

Mi ricordo di una discussione, con un amico nel 1993, quando ero un adolescente. L'amico mi chiese se pensavo che Michael avesse già scritto la sua miglior canzone, e alla domanda risposi che credevo non lo avesse ancora fatto. Spiegai che immaginavo il suo meglio dovesse ancora venire, perché il dolore che avrebbe provato alla morte di sua madre avrebbe suscitato in lui un espressione artistica ad un livello che non avevamo finora visto. Non sarebbe stato possibile per lui evitare di scrivere una canzone su questo. Come artista - per cercare di gestire la situazione - è quello che avrebbe dovuto fare. Naturalmente, Michael non ha vissuto abbastanza a lungo per scrivere quella canzone sulla perdita di sua madre. Anche se la sua tristezza per la natura autodistruttiva dell'umanità verso Madre Natura ci ha fornito un equivalente.

L'ultima volta che ho visto Michael esibirsi dal vivo era allo show di beneficenza del 1999 Michael Jackson and Friends . (L'evento era sottotitolato 'What More Can I Give'prendendo il nome da una canzone che Michael aveva scritto e registrato con un supergruppo di celebrità -. La canzone fallì a causa del comportamento di Sony) Durante la performance di 'Earth Song', la parte anteriore del palco si eleva per creare quell'effetto che Michael aveva chiamato 'The Bridge of No Return'( il ponte del non ritorno). Nessun ritorno, infatti. La struttura metallica cedette nel bel mezzo della canzone, facendolo precipitare nella buca dell'orchestra. Ma essendo il professionista consumato era, Michael saltò fuori dai detriti continuando a cantare.

L'ultima performance di Michael di 'Earth Song' è stata per altro la sua ultima in assoluto - durante le prove il giorno prima di morire - il che significa che alcune sue esternazioni finali sul palco sono state "E per i bambini che muoiono? / Non senti voglia di piangere? "

Anche se non è solo dell'uomo che Michael si lamenta nella traccia.

L'intera progettazione dei concerti per This Is It è pesantemente a tema sulla conservazione ambientale, con una rivisitazione in 3D di 'Earth Song' in fase di creazione, alla quale è aggiunta la voce di Michael, che con sincerità palpabile dice:
"Questo è il motivo per cui scrivo questo tipo di canzoni - per dare un senso di consapevolezza e risveglio e speranza alle persone. Mi piace, mi piace il pianeta! Amo gli alberi, ho questa forma di rispetto per gli alberi - e il loro modo di cambiare i colori e le foglie. Li adoro! Io rispetto questo tipo di cose. "

Inclusa nell'album postumo per This Is It c'è una registrazione di Michael che legge una sua poesia 'Planet Earth' dal libro Dancing The Dream , le parole che rafforzano l'idea del suo rapporto con madre natura , e il senso di responsabilità che si assume per il suo benessere lo pongono nell'analoga posizione del dio greco Atlas:
"Tu sei il mio amore, delicato e triste
Ti importa? hai una parte nelle
Più profonde emozioni del mio cuore?
Tenera, con brezze carezzevoli e complete
Viva con la musica, che dà la caccia alla mia anima
Pianeta Terra, delicato e triste
Con tutto il cuore, io ti amo."

Michael aveva dominato l'evocazione sentimentale dell'amore romantico sin da quando era un adolescente. Non c'è da meravigliarsi che questo sentimento si sia evoluto nello scrivere lettere d'amore per il pianeta Terra.

Recentemente ho dato un intervista per un nuovo entusiasmante progetto per la comunità dei fan di Michael Jackson. Podcast che riguardino Michael sono pochi e rari, così è stato creato The MJCast ( www.themjcast.com ) . La conversazione che ho avuto con i padroni di casa è stata l'ispirazione per questo post nel blog, specie quando mi hanno chiesto che cosa credo sia stata la cosa più positiva o di successo dalla morte di Michael, o cosa considero importante nella responsabilità dei fan nel rappresentare l'eredità di Michael , e cosa penso sia la lezione più importante che le persone potrebbero imparare da Michael e dalla sua vita.

La mia risposta a tutte e tre le domande interessate, è stato l' umanitarismo senza precedenti di Michael. L'importanza che Michael ha dato a questo aspetto della sua vita e carriera è intrinseco all'essere umano che era. E' il motivo per cui ho scelto l'ente di beneficenza Legacy di Michael Jackson ( www.michaeljacksonslegacy.org ) quale destinatario di una percentuale dei proventi del mio libro, The Firts Book of Michael.

Dopo il grande successo nel reperimento di fondi per costruire una scuola ad Haiti - in nome di Michael - il loro nuovo progetto è incentrato sul lavoro a fianco della Elephant Foundation International. Il loro obiettivo è di contribuire a conservare e tutelare l'ambiente di un animale simbolo ed estremamente intelligente come l'elefante, e del quale Michael si è posto a difensore. "E gli elefanti?"lo si sente implorare in 'Earth Song'. "L'elefante sta morendo!" esclama Michael nell' intro di 'Whatzupwitu', il duetto con Eddie Murphy del 1993.

Michael ha spesso detto di dover indossare 'la pelle di un rinoceronte', per evitare di essere influenzato e schiacciato dal continuo colpire dei media. Tuttavia, ho pensato spesso che l'elefante - il meno scontroso, e il più delicato dei pachidermi - sarebbe stato forse una metafora migliore.

In un altro pezzo dal suo libro Dancing The Dream , intitolato ‘So the Elephants March', Michael discute il curioso fenomeno di come per sopravvivere, gli elefanti debbano rimanere in piedi.

E così noi fan..dobbiamo similmente persistere in piedi fieri e decisi in difesa della vera eredità del nostro eroe.

LINK TRADUZIONE - MJGW FORUM