lunedì 13 aprile 2015

You Make Me Feel Like.. You Make Me Feel Like by Dancing With The Elephant”


Discussione imperdibile sull’abilità di Michael Jackson di cantare oltre il linguaggio. 
Il sito “Dancing With The Elephant” analizza in profondità l’uso di queste fantastiche espressioni non verbali, che rendono la musica di Michael potente e unica.


Willa: Questa settimana abbiamo deciso di affrontare un argomento piuttosto difficile: la capacità di Michael Jackson di imitare i suoni con la sua voce, in particolare le vocalizzazioni non verbali. Di certo, queste vocalizzazioni sono insite di grande significato ed evocano emozioni potenti o drammaticità o aggiungono profondità alle sue canzoni. Infatti un tratto distintivo del suo stile è l’abilità di comunicare emozioni al di là dell’uso del linguaggio. Tuttavia è difficile parlarne, perché sono “non-verbali”, oltre il linguaggio. Come si può parlare di qualcosa che “non è verbale”?

Joie non è potuto essere con noi per questa discussione, ma io sono molto felice di essere accompagnata da due nostri amici comuni, che sono esperti del suono e del linguaggio: Lisha McDuff, musicista professionista e musicologa e, Bjørn Bojesen, poeta e autore del libro En Undersøgelse af Fænomenet Rim ( Uno studio sul fenomeno della rima ). Ringrazio entrambi per essere qui con me!

Il tema in oggetto è impegnativo, e ho pensato, che per avere un'idea su ciò, si potrebbe guardare alcuni esempi specifici in cui Michael Jackson usa queste espressioni. Il magazine Rolling Stone, ad esempio, nell’edizione tributo dopo la sua morte ha scritto: Don’t Stop 'til You Get Enough:
“Provate a fare una graduatoria delle prime dieci migliori esclamazioni di “ooooh!” nella musica, e questo successo occupa almeno sei di loro.”
Per una volta, sono completamente d'accordo con Rolling Stone! Quali altre canzoni richiamano l'attenzione, come un qualsiasi classico di Michael Jackson o suono, in grado di offrire un'ampia varietà di vocalizzazioni che lui ha usato?

Bjørn: Wow, questo è davvero difficile! Esiste una canzone di MJ dove non ha usato suoni “non verbali”? Prima di tutto, credo che il suono, che istintivamente la gente associ a Jackson sia “aoow!” (Come nell'inizio di Black or White), con “hee - hee!”, che sembra aver raggiunto il suo scopo di vittoria, ma questa è solo una supposizione! Se dovessi indicare una canzone in particolare, mi piace l’inizio di Blame it on Boogie: “Hee-hee-hee-hee”. 

Willa: Oh, buona scelta! Mi piace troppo, soprattutto l’inizio degli “Hees”, sembra un ampio vocalizzo.
Bjørn: In molte altre sue canzoni, le VNV (Vocalizzazioni Non Verbali) evocano dolore, ma qui è gioia allo stato puro. Si capisce subito di quale canzone si tratta e chi è il cantante. Come te, e Joie, avete rivelato in un post di qualche mese fa, la canzone è stata cantata anche dall’inglese Mick Jackson. Se si confrontano le due versioni, è incredibile sentire come MJ rende questa canzone sua, aggiungendo solo qualche cristallina “risatina”!

Lisha: “Cristallina risatina” - che tocco poetico di cogliere queste espressioni, Bjørn! È così bello avere qui un poeta, che ci fa notare alcuni splendidi esempi di VNV, che sono una caratteristica di Michael Jackson come il guanto di paillettes e la Fedora nera. La stessa cosa, naturalmente, si può dire dei “singhiozzi” in Billie Jean, e gli “hoos!” dell’improvvisazione alla fine del ritornello di Earth Song. Queste espressioni vocali sono così significative che associarle a Michael Jackson è immediato, ed è molto difficile, se non impossibile trovare una canzone di MJ dove non sono incluse.

