lunedì 13 aprile 2015

"Michael Jackson era un supereroe nella vita reale." - Intervista a Damien Shields

Molti fans conoscono Damien Shields per i suoi scritti sulla musica di Michael Jackson e i progetti ad essa correlati. Dopo l'uscita del suo nuovo libro, "Xscape Origins: The Songs and Stories Michael Jackson Left Behind", Damien ha accettato di dare a MJ.ru un'intervista esclusiva.
Abbiamo così approfittato per chiedergli della sua vita come fan di MJ, le sue opinioni e le ricerche che fa per i suoi articoli e libri.

Damien, quando sei diventato un fan di Michael Jackson? Qual è stato il primo momento che hai visto Michael, e quanto tempo hai impiegato per esserne affascinato?
Ci sono un paio di occasioni che ricordo specificamente, nelle quali Michael ha avuto un impatto importante nella mia vita. Il primo è stato nel 1991 - quando avevo solo tre anni. Stavo guardando un programma di musica di prima mattina in televisione, e di solito stavo lì a vedere video musicali dei Queen, Bryan Adams, The Beach Boys, Neil Diamond e Guns N Roses. 
La maggior parte della musica diversa da questo genere, non afferrava la mia attenzione, ma quella mattina ho visto un video che non avevo mai visto e su una canzone che non avevo mai sentito - e mi è piaciuto molto. Ero un bambino di 3 anni e quel video mi aveva confuso. 
C'erano queste due persone che saltellavano per strada, entrambi con dei bei volti e i capelli ricci. Una stava strillando all'altra. Era affascinante. Mi rivolsi a mio padre e gli chiesi della persona in camicia blu che cantava la canzone, "Papà, è un ragazzo o una ragazza?" La sua risposta: " Questo è Michael Jackson".
Immagino che dimostri che l'arte di Michael è veramente qualcosa di affascinante. Non sapevo o non mi importava se era bianco o nero, maschio o femmina, o qualsiasi altra cosa. Sapevo che mi era piaciuto il brano ("The Way You Make Me Feel") e ho capito che volevo sapere chi fosse il cantante.

Ma ciò che veramente mi ha fatto entrare nel mondo di Michael, come molti altri fan della mia età,è stato lo show della celebrazione del 30° Anniversario a New York nel 2001. Quello spettacolo è stato il punto di non ritorno. Mostrava il Michael Jackson (del momento), e nella retrospettiva della sua lunga carriera. Così , sono diventato un vero fan molto più in la negli anni. 
Vedi, io provengo da una famiglia che ha avuto il suo primo computer alla fine del 2002. Prima di allora avevo letto libri, a scuola e nelle biblioteche pubbliche, e avevo registrato e guardato (centinaia di volte) tutto ciò che la tv mandava in onda su MJ , ma il mio accesso alle informazioni su questa figura misteriosa è stato fortemente limitato fino alla fine del 2002. Da lì, il cielo era il limite, che è ciò che ha fatto Michael: e per me è lo stesso con la mia ossessione per Michael Jackson!

Hai mai visto Michael nella vita reale? Sei stato ad un suo show?
Mai. Io vivo in Australia, e l'ultima volta che Michael è venuto in Australia avevo solo otto anni. Ho visto l'HIStory tour su Channel 9 qui, quando Molly Meldrum lo mandò in onda nel suo show . Ma non l’ho mai visto dal vivo, o incontrato. Tuttavia, avevo i biglietti per vedere otto dei suoi spettacoli di This Is It a Londra. Avevo prenotato il volo e programmato l'assenza dal lavoro per trascorrere sei settimane in Inghilterra - solo per vedere MJ più e più volte. Avevo messo da parte tutto il resto per questo. This is the moment!. Lo è stato! Ma, ahimè. Possa riposare in pace.

