lunedì 13 aprile 2015

FANS, AMICI, VIP ...Parlano di Michael (3° Parte)


Darlene Craviotto
La prima cosa che notai furono i suoi occhi; gli occhi più belli che abbia mai visto in un uomo. 
Ampia incisione e color nocciola scuro, quasi ipnotici e catturano la tua attenzione. 
Non guardare quest'uomo era impossibile. 
In seguito, cercai di ricordare se indossava l'eyeliner durante la giornata.
Erano cosi belle e luminose le forme dei suoi occhi. 

Ma negli incontri successivi da soli, senza testimoni, quando non era necessario essere una star, quegli occhi erano ancora incredibili, catturavano e trascinavano nel suo mondo.....
Ci sorridemmo a vicenda da una parte all'altra del tavolo e tranquillamente disse “ciao”. Trovai interessante il fatto che non si alzò per stringermi la mano, come fecero Steven (Spielberg) e Jeffrey. In un primo momento pensai che Michael ritenesse che non ci fosse nessun bisogno di alzarsi. Lui era famoso, e le persone famose sono abituate ad una posizione di privilegio. Ma più tardi, dopo aver trascorso un pò di tempo con lui, capii che quel giorno non si alzò in piedi per un altro motivo: era troppo timido.
L'autrice e sceneggiatrice Darlene Craviotto, sul primo incontro con Michael durante il " Project M", che doveva essere un musical su Peter Pan che era in fase di sviluppo per Michael che sarebbe stato diretto da Steven Spielberg e successivamente cancellato.
-------------------------------------------------------
Estratto...
Michael Sherwood parla di Toto XIV, Michael Jackson e Steve Porcaro
(...) Quello che mi interessava (quando ho iniziato) era comporre e continuare a dare forma al mio stile. Steve Porcaro e io avevamo scritto un tema per Michael Jackson chiamato "For All Time" per l'album 'Dangerous'.
Michael voleva un altro brano in stile "Human Nature" e per questo ha contattato Steve Porcaro - ma, all'ultimo momento, il brano è stato sostituito con "Gone Too Soon".
La cosa curiosa di "For All Time" è che, nel 2007, ha ricevuto una telefonata da Steve Porcaro dicendomi che Michael voleva includere la canzone per l'edizione del 25° anniversario di Thriller! Dopo averla riascoltata abbiamo aggiunto alcune cose alla registrazione originale per renderla più attuale. Steve e io avevamo un sacco di cose in cantiere per il prossimo progetto di Michael, ma purtroppo ci ha lasciato...
-------------------------------------------------------
Donnie Simpson
"Ciò che ha reso Michael grande è stato il suo talento naturale, ma ciò che lo ha reso straordinario è stato che lui era un talento naturale che ha intensamente studiato e messo in pratica il suo mestiere come se non avesse mai ricevuto nessun dono".
-------------------------------------------------------
Il fotografo Dilip Metha fu invitato da Michael Jackson a passare qualche giorno con lui a Neverland nel gennaio 1991.
Metha produsse un bellissimo set di fotografie di Michael in modo rilassato e spontaneo che pochi fotografi riuscirono mai ad ottenere. "Noi siamo stati presentati a Michael Jackson dalla sua guida spirituale, Deepak Chopra. Per me è stato un privilegio averlo fotografato così apertamente. Penso che Michael Jackson fosse un artista divino e brillante. Lui mi ha dato un accesso senza precedenti.
E' stata un'esperienza fenomenale. Lui mi chiamava "Magic D" perché trovava una certa spiritualità nel mio lavoro. Mentre lavoravo con lui, sono rimasto colpito dalla sua semplicità e onestà. La sua abilità, il coraggio, la lealtà... Lui lavorava e lavorava ancora fino a che non poteva raggiungere l'intoccabile, il perfetto. E questo è arrivato." 
-------------------------------------------------------
Kerry Anderson (Bodyguard di Michael nel 2005) parlando con MJ Cast.
Durante il suo soggiorno in Medio Oriente, del 2005, Michael ha anche visitato un remoto villaggio in Oman ...
Le persone che ci hanno ospitato – una sorta di milionari - possedevano Rolls Royce, Ferrari, Lamborghini e Bentley .... Ma erano anche persone considerate nomadi, credo, e più volte al mese salivano sulla montagna per vivere lì senza elettricità e acqua corrente perché questa era la loro cultura, immagino. Lo spiegarono a Michael e lui disse: "Oh, voglio andarci". 
Così ci siamo diretti lì. Non mi sentivo a mio agio, perché avevano ancora a che fare con la guerra, le cose in Medio Oriente, ed è per questo che pensavo ... non conosciamo queste persone, non andiamoci in montagna, restiamo in città, almeno possiamo scappare e ricevere aiuto....
Ma, si sa, Michael era Michael, e quando voleva fare qualcosa non c'era niente che io potessi fare - e così siamo andati. ...
Ed era così montuosa e così lontana dalla città, tutto ciò che vedevi era montagna ...c'era un ragazzo che scendeva con un gregge di pecore ... e io mi dicevo: “che cosa ci facciamo qui? .Non mi piace per niente, ma ...sono arrivate delle altre persone che hanno cominciato ad urlare: Michael Jackson!. Oh mio Dio ... anche queste persone sanno chi è quest'uomo, è incredibile... "
---------------------------------------------------
David Nordahl 
Sedersi e parlare con Michael ...
potevo guardarlo negli occhi e vedere 1.000 km. oltre. Aveva degli occhi incredibili.
Si possono vedere nei suoi video, ma non è lo stesso di persona quando stavi effettivamente seduto di fronte a lui e lo guardavi ... Quegli occhi erano incredibili. Ci sono stati momenti in cui mi bloccavano e ci sono stati altri in cui ero intorno a lui e dimenticavo chi era e poi capivo ... 'Io sono seduto qui accanto a Michael Jackson ! ' Non sono mai riuscito a superare quelle sensazioni. C'erano momenti che faceva dei passi ed erano come un fulmine . Era così veloce, così preciso, così incredibile.. "
---------------------------------------------------
"Laurent Hopman -. come Michael ha portato due sedie e messo in ordine la stanza davanti a tutti.”..
"Ho sempre pensato a quel gesto come un simbolo di come Michael era rimasto con i piedi per terra in qualche modo. Il personaggio dello spettacolo era qualcos'altro, ma l'uomo era ancora un ragazzo normale.

Visualizza: LINK ORIGINALI - CREDITS