lunedì 13 aprile 2015

Elisabeth von Thurn und Taxis ricorda Michael Jackson

Elisabeth von Thurn und Taxis, principessa della famiglia tedesca Thurn und Taxis, dedica un capitolo del suo libro “Diario di una principessa” a Michael Jackson. Elisabeth ha avuto la fortuna di conoscere Michael, quando era una bambina di 10 anni, e ricorda in particolare di come l’artista, ha portato gioia e divertimento in un periodo della sua infanzia. “Per me sarà sempre un vero Peter Pan, straordinario, enigmatico e di un altro mondo.” 
 (Capitolo estratto dal libro: “Diario di una principessa” di Elisabeth von Thurn und Taxis)


Michael Jackson con il Principe Albert, la Principessa Maria Theresia ed Elisabeth, figli di John e Gloria von Thurn und Taxis - Monaco di Baviera, 27 giugno 1992

Da bambina, ero certa, che il mondo era costituito da due insiemi: adulti e bambini. Nell’insieme degli adulti c’erano regole rigorose – ciò che era necessario e lecito fare. Se avevo bisogno di ritrarre questo mondo e colorarlo con le matite, ho scelto colori sobri, tonalità come il grigio e della terra. Invece, al contrario sembrava il mondo dei bambini – era emozionante, divertente e privo di regole. Nell’ infanzia, i nostri giorni erano riempiti solo di giochi.
Con i giocattoli e l’aria aperta - e se ciò non bastava, mio fratello e mia sorella immaginavano un mondo tutto suo, che abbiamo inventato e chiamato "Miguel". Ero io - Miguel, un ragazzino che è scappato con sua madre (mia sorella) dal padre crudele (mio fratello). In due di noi abbiamo vissuto insieme in una grande roulotte, piena di una varietà di animali e giocattoli. In essa abbiamo girato il mondo e vissuto diverse avventure.

Non ho idea come siamo arrivati a queste cose, ma c’erano ancora un sacco di storie simili. Gli adulti mi sembravano distruttori che rovinavano il nostro divertimento, perché tutti si fermavano quando era il momento di andare a cena, a letto o lavarsi i denti. Non capivano che cosa vuol dire vivere in un mondo dove tutto è pieno di nuvole rosa, folletti e cesti di magia che sono stati trasferiti nel paese delle meraviglie di Alice.

Alcuni adulti, però erano diversi. Anche se erano cresciuti, e ormai fuori dal nostro insieme, in qualche modo erano ancora connessi con esso. Sono riusciti a passare dal loro mondo al nostro. Michael Jackson era uno di essi.

L’amicizia con Michael Jackson, la dobbiamo a Regina, che a quel tempo era l’assistente personale di nostra madre. Regina era un grande fan di Michael Jackson, e quando dico grande, intendo molto grande. Regina per noi significava molto di più del semplice assistente di nostra madre. Era la nostra amica, mentore, compagna di viaggio, il medico e una fata buona. Inoltre è stata colei che ha portato tutto il movimento, e nel tempo è diventata un membro dell’entourage di Michael Jackson.
Ero troppo giovane per ricordare esattamente come tutto questo è avvenuto, ma per me non è importante. Un giorno, a cena mia madre e Regina ci ha detto sorridente e felice, che ha incontrato Michael Jackson. Siamo stati tutti invitati al prossimo concerto.
Sembrava troppo incredibile per essere vero. Dopo il concerto, c'è stato un breve incontro, che a sua volta ha portato ad un After-Party, una serie di visite a casa nostra, alcuni inviti per i concerti, un viaggio congiunto a Disneyland, e, infine, - il grande finale - l'invito a Neverland.

Durante il nostro primo concerto di Michael Jackson nel 1992 a Monaco, dopo un iniziale imbarazzo ci siamo trovati a nostro agio. Maria, Albert ed io eravamo completamente euforici. Avevo solo dieci anni, e fino ad allora ero stata lontana e protetta dai paparazzi e dal mondo dello spettacolo. Il nostro primo incontro con Michael è stato breve e formale – qualcosa di simile, a come si può immaginare di familiarizzare con una superstar. Dopo il concerto, siamo stati guidati attraverso il freddo, corridoio illuminato, passando innumerevoli grandi porte bianche, e tutte loro erano chiuse.

Ogni tanto siamo passati di fronte a forti uomini, dalle spalle larghe che stavano in mezzo al corridoio e facevano in modo che nessuno entrasse senza autorizzazione. Poi abbiamo aspettato di fronte a una delle porte senza nome, fino a quando è stato il nostro turno per incontrare il Re del Pop. Eravamo davvero eccitati e non potevamo credere alla sua fortuna, inoltre la situazione metteva un po’ di paura e mi ha confusa.