Che cosa significa per te Michael? Lo vedi più come interprete, compositore, umanitario o qualcos'altro? Quali parti o qualità ammiri più di lui?
Michael Jackson è fondamentalmente un supereroe nella vita reale. Ovviamente lui è tra i più grandi cantanti, cantautori, compositori, ballerini, performers, e visionari artistici a tutto tondo che il mondo abbia mai visto. E ricordate, lui è tra i primi della lista in tutte le categorie - nessun altro essere umano nella storia dell'intrattenimento si è nemmeno avvicinato a raggiungere un tale livello di consensi! Ma anche lasciando da parte tutto questo - tutti i cortometraggi, gli album, i suoi singoli,i tour, il moonwalk, il video di Thriller, tutto questo - lui è stato comunque un supereroe nella vita reale, e si può affermare anche solo prendendo in considerazione il suo umanitarismo. 
Voglio dire, dare 300 milioni di dollari dei tuoi guadagni in beneficenza è davvero enorme per qualunque uomo. I grandi guadagni, avrebbero potuto facilmente cambiare il suo carattere. Quante persone abbiamo visto diventare preda dell'avidità specie nel mondo dello spettacolo - ma non Michael. E’ stato un benefattore sino alla fine, e mi piacerebbe che venisse ricordato in questo modo. Quindi, in poche parole, la cosa che preferisco di Michael è la sua dedizione ad aiutare gli altri.

Balli molto bene e puoi fare una superba imitazione delle mosse di Michael. Quando e dove ti sei messo a ballare? Quanta pratica ci è voluta per sviluppare le tue capacità a questo livello?
Oh, grazie! Ero già un fan da un bel pò, prima di anche solo tentare il mio primo moonwalk. Ho iniziato a ballare al liceo quando il mio amico Simone , ha scommesso 50 dollari che non avrei avuto il coraggio di presentarmi ad una serata di talent quest recruitment. Sapevano tutti che non avevo nessun talento (a parte giocare a calcio) così pensai che comunque sarebbe stato divertente arrivarci e fare una follia. Ho accettato la scommessa e sono andato, ma invece di prenderla come un gioco, mi misi a studiare le mosse di "Billie Jean". 
Ogni secondo che avevo a disposizione lo sfruttavo per fare pratica. Poi, quando sono salito sul palco per il talent quest, ho dato una performance che non solo non ha fatto del tutto schifo, ma mi fatto guadagnare pure il primo premio! Per molti anni dopo, NESSUNO a scuola sapeva il mio nome - ero solo "il tizio che interpreta Michael Jackson."

Cosa ti piace nell’esibirti sul palco in un tributo a Michael Jackson? Si tratta di un lavoro o di un hobby?
Lasciami dire che sono molto selettivo per filosofia sulla scelta del materiale di Michael Jackson sul quale esibirmi. Per prima cosa, dobbiamo ricordare che è - materiale di Michael, non il mio (o di chiunque altro). Molti tribute artists, o imitatori, cercano le luci della ribalta su di sé e cercano lodi sulle proprie capacità , il look , le mosse. Per me, non si tratta di questo. Esibirmi su materiale di Michael è per me una narrazione. Sto semplicemente ripetendo qualcosa che Michael faceva una volta, per far conoscere lui alle persone, non me. 
Ad esempio, se tu o io dovessimo ripetere le parole di un famoso filosofo, alla fine citeremo il suo nome - non il nostro. Giusto? Perché stiamo raccontando la sua storia, o ripetendo la sua frase. Così sentir collegare il mio nome a un tributo a Michael Jackson non sarebbe più come rendere un tributo a Michael Jackson - sarebbe una performance di Damien Shields che sta rubando dal materiale di Michael Jackson. 
Dobbiamo ricordare che quando la gente tifa per il moonwalk di un tribute’s artist , sta davvero, in sostanza, tifando per Michael Jackson. Quindi sì ... c'è una linea sottile, e ho capito questa distinzione in anni. Da giovane, molti anni fa ho indubbiamente agito in modi che adesso non mi piacciono.