Bjørn: O in una parodia di MJ! Nel 2007, Chris Tucker ha fatto un’indimenticabile “hee-hee” nel talkshow di Conan O'Brien.
Video : Chris Tucker about Michael Jackson

Lisha: Chris Tucker è molto divertente! E lui non si fa mancare nulla, giusto? L’espressione “hee-hee” è una caratteristica dell'identità di Michael Jackson - un suono che è sinonimo del suo stile. E nelle performance di Michael, queste vocalizzazioni sono una componente molto potente, non è vero? A questo riguardo, mi è piaciuta molto la storia di Vincent Patterson in Bad 25, dove racconta cosa è successo, quando Michael Jackson si lasciò fluire a piena voce “hoo!” sul set di The Way You Make Me Feel.

Willa: La descrizione di Patterson è meravigliosa. 
Egli dice: “Tutto quanto si fermò. Dovemmo interrompere le riprese perché rimasero tutti immobili - erano letteralmente impietriti.” E ho subito pensato! Questo forte chiaro e potente “hoo!”, è così sorprendente sentirlo nel video, che posso immaginare quello che le persone hanno provato in quel momento sul set, quando lo hanno sentito dal vivo per la prima volta.
Mi chiedo, perché, questi suoni non verbali sono così irresistibili? E cosa li rende tali? Avrebbe potuto usare i suoni di uno strumento, o cantare suoni che riconosciamo come parole. Che cosa è che rende questi suoni così potenti ed espressivi?

Lisha: Bella domanda, e mi chiedo se qualcuno sappia veramente dare una risposta! Gli studiosi di musica pop si riferiscono al concetto “grana della voce”, sulla base di un famoso saggio di Roland Barthes, che può, eventualmente, darci un suggerimento. Se si pensa alle venature di un pezzo di legno, queste sono una caratteristica unica per un’essenza, che può aggiungere un valore estetico. Lo stesso si potrebbe dire della voce, anche se è estremamente difficile da definire e preferenze individuali possono facilmente diventare un fattore importante.

Il concetto “grana della voce” serve per designare una voce interessante, ma questo va oltre ciò che si può imparare a cantare, se si dovesse prendere lezioni di canto. Va oltre il bel suono, una buona tecnica e un ottimo controllo del respiro - anche se, nell'esempio di cui sopra, tutte queste cose sono anche presenti.

Willa: Questa è un'idea intrigante, Lisha. È la grana del corpo vocale che rende unica una voce? Ad esempio, se ascoltiamo We Are the World, tutti gli interpreti la cantano in uno stile simile, intonazione, volume, tono e ritmo - caratteristiche che normalmente sono una componente del suono – eppure le voci individuali sono molto distinte dalle altre. Non c’è bisogno di guardare il video per sapere chi sta cantando – è sufficiente ascoltare. Non credo che qualcuno possa confondere la voce di Willie Nelson, con Ray Charles o Bruce Springsteen e Bob Dylan, e nemmeno Diana Ross con Cyndi Lauper. Questo è a causa della “grana”?

Lisha: Beh, in realtà, è un po' diverso. Come hai sottolineato, ogni voce ha la sua identità sonora e due vocalità non sono mai uguali. Questo è il motivo per cui al telefono non è sempre necessario identificarsi - si può dire “Hey, sono io!” - e la persona se ti conosce bene, sa esattamente chi sta chiamando. Questa è la caratteristica sonora che si traduce nel “tono vocale”, che è la qualità o il tono unico di voce.

La “grana della voce” è qualcosa di più del timbro, e ha a che fare con la qualità estetica della voce e la capacità della voce di andare oltre la funzione del linguaggio o aspettative musicali tradizionali. Sono tutte quelle qualità indefinibili che spiegano, perché alcuni sono in grado di offrire una canzone con una interpretazione molto potente e significativa, mentre altri che ugualmente ammiriamo, poi li dimentichiamo - anche se le loro prestazioni sono espressive e tecnicamente impeccabili. 
Questo si verifica, perché questi artisti non riescono ad entrare in contatto col corpo dell’ascoltatore, suscitandone “juissange”. In base alle mie conoscenze, posso dire che, l’espressione “grana della voce” descrive come funziona la voce sul linguaggio e la musica – essa è collocata al di fuori del campo di elementi linguistici o funzioni musicali definibili.