Poi Michael è stato molto cordiale e ha parlato a ognuno di noi, ma il tempo è passato un po’ troppo veloce. Certo, ho imparato presto che il mondo che Michael aveva creato per sé, era molto diverso da quello che è una forte e imbarazzante prima stretta di mano. La cosa migliore che abbiamo ottenuto da quel primo incontro, è stato un invito al dopo-festa.

La festa di Michael ha superato di gran lunga la mia immaginazione di bambina circa il divertimento. Si sentiva che non era una festa per gli adulti, ma piuttosto una celebrazione per il più felice 10 enne al mondo. C’erano palloncini, popcorn, cioccolato, giostre, e perfino una pista per le autoscontro, ma soprattutto - Michael. Lui mi ha affascinata anche allora. Naturalmente, mi piaceva la sua musica, e lui era così famoso – in modo da colpire anche un bambino - ma Michael era molto più di questo.
Ad esempio, è stato il primo adulto che ho mai incontrato, che sembrava non gli interessasse nulla oltre a giocare. Il suo mondo di palloncini, cioccolata e autoscontro era un paradiso per noi, e anche se era un uomo adulto, Michael sembrava pensare allo stesso modo. Solo per questo Michael si è trasformato, in un eroe per me.
Tuttavia, il povero Michael era costantemente circondato da adulti che, come avvoltoi, cercavano di afferrare un pezzo di lui. 
Mio fratello, di nove anni è stato completamente colpito. In modo normale e con la spontaneità tipica dei bambini è appena andato dal re e ha semplicemente chiesto con voce angelica: "Michael, vieni a fare un giro con me, per favore?". Michael gli piaceva tanto il candore di Albert, gli ha preso la mano e nelle ore seguenti si è divertito solo con lui passando da una macchina all'altra, mentre mangiò una montagna di dolci. Questo, naturalmente non è piaciuto agli ospiti adulti che erano lì.

Infine, il ghiaccio era stato sciolto completamente e ciò che era iniziato come un incontro formale, tra Michael Jackson e due principesse e un principe si è trasformato in una vera amicizia. Da quel momento è stato per noi - non Michael Jackson, ma semplicemente Michael o solo MJ. Egli è venuto a trovarci diverse volte in Germania e siamo andati ai suoi concerti, e una volta siamo persino andati a Disneyland insieme. È stato molto emozionante stargli vicino e sentire come se fossi parte del suo entourage. Quando eravamo con Michael, questo significava negozi di giocattoli, parchi giochi e qualsiasi genere di divertimento.

Quando qualcuno mi chiede come posso brevemente descrivere Michael come uomo, allora parlo della sua cortesia assoluta e del rispetto per gli altri. Come figli di una madre severa, le parole "per favore" e "grazie" erano parte di noi. Ma ogni volta che abbiamo ringraziato Michael per qualsiasi cosa, lui ha sempre risposto: "No, grazie". E abbiamo pensato che era molto divertente. Inoltre, era incredibilmente generoso, felice di condividere i suoi giocattoli, dolci e conoscenze che ci ha dato un assaggio soprattutto quando abbiamo visitato il suo Neverland Ranch.

Nel giorno in cui è venuto da noi per la prima volta, io non vedevo l’ora di uscire da scuola. Abbiamo sempre consumato i pasti nella sala da pranzo piena di porcellane e argenteria. Servivano sempre la cena, e anche se eravamo abituati a esso, ci sembrava ancora più formale. Solo per i nostri compleanni ci hanno permesso di scegliere il menu, e naturalmente, era molto più simpatico per i bambini. Venne il giorno in cui Michael, era meglio di qualsiasi compleanno.
Ovunque erano sparsi dolci tra fiori e stoviglie su un tavolo ingombro di gommose, cioccolato e marshmallow. Con nostra madre sgomenta ci ha fatto indossare l’abito tradizionale - noi ragazze il Dirndl, e mio fratello il Lederhosen. Pensava che gli americani lo avrebbero apprezzato.
Michael è arrivato con un piccolo seguito, ma ora non riesco a ricordare esattamente chi era lì. Ma ricordo sicuramente che l’intuito circa i costumi tradizionali di mamma era giusto.
Michael era felice. Esclamò con un sorriso: "Sembri proprio come la famiglia Von Trapp". Casualmente si è scoperto che gli piaceva il film "The Sound of Music" (Tutti insieme appassionatamente).
Era molto interessato alla storia della nostra famiglia, e gli abbiamo organizzato un tour del castello, che sembrava piacergli molto. Era loquace e rilassato e faceva molte domande. Inoltre, era terribilmente spiritoso. Ricordo che ho riso molto.

Il nostro viaggio insieme a Disneyland Paris era già diverso. Anche se abbiamo trascorso molto tempo insieme, Michael era spesso impegnato. Come con tutte le turbolenze ad ogni concerto, c’erano centinaia di fan impazziti, egli apparvero ovunque, e una folla di giornalisti. 