Alcuni fans sono scettici riguardo ai sosia di MJ e le persone che cercano di imitare Michael. Hai mai avuto a che fare con questo tipo di atteggiamento verso il tuo tributo? Ti da fastidio?
Sono scettici, o "nemici", per qualsiasi cosa tu faccia - non importa cosa. Ma ho probabilmente ricevuto più "astio"da fan di Michael per tributi fatti anni fa, piuttosto che adesso.
E lasciami dire questo: io non sono un sosia di Michael Jackson. La definizione di "sosia" è "quella di una persona che imita o copia il comportamento o le azioni di un altro." Per me, un attimo dopo essere sceso dal palco, la storia è finita. Io sono io. Se volete sapere più storie su Michael Jackson che io sono disposto a dire dal palco, leggete "Xscape Origins", haha!

Così, oltre alle performance, scrivi anche dell’ arte di Michael. Il tuo blog è molto conosciuto nella fanbase, ed i tuoi articoli si distinguono per essere basati su una ricerca diligente. Quando e perché hai iniziato a scrivere di MJ?
Ho iniziato a scrivere di Michael probabilmente prima di averlo capito veramente. Tornando al 2006 le voci del "ritorno" di Michael Jackson cominciarono a circolare, e produttori come Will.i.am iniziarono a parlare di collaborazioni con lui in studio. In quel momento creai un nuova discussione nei forum che frequentavo, la MJJCommmunity e poi il Maximum Jackson quando fu lanciato - incentrata sulla documentazione dei commenti dei collaboratori, così che i fans potessero tenere traccia di chi aveva detto cosa riguardo la musica di Michael. 
Ho anche avuto un contatto con Sony Music, che mi fornì un dettaglio delle uscite in programma con la Epic Records - come Thriller 25 e l'album King of Pop nel 2008. Col passare del tempo la mia lista dei contatti è cresciuta. Ad un certo punto stavo lavorando come "giornalista" per Maximum Jackson, e davo notizie ai fan sul tour This Is It . 
Ma non ho iniziato a scrivere seriamente (e indipendentemente) su Michael Jackson prima del 2011, dopo l'inizio di un'indagine avviata dai fans per quanto riguardava il controverso album Michael - pubblicato pochi mesi prima, alla fine del 2010. Ho iniziato a scrivere la bozza di quello che non avevo idea sarebbe poi diventato un libro (che deve ancora essere completato).

Ora hai raggiunto un importante traguardo - il tuo primo libro appena uscito. Si chiama "Xscape Origins" e parla delle origini di 8 canzoni di Michael Jackson pubblicate nella recente raccolta Xscape. Cosa ti ha spinto a pubblicare questo libro?
Come ho scritto nella prefazione del libro "Xscape Origins", la motivazione è stata una mancanza di informazioni a disposizione del pubblico su questi otto tesori musicali. Anche se non credo che questi tesori dovessero essere pubblicati (almeno non così presto dopo la morte di Michael), ho saputo che Sony e L'Estate avevano la libertà di renderli accessibili al pubblico (in loro diritto), e ho pensato che la storia di questi brani dovesse diventare nota. 
Queste canzoni sono ormai parte del lessico di Michael Jackson. La storia della sua arte dovrebbe essere disponibile per tutti coloro che l'apprezzano e vorrebbero sapere come è stata creata. Michael ha sempre detto: "Studio i grandi." Ora che lui - il più grande di tutti - è andato, è importante che le informazioni siano disponibili in modo che anche lui, possa essere studiato.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere il libro, e a quante persone hai fatto interviste per questo?
Dal concepimento alla realizzazione di questo libro sono passati circa nove mesi. Ecco nove mesi di duro lavoro. Nove mesi di disponibilità totale, ogni giorno della settimana, per le interviste, le e-mail e ogni altra comunicazione che potesse essere di aiuto a creare il fulcro delle informazioni che stavo costruendo e stavo preparando per condividerle con il pubblico.
Ho intervistato circa venti dei più stretti collaboratori di Michael Jackson per questo progetto. Ne ho citati circa una dozzina. Alcune delle altre informazioni che ho ottenuto, e le interviste che ho fatto, ma che non sono incluse in "Xscape Origins," probabilmente vedranno la luce in progetti futuri.