L'esempio di 'We Are the World' che hai portato è perfetto per spiegare questo punto. Se si pensa a voci come Willie Nelson, Ray Charles, Bruce Springsteen o Bob Dylan – queste in senso pedagogico tradizionale non sono belle voci.
 Il loro canto non si conforma alle norme di una grande tecnica vocale, come invece si riscontra negli altri cantanti. Tuttavia, al di fuori di questo incredibile coro di talento vocale, questi quattro cantanti sono tra i più rispettati – oserei dire, più che venerati. È la “grana della voce” che dà forza alle loro performance vocali. Sono straordinari cantanti in grado di cantare una canzone in un modo che tocchi realmente l’ascoltatore.

Bjørn: Questo è davvero interessante, Lisha! Non avevo mai pensato alla vocalità in questo senso, e il concetto di ‘grana’ aiuta a chiarire alcune cose. Così, la “grana” della voce di MJ, cioè la sua vocalità musicale, potrebbe spiegare il potere delle sue VNV, e, perché, il suo canto verbale ha toccato molte persone al di là del mero significato delle parole?

Lisha: Credo che questo ci dia almeno uno spunto di riflessione. Riguardo la voce di Michael Jackson, c’è qualcosa di molto interessante, che non è così facile da definire. E secondo me, questo è uno dei motivi per cui molti programmi dei talent show televisivi, inevitabilmente, mostrano un episodio di Michael Jackson. Rappresenta una bella sfida per i giudici e concorrenti riflettere sul perché, le prestazioni di Michael Jackson sono così estremamente difficili da eguagliare.

Bjørn: Questa è un ottima osservazione, Lisha! Credo che, uno dei motivi per cui queste star emergenti della Tv non possono eguagliare la grandezza di MJ, è perché non ci sono più veri cantanti di talento, come la qualità della voce stessa.

Lisha: Sono d'accordo.

Bjørn: Joe Vogel per ricordare Michael Jackson nel quarto anniversario della sua morte, ha pubblicato una descrizione davvero meravigliosa dell’artista, dove lui si esprime con una VNV in una situazioni fuori dal palco. Egli menziona Howard Bloom, un pubblicista dei Jacksons a metà degli anni Ottanta. Bloom stava andando a mostrare qualche portfolio ai fratelli Jacksons, in modo che potessero scegliere un artista per realizzare la copertina dell'album Victory:
“Eravamo tutti riuniti insieme sul lato opposto del tavolo da biliardo rispetto al direttore artistico. Michael stava nel mezzo. Io ero accanto a lui, alla sua sinistra. E i fratelli erano in piedi attorno a noi su entrambi i lati. L'art director di CBS fece scivolare il primo dei portfolio per Michael. Aprì la prima pagina, molto lentamente ... quel tanto che basta per vedere, forse un centimetro dell'immagine. Quando vide l'opera d'arte, le sue ginocchia cominciarono a piegarsi, il gomito a contorcersi, e tutto quello che disse fu 'oooohhhhh!'. Un soave, orgasmico 'ooooh!'. In quell’unica sillaba, e nel suo linguaggio del corpo, era possibile percepire ciò che appena vedeva.”

Willa: Oh, posso solo immaginare, Bjørn! L’aneddoto trasmette molto bene come Michael Jackson senza l’uso del linguaggio potesse essere tanto espressivo, quanto attraverso la voce e i suoi gesti – “Le ginocchia cominciarono a piegarsi ... e tutto quello che disse fu, 'oooohhhhh'”. Che struggente descrizione!