Michael & Prince Albert von Thurn und Taxis - Disneyland Paris

Questo, naturalmente, ha influito sul comportamento di Michael: lui era sempre sorridente e educato, ma ho notato che interiormente era sempre più chiuso.

Il viaggio a Neverland è stato sicuramente il momento clou per tutto il tempo della nostra amicizia. Michael aveva tutto ciò che può desiderare il cuore di un bambino: c'era un parco divertimenti enorme con tutti i tipi di attrazione, per i quali non c’era bisogno di pagare o stare in fila. C'erano chioschi con cioccolato, zucchero filato e gelato, dove potevamo avvicinarci, senza chiedere il permesso! Naturalmente, ci siamo andati con Regina.
Ricordo anche che la limousine che ci aspettava all'aeroporto era rifornita di dolci e soda. Inoltre c'era un televisore, ma eravamo troppo entusiasti per vedere i film. A Neverland, abbiamo speso un sacco di tempo con Michael – tranne per la colazione, dove non si è mai presentato. 
Abbiamo fatto un’escursione con un Quad nella zona. Giocato con le bolle, lo scimpanzé e altri animali nel giardino zoologico. Quando Michael non c’era, ci siamo divertiti senza di lui, alla fine, tutto il ranch era a nostra disposizione.
C'era un cinema, dotato di un letto enorme, abbiamo guardato "The Sound of Music" e mangiato troppo popcorn. Dopo il film, Michael ci ha portato in una stanza piena di specchi, che lentamente si è riempita di nebbia. Quando questa si diradò, Michael improvvisamente era scomparso come se fosse stato inghiottito dal pavimento, e qualche istante dopo riapparve dal nulla. Questo trucco mi sembrava una vera magia. Michael ha apprezzato il nostro stupore e incredulità e lo ha ripetuto più volte.

Ricordo anche tutto il tempo che eravamo seduti insieme su un’attrazione, il vascello del pirata, mentre i diffusori suonavano Black or White. A differenza di molti adulti, per Michael il tempo dedicato al gioco non era mai abbastanza.
Era felice di rimare sull’altalena con noi, e ci siamo divertiti. Inoltre mi ricordo in particolare di un grande parco per i giochi d'acqua, che insieme ci siamo divertiti per ore. L'impianto era stato costruito tutto in legno e aveva un sacco di extra- per esempio, c’erano gli scivoli, corde, su cui era possibile arrampicarsi, e le due alte torri, dove era possibile salire e aggredire il nemico da lì. Michael era un grande fan delle battaglie con i palloncini d'acqua. Lui si comportò come un bambino. Non gli importava di avere i capelli bagnati, o il trucco sciupato mentre lui giocava.

Tra l'altro, non passò molto tempo dopo la nostra visita a Neverland che Michael fosse accusato di abusi sessuali su minori da quella, e che in realtà era con noi a Neverland! Era strano e molto triste sentire queste cose terribili su l'uomo che ha reso i bambini così felici per ore.
Era diventato molto di più per noi che una superstar. Era un uomo, un amico, e una delle persone più simpatiche che abbiamo mai incontrato. Non potevo immaginare che Michael avrebbe fatto male a una mosca, figuriamoci a un amico.

Purtroppo, nel corso degli anni ci siamo persi di vista l’uno con l’altro, e come spesso accade la nostra amicizia svanì. Ricordo con piacere il ragazzo grande, amico e superstar. Sembrava come se fossi pronta a sentire che la sua vita sarebbe andata in frantumi.
Quando ho saputo della sua morte, da un lato, sono stata completamente sconvolta, e, dall'altro, mi sembrava assolutamente irreale. Solo poche settimane dopo, sentivo una grande tristezza che questa persona speciale ci aveva lasciato per sempre. Più ci penso, più riaffiorano i bei ricordi di MJ.
Mi auguro che il mondo, lo ricorderà come uno dei più grandi musicisti del nostro tempo. E che tristezza se penso al suo tragico destino - di morire così giovane. Alla fine, non ha mai voluto crescere.

A volte ho la sensazione che la nostra società vuole mantenere le persone, soprattutto le celebrità, in una scatola e ottenere loro ogni volta che vuole e goderne come un pezzo di pizza, che è semplicemente deliziosa fino a quando è calda e appena tolta dal forno.

Ma dopo un po', la deliziosa pizza si trasforma in un pezzo gommoso che viene gettato nella spazzatura. Michael Jackson non ha permesso di essere messo in questa trappola, ma la sua lotta per la tutela della sua vita alla fine si è trasformata in una prigione, più pericolosa. Per me sarà sempre un vero Peter Pan, straordinario, enigmatico, di un altro mondo.

LINK - CREDITS