Nel corso della tua ricerca, hai stabilito contatti e stretto amicizia con molti dei collaboratori creativi di Michael. Alcuni di loro hanno parlato con te in esclusiva. Qual è il tuo segreto per convincere la gente a parlare con te?
Avvicinarsi a loro e trattarli come si vorrebbe essere trattati - con il massimo rispetto. Abbastanza semplice, davvero. Sono persone normali come te e me non c'è nessun segreto.

Dalla tua esperienza con partner creativi di Michael, vuoi dire che tutti hanno qualcosa in comune? Pensi che Michael li avesse scelti per un determinato tratto o qualità?
Sì. Ciò che hanno in comune è che sono incredibili, generosi, persone protettive e che veramente amano Michael. Queste persone sono deliziose. Non riesco ad esprimerlo per come è , davvero delle belle persone. Non c'è da meravigliarsi che Michael Jackson sia stato in grado di creare una tale magia in studio con queste persone. Poteva davvero abbassare la guardia con loro e permettere alla sua mente, corpo, anima e spirito di correre libero e disinibito con loro al suo fianco.

Dai racconti nel tuo libro, è molto evidente come Michael fosse esigente per la qualità della musica e di come sia stato mentore dei produttori con cui lavorava. Guardavano verso di lui e facevano del loro meglio per creare canzoni che sarebbero state all'altezza dei suoi standard. A volte erano totalmente affascinanti da lui. Pensi che sia come si sentono anche oggi? Percepiscono Michael come un maestro o più da pari a pari ora?
Nessuno percepisce Michael da pari a pari col senno di poi. Ho avuto la sensazione che la sua presenza, la sua grandezza, e il suo impatto con coloro che gli sono stati vicino fosse così profondo che ancora non riescano a comprendere la realtà di aver avuto un tale accesso così personale alla più grande forza artistica che abbia mai camminato sul pianeta Terra.

Qual è il tuo atteggiamento personale nei confronti del progetto Xscape? Musicalmente preferisci le nuove remixate o le versioni originali delle canzoni? E il lato etico (sempre molto controverso)?
Sony Music e la Michael Jackson's Estate avevano tutto il diritto di rilasciare Xscape. Non discuto questo. Però, ho un parere personale (come tutti noi, in un modo o nell'altro) sulla situazione. La mia opinione personale non è lapidaria, e non è più importante di quella di chiunque altro, sono stato criticato e lo sarò ancora per esprimerla. Non necessariamente lo trovo equo, ma così sia. Credo che fino a quando le opinioni non sono poste come fatti, esprimerle va bene. Vorrei anche sottolineare che i fatti rimangono fedeli alla realtà, che si sia o meno d'accordo.

Personalmente avrei preferito che non venissero rilasciati inediti di Michael Jackson così presto, dopo la sua morte. Michael Jackson ha creato e rilasciato una ricchezza musicale che, a mio parere, dovrebbe essere presentata al pubblico prima di tutto. Michael è adesso la sua eredità - non è una pop star vivente che pubblica nuovi album, video musicali e spettacoli. Penso invece che per onorare la sua eredità -dovrebbe essere reso pubblico e fatto conoscere bene quello che ci ha dato dal 1958 al 2009 - in modo che possa essere cementato nella nella mente dell'opinione pubblica, come la leggenda e il genio che era.