Ma, vorrei tornare su quello che hai appena detto, Lisha, circa Willie Nelson, Ray Charles, Bruce Springsteen e Bob Dylan - come “il canto di loro non è conforme alle regole di una buona tecnica vocale", ma le loro voci sono ancora molto espressive. Questo mi ricorda l’inizio di un articolo che ho letto qualche tempo fa, in Village Voice, dove il critico Frank Kogan ha scritto: “Una cosa strana di Michael Jackson è che ha una voce assolutamente spettacolare, ma lui non sente il bisogno di sorprenderci con essa. Assolutamente.”

Non sono d'accordo con gran parte dell'articolo di Kogan, ma qui concordo con lui. Michael Jackson ha “una voce assolutamente spettacolare”, come dice Kogan, ma non la mette in mostra – questa non era il suo punto focale. 
In realtà, a volte il suono della voce diventa ruvida o staccata o altrimenti, avrebbe usato la voce in un modo che quasi nascondeva quanto era bella, e credo che mediasse più una voce di grande emozione e significato. E mi chiedo, Lisha, se tutto questo ci riporta di nuovo al concetto di “grana” di cui stavi parlando.

Lisha: Credo di sì, Willa. Presentare - la musica era sempre la priorità assoluta di Michael Jackson. Sinceramente non riesco a pensare ad almeno un esempio in cui indulge in un semplice virtuosistico talento vocale, anche se certamente avrebbe potuto fare questo, se avesse voluto.

Willa: Sono d'accordo. Sappiamo che Michael Jackson era molto scrupoloso della sua voce. Ha lavorato con un voice coach, Seth Riggs, per decenni, e lui diligentemente ha fatto vocalizzi per un'ora o più, prima di un concerto o di una sessione di registrazione per scaldare completamente la voce. Voleva assicurarsi che quel bel tenore e quelle note, chiare e alte fossero a sua disposizione, se ne aveva bisogno. Ma gli spettacoli e i suoi album non sono una vetrina di belle note. Il suo obiettivo era di trasmettere idee ed emozioni, e qualcosa di significativo - come ha detto, quando era ancora un bambino - "Io non canterei, se non significasse niente per me" e, a volte questo, significa intonare una nota “cristallina”, come l’ha chiamata, Bjørn, e a volte no.

Lisha: La voce, talvolta, è trattenuta in favore dell’enfasi musicale. La canzone Money è l'esempio ideale, come Blood on the Dance Floor. I versi delle canzoni sono appena parlati piuttosto che cantati, e usa poca voce, a volte quasi un sussurro, che è una scelta perfetta. Non è una “vetrina di belle note”, ma la voce in sé è ricca significato.

Questo, secondo me, coincide perfettamente con quello che ha detto prima Bjørn, quando Michael Jackson librò un estatico “oooohhhh!” nel vedere l’incredibile opera d’arte. Le persone, in qualche modo, sembrano che abbiano un innato bisogno di esprimersi vocalmente. Se si inciampa o ci ustioniamo, la prima cosa che facciamo è esclamare “ahi!” o “ow!”, una miscela di dolore o intensa sofferenza sono associati a singhiozzi e suoni di lamenti. 
Se la tua squadra del cuore vince, o il nostro cantante preferito fa una straordinaria performance, si grida “yyyeess!” “woo-hoo!” o “yeah!”. 
Sensazioni improvvisi di sorpresa, sono seguiti da una rantolo – un segnale acustico per inalazione. Il disgusto è spesso seguito dall’espressione “uh!", fonazione di una forte espirazione. Come si può vedere ci sono tanti modi per modellare i suoni con la nostra voce per esprimere stati d’animo diversi.

Willa: Questo è un buon punto, Lisha, queste esclamazioni sono così evocative ed emotivamente potenti proprio, perché sono prelinguali – si manifestano d’impulso, prima di avere la possibilità di pensare e convertire i nostri pensieri in parole, tanto da sembrare primordiali e in qualche modo più veri.

Lisha: O forse trovano un loro significato se analizzati come translinguismo, che oltrepassano qualsiasi forma e funzione del linguaggio e le più diverse arti. Michael Jackson aveva certamente una buona padronanza della lingua, ma sembra che ci siano momenti in cui il linguaggio non supporta pienamente quello che vuole trasmettere.