Sono stato accusato di fare riferimento a brani inediti di Michael Jackson come alla "raschiatura del fondo di un barile" in modo negativo - come se sentissi che sono pezzi scartati, recuperati dentro un cestino o qualcosa del genere. Ma è una manipolazione delle mie parole. Vorrei essere chiaro: non"Raschiare il barile," riferito al catalogo musicale di Michael, significa semplicemente prendere le canzoni che sono alla base della collezione. 
Ciò che invece Michael non aveva autorizzato dovrebbe essere considerato semmai come una seconda priorità inferiore rispetto a ciò da lui scelto. "Billie Jean", "Earth Song" e "Man In The Mirror" sono esempi di quello che c'è in cima al "barile" - cose che Michael aveva rilasciato, di cui abbiamo performance o video. 
Questi sono i pezzi che, a mio parere, la Epic Records e l'Estate dovrebbero usare per creare nuovi progetti , almeno negli anni appena successivi alla scomparsa di Michael. Detto questo, non ho mai commentato la qualità delle cose che stanno in fondo al barile, come a dire che Michael le aveva trascurate perchè non pronte ad essere rilasciate, il che è anche vero.

Per quanto riguarda specificamente Xscape, penso che ogni singolo elemento debba essere valutato in base ai propri meriti individuali. Generalizzare non è ciò che amo fare, ma per rispondere alla tua domanda, ci proverò ...
Ho l'album Xscape. Me lo hanno regalato, così sono in possesso di una copia fisica del disco. Ma non l'ho comprato. Non ho comprato nessuno dei prodotti post 2009, come anche This Is It. Quando è uscito l'album Michael, di cui tre canzoni erano false, mi hanno perso come consumatore. Questa è la mia decisione e visione personale, e non biasimo nessuno perchè ha scelto di agire diversamente. 
Se la Epic e L'Estate fossero disposti a riconsiderare e con maggior cura e attenzione verso i fan( che per altro sono coloro che alimentano questa macchina da miliardi), il lavoro di Michael rivisitando i temi dell'album Michael risolvendo i contezioni, allora sarei disposto a riconsiderare la mia posizione sui prodotti che usciranno. Ma per come stanno le cose oggi, non hanno mostrato alcuna cura verso me in quanto fan o consumatore - e nemmeno verso Michael. Questa è la mia opinione. Ecco come mi sento. A ciascuno il proprio.

Xscape è composto da 8 canzoni "contemporaneizzate" seguite dalle originali
Per rispondere sulle versioni "contemporaneizzate" - non sono canzoni di Michael Jackson. Non le posso confrontare con le versioni originali.
Lasciami dire questo ... io sono un fan di Stargate. Io sono un fan di Justin Timberlake. Mi piace un po' del lavoro di Timbaland con JT e altri artisti. Mi piace anche un po' del lavoro di Rodney Jerkins'. Per i loro meriti, come la musica, senza associarci il nome "Michael Jackson", il loro lavoro può essere davvero eccezionale. Se mi facessi sentire la parte strumentale di "A Place With No Name" o "Do You Know Where Your Children Are" - senza le parti vocali - e mi chiedessi: "Che cosa ne pensi di questa musica" direi: " Mi piace! "Ma applicare suoni o strumenti, sulla voce di Michael, ed etichettarle come canzoni di Michael Jackson, non è qualcosa che apprezzo. Non mi sento a mio agio con l'idea di etichettare queste nuove realizzazioni come di MJ.

A volte il modo con cui Michael ci viene presentato , me lo fa sembrare più come un espediente, o la parodia di se stesso, piuttosto che un artista dall'eredità leggendaria. Questa è la mia opinione. Ecco come mi sento. Altri non saranno d'accordo. Altri avranno anche apprezzato che un imitatore registrato attraverso un sistema digitale sia stato presentato al mondo come "Il Michael Jackson come non l'avete mai visto prima." E queste persone hanno il diritto di pensarla così. Ma io non condivido. Dammi un Victory Tour in Blu-ray piuttosto che una falsa propaganda.