Bjørn: Direi che la capacità di esprimere le nostre emozioni è una delle funzioni base del linguaggio! Ma cerchiamo di capire che cosa si intende con le parole “prelinguale” e “linguale”. In linguistica, esclamazioni come “ouch!” o “yes!” sono chiamate interiezioni. A differenza di un verbo (“cantare”), un sostantivo (“musica”) o un aggettivo (“bello”), le interiezioni non hanno legami sintattici con il resto della frase. Ogni interiezione assume il significato di una intera frase. Se ci bruciamo la mano dalla piastra rovente della cucina, non c'è bisogno di formulare una frase come “Che male!”, “ahi!” esprime tutto.

Alcune interiezioni sono semplici suoni onomatopeici o suoni che cercano di imitare diversi rumori. Come quando un bambino indica una mucca e dice “Moo!” Altre interiezioni esprimono sensazioni spontanee e sentimenti improvvisi, e qui vedo un collegamento diretto alle VNV di Michael Jackson. 
Come fai notare nel tuo libro, Willa, una delle forze trainanti di MJ come artista è stato il suo desiderio di mostrarci che le convinzioni possono influenzare le nostre percezioni. Noi vediamo una mucca, pensiamo per pochi millisecondi, poi arriviamo alla conclusione “mentale, che è una mucca”. In questo modo, il linguaggio ci aiuta a organizzare le nostre impressioni e acquisire qualche fondamento nel flusso della percezione. La contropartita è, però, che ogni volta che usiamo il linguaggio per formare una frase, noi formuliamo anche un giudizio. In una certo senso, le interiezioni sono un'eccezione ad esso.

Willa: Oh, questo è interessante, Bjørn. Non ho mai pensato – alle interiezioni come prive di soggettività.

Bjørn: Supponiamo che tu non abbia mai visto una mucca, quando la vedrai per la prima volta, la tua reazione di sorpresa sarà con un “oh!”- di meraviglia.

Secondo me l'uso che, MJ fa delle VNV (Vocalizzazioni Non Verbali) va ricercato in una nota che scrisse di sé sulla composizione: sentire, sentire, sentire, sentire, sentire, sentire ... Le sue VNV sono così potenti, perché derivano direttamente dal suo animo, senza l'elaborazione del pensiero analitico al fine di convertire i sentimenti in parole. Un bambino piange, un leone ruggisce. Questi suoni sono immediati spontanei, perché sono naturali o primordiali. Sono sentimenti molto impulsivi, istintivi che esprimono paura, gioia e stupore. Scaturiscono direttamente dal cuore, e MJ lo sapeva (o riteneva, dovrei dire).

Willa: Questa è un’osservazione molto importante, Bjørn, e credo che le vocalizzazioni non verbali siano così potenti perché toccano direttamente il cuore. È vero che se ci ustioniamo è sufficiente dire “ahi!”. Ma se proviamo molto dolore, non possiamo pronunciare nulla, ma appena gemere o ansimare, o contorcersi a terra in silenzio. Il linguaggio è superfluo di fronte all’estremo dolore fisico o emotivo - o estrema gioia, come Michael Jackson descrive in 'Speechless'.

Per me, il miglior esempio di questo è l’intermezzo di Smooth Criminal. Qualcosa di terribile accade a Annie - non siamo sicuri di cosa, ma l'implicazione è che lei sia stata colpita da Michael, lo Smooth Criminal (come il personaggio biondo è colpito da Fred Astaire in 'The Band Wagon', e Charlotte è colpita da Mike Hammer in 'I, the Jury' - le due opere cui si riferiscono Smooth Criminal). Michael punta la sua mano come una pistola e spara verso i lucernari, sentiamo il rumore di uno sparo, i vetri in frantumi cadono su tutto il night club. E, soprattutto, vi è anche una pausa nel flusso del video, e del linguaggio stesso.

È una sorta di momento psicotico, in cui Michael è costretto a confrontarsi con quello che ha fatto e sente il suo dolore, e non c'è il canto o la danza o il dialogo in questo segmento – solo senso di oppressione e gemiti. L’ambiente è così carico di intensa emozione, che il linguaggio non può funzionare qui. È come quando ci si ustiona la mano sul fuoco e fa troppo male per parlare con le parole, o quando il dolore emotivo o psicologico è talmente estremo che non si può parlare. In Smooth Criminal, dopo che Annie è stata colpita, entriamo, in una dimensione primaria, proverbale.

Lisha: Ma, Michael non è il giovane con il cappello bianco in questo cortometraggio e tutto il film Moonwalker? L’ho sempre percepito come il salvatore, piuttosto che l'autore del reato in Smooth Criminal. Penso che il lungo "oooooh!" di VNV aiuti a chiarire questo. Esprime il dolore e l'angoscia che sente di Annie che non è “ok” – e l'unica cosa che lo spinge a combattere e ripristinare l'ordine in primo luogo.

C'è anche un videogioco di Sega Genesis con Michael Jackson e le sue VNV, Michael Jackson Moonwalker, che lo ritrae molto bene. Il personaggio in questo gioco non è armato con pistole o armi convenzionali, ma il giocatore è dotato delle VNV di Michael Jackson e i suoi caratteristici passi di danza. Il compito è quello di salvare la bambina bionda "Katie" dal malvagio Mr. Big e i suoi scagnozzi.

Bjørn: Oh sì, mi ricordo questo gioco! Le “hoows!” sintetizzate hanno un suono peggiore di una trasmissione radio subacquea condotta da un gatto, ma nessuno dubita su chi sia il bravo ragazzo ...

Lisha: Troppo divertente, ma hai ragione, Bjørn! La tecnologia acustica di quel tempo sembra rendere Michael Jackson molto frustrato in questo gioco. Forse è per questo che, tra le varie scene, le "hoows" sono utilizzate in senso umoristico.

Willa: Questo gioco è divertente! Non l’avevo mai visto prima, e qui in effetti Michael appare come il salvatore. So come ti senti, Lisha, all'idea di Michael che avrebbe sparato a Annie. Davvero! C'è una parte me che vorrebbe assolutamente ribellarsi a questa idea. Sembra così sbagliata. Ma allo stesso tempo, credo quello che Michael Jackson stia facendo in Smooth Criminal è complicato, ma estremamente importante.
La nostra cultura è ricca di storie di violenza contro le donne, storie che glorificano gli uomini che commettono violenza contro le donne. Questo è esattamente ciò che accade alla fine di I, The Jury e The Band Wagon. 
Entrambe le storie si concentrano su un investigatore privato molto duro che a volte va oltre la linea tra ciò che è legale e illegale, morale e immorale, e in tutte e due le storie i protagonisti uccidono la donna che avevano detto di amare e promesso di proteggere. 
E la cosa davvero terribile è che in entrambi i casi, sono in qualche modo giustificati nell’averla uccisa - e vengono raffigurati come degli eroi, o meglio, un duro anti-eroe a causa di questo fatto.

Penso che in Smooth Criminal, Michael Jackson stia raccontando queste storie, o meglio, “qualcosa di indicibile” - che lui evoca e poi cerca di cancellare. Il protagonista, Michael, è anche moralmente ambiguo. Egli è "il personaggio con il cappello bianco", come ha detto Lisha, ma è anche un “Smooth Criminal”. 
Ed è anche una persona che sta soffrendo - si pensi alla fascia nera al braccio. E lui è il narratore, dal momento che è la sua voce che canta la storia di quello che è successo. Egli è un membro del coro, che, come un coro greco nel dramma classico, fornisce commenti morali (“Annie, stai bene?”). E in un certo senso è anche Annie, poiché lui canta anche la parte di lei. Così, lui incarna più soggetti in ruoli differenti.