Parlando dell'album Michael, i fans sanno che sei stato coinvolto nelle indagini legate ai sospetti sulle canzoni Cascio. Qualche tempo fa hai fatto parte di una campagna A Thruth Untold per raccogliere fondi per un libro su questo problema. Questo progetto è ancora in corso?
Sì. Il libro sull'album 'Michael' e le controverse tracce Porte-Cascio è ancora in piedi. La campagna Kickstarter del 2013 non ha raggiunto il suo obiettivo finanziario, quindi le 170 persone circa che avevano contribuito sono state rimborsate, e non abbiamo tenuto un centesimo dei 20.000 dollari che avevamo raccolto. Senza finanziamento il progetto è diventato un pò più difficile - ma non abbiamo intenzione di fermarci. L' Integrità artistica di Michael, la sua eredità, e la verità sono troppo importanti. La verità prevarrà. Michael credeva in questo e anche noi.

Nel corso degli ultimi quattro anni, i fan hanno esaminato ogni bit di informazioni pubblicamente disponibili sui brani Cascio. Hai ovviamente speso più tempo su questa ricerca della maggior parte dei fans, ma hai anche avuto accesso a molte fonti private. Hai informazioni esclusive che i fans dovrebbero sentire ?
Abbiamo fatto molte scoperte eccezionali che cambieranno completamente lo scenario di questo momento storico. In questo momento nella comunità dei fans ci sono molte teorie, ma pochi fatti. Molti hanno espresso opinioni, ma le opinioni non sono definitive. Il nostro libro si propone di presentare i fatti reali, il dietro le quinte, e di fornire nuove informazioni per dare un senso all'accaduto. Se abbiamo imparato una cosa durante la nostra indagine in più di quattro anni è che le cose non sono sempre come sembrano, o come si assume che siano.

Pensi che questo progetto sia in grado di portare alla definitiva conclusione della questione- canzoni Cascio? E' possibile arrivare ad una conclusione ?
Penso che permetterà alle persone di visualizzare il problema ma avendo fra le mani un informazione a 360 gradi; pieno accesso ai fatti insomma. Credo quindi che si, sia possibile arrivare ad una conclusione. Abbiamo bisogno di risolvere il problema, piuttosto che ingarbugliarlo. 
Finora tutto quello che è stato fatto ha in realtà creato una sorta di cortina di fumo. Le domande dimenticate o nascoste sotto il tappeto, o è stato vietato che venissero alla luce del sole. Non possiamo continuare a girare a vuoto , rimugiando su quelle poche informazioni che abbiamo. Siamo stanchi e continueremo a discutere, a meno che la storia completa e tutti i fatti non vengano alla luce. Solo allora potrà essere risolto.

Quanto è grande la tua passione per Michael rispetto al resto della tua vita? I colleghi di lavoro o gli amici al di fuori della fanbase conoscono la tua passione, i tuoi progetti su futuri libri o il tuo partecipare ai tributi?
Michael Jackson è una parte enorme della mia vita. Chiunque mi conosce sa del mio amore per Michael Jackson. Michael mi ispira continuamente nella vita quotidiana, sia per quanto riguarda la beneficienza, il mio atteggiamento e come mi comporto con gli altri, la mia filosofia, l'ambiente, o una serie di altre cose. Detto questo, Michael Jackson non dice tutto di me . Sono una persona molto indipendente.

Il 25 Giugno 2009 come lo hai vissuto? Il ruolo di Michael nella tua vita è cambiato da quando è scomparso?
Il 25 giugno 2009 è stato il giorno peggiore della mia vita.

Qual è stata la cosa più importante che hai imparato da Michael - qualcosa che ha cambiato la tua vita o il tuo modo di fare?
Ho imparato di recente, o forse dovrei dire che ho iniziato ad applicarlo di recente, ma con diplomazia, che Michael Jackson è stato forse l'essere umano più bersagliato sulla faccia della terra, ma che , nonostante questo ,ha risposto con tanto amore e comprensione, perdono, e con un enorme capacità di migliorarsi. Era un magnifico diplomatico. Lo ammiro per questo. Cerco di essere così, se ci riesco.
L'intervista con Damien Shields è stata condotta dal team di MJ.ru

LINK - TRADUZIONE: MJGW FORUM

ENGLISH
Interview with Damien Shields:
 “Michael Jackson is a real-life superhero.”