Altrettanto importante, che Michael non è emotivamente insensibile come Mike Hammer e Rod Riley, così la sua reazione a ciò che è accaduto, è molto diversa. Mike Hammer e Rod Riley sembrano in grado di agire a suo piacimento e riaffermati come uomini quando uccidono quelle donne, ma la reazione di Michael è molto diversa. La morte di Annie è intollerabile per lui. Il dolore lo tormenta - si può sentire dal tono della sua voce - e comunica il suo stato psicologico interrompendo il flusso verbale, e sentiamo solo grida di disperazione e altri suoni non verbali.

Ma questa è solo una interpretazione. Sia la musica e il video sono davvero ambigui su cosa esattamente è accaduto, quindi può essere interpretato in molti modi diversi. E capisco perfettamente quello che vuoi dire, Lisha.

Lisha: Questo è davvero affascinante, Willa. Sono pienamente d'accordo, che Smooth Criminal ha apportato un importante lavoro culturale a “storie” indicibili “che glorificano gli uomini che hanno commesso violenza contro le donne.” Ora devo tornare indietro e ripensare davvero a tutto!

Bjørn: Mi piace molto la scena che hai appena citato dal video di Smooth Criminal, Willa. Stavo pensando che, mostra anche il bisogno innato, di noi esseri umani, di esprimerci con la voce, anche quando siamo in uno stato emotivamente intenso, in cui non possiamo fluire le parole che indicano a qualcosa nel mondo esterno. Quando il linguaggio supera le barriere che, noi esseri umani, abbiamo codificato, questo si infrange. (Alcuni studiosi hanno appena scoperto che l'unica parola condivisa da quasi tutte le lingue del mondo è l’interiezione “eh!”).

Senza tutte le nostre parole ed etichette, non siamo più un francese o cinese, insegnante o studente, marinaio o politico, adulto o bambino. Siamo tutti delle anime (o personalità o come piace più chiamarolo) che potrebbero essere incorporate in una moltitudine di forme e colori diversi! Ogni volta che MJ esclama “ow!”, dice in sostanza, “Sei proprio come me, io sono come te” (o, nelle sue stesse parole: “Tu sei solo un'altra parte di me”). 

Willa: Oh, questa è un ottima interpretazione, Bjørn! Le interiezioni, sembrano che siano una base del suo lavoro come un modo per colmare le differenze culturali.

Lisha: Questo è interessante, perché quando usiamo interiezioni come “ow!” o “ouch!” abbiamo parlato sicuramente in inglese e ci comportiamo in un modo che è culturalmente accettato in tutto il mondo parlare inglese. Suppongo che altre lingue abbiano comportamenti simili ed espressioni appropriate per esprimere il dolore. Ma, secondo me il suono lungo “oooo!” non è, necessariamente parlare inglese e non sembra essere limitato a una determinata lingua o cultura.

Bjørn: Beh, secondo la mia esperienza, non c'è bisogno di conoscere l'inglese per capire “aoows” e “hee – hee” di Michael Jackson, e si potrebbe anche dire che l’espressione del riso è una VNV del mondo intero, dalla Groenlandia alla Nuova Guinea, tutti capiscono la risata all'inizio di Off the Wall (e, alla fine di Thriller)! In qualche modo, egli usa le VNV al fine di destabilizzare i confini tra l'uomo e la natura. Dopo tutto, i suoni vocali degli animali non sono verbali. (In Black Or White, Jackson umano utilizza sia vocalizzazioni verbali e non verbali. Al momento che si trasforma in una pantera, egli può solo ruggire). Un buon esempio potrebbe essere il modo in cui incorpora i suoni di una scimmia nel brano 'Monkey Business'.


'Monkey Business'
Lisha: Molto interessante, Bjørn. E non è da escludere che alcuni effetti sonori di scimmia siano VNV. Secondo il racconto di Bruce Swedien, Michael Jackson ha creato l’ululato che si sente in Thriller. Ad esempio, a circa 20 secondi prima della fine di Monkey Business (a 5,26) c'è un suono ripetuto di “ach-a ach-a ach-a!” seguito da “hoo!” (se si utilizzano le cuffie è molto chiaro), suona, a mio parere, come Michael Jackson che interpreta il suono dell'animale.

La canzone Monkey Business ha anche qualcosa di interessante e in comune con la versione album di Smooth Criminal, è il suono del suo respiro come una VNV. Poco prima della linea di apertura: “Ebbene, Signore, abbi pietà”, vi è un rantolo drammatico, fatto così vicino al microfono che si può effettivamente sentire il passaggio dell'aria attraverso le labbra e i denti. E dang! È sexy il modo in cui tiene il fiato!

Willa: Bene, ora, Lisha, cerca di ricomporti!

Lisha: Scusa, Willa, ma è un po' difficile da non notare!

Willa: So cosa vuoi dire. Si può quasi sentire il suo respiro ...

Lisha: La tecnica di registrazione utilizzata, aggiunge anche questo. Si dovrebbe stare molto vicino a qualcuno per percepire in dettaglio il livello del suo respiro, e sentire una voce così dolce e così chiara, in modo che la registrazione stessa trasmetta un senso di intimità.

Il suono del respiro lo possiamo sentire anche nell'introduzione di Smooth Criminal. Ma in questo caso, la respirazione diventa sempre più veloce, quando il ritmo del battito cardiaco inizia ad aumentare, indica una situazione davvero di paura. 
Che cosa potrebbe essere più multiculturale, umano e naturale della respirazione e il battito cardiaco? Penso che potremmo tutti concordare, a prescindere dalla nostra appartenenza culturale, che il respiro accelerato nell'introduzione di quella canzone indica uno stato di paura e di angoscia, mentre il prolungato graduale respiro in 'Monkey Business' è molto rilassato e sensuale.

Willa: Wow, questa sì che è interessante, Lisha, che entrambe le canzoni inizino con il suono del suo respiro, così vicino che sembra di sentire, ma l’effetto prodotto è molto diverso – dà un senso di intimità il primo e di ansia nel secondo. Anche all’inizio di 'Is It Scary' si sente qualcosa di simile. È come se lui prendesse un profondo respiro, in modo che sia intimo e spaventoso.

Lisha: 'Is It Scary' è un fulgido esempio! E questo è utilizzato in modo molto efficace per tutta la canzone.

Is It Scary
Willa: Sì è vero, nonostante non sia così intenso come in Smooth Criminal. Sono d'accordo con te, Lisha – che quel respiro veloce e il ritmo cardiaco accelerato all'inizio di Smooth Criminal siano davvero impressionanti. È quasi come la creazione di un trascinamento fisico, così che nostro respiro e il battito cardiaco accelerano sono in risposta al suo. Almeno, questo è ciò che succede a me.

Lisha: Il battito del cuore è udibile in quanto è come se l'ascoltatore venisse portato a identificarsi con il protagonista.

Willa: Esattamente!

Lisha: Si ha l’impressione di poter leggere i suoi pensieri ancora prima dell'inizio della canzone. Tuttavia, è interessante notare come te ed io interpretiamo Smooth Criminal in modo diverso, caratterizzato da queste VNV. Sinceramente, potremmo trovare molti altri significati diversi a tutti questi suoni, e trovare diverse interpretazioni di ogni canzoni, nel corso del tempo. Nel senso, dubito che qualcuno possa sentire quell’iniziale respiro in Monkey Business, come una sensazione di paura e ansia e, il respiro rapido in Smooth Criminal, rilassato e sexy. Ma, il preciso significato associato a questi suoni saranno diversi.

Nonostante queste differenze di interpretazione, devo concordare con Bjørn, che c'è anche qualcosa di potente sulla trasposizione della lingua, nel tentativo di comunicare con i nostri punti in comune piuttosto che sulle nostre differenze. 
Ad esempio, l'intero coro di Earth Song è una VNV, cantata in “ah” e “ooo”. Come ha detto Bjørn, Michael Jackson qui, va oltre il linguaggio, non solo per rompere i confini tra le persone, ma per “destabilizzare i confini tra umanità e natura”.

Willa: Questo si adatta perfettamente al significato della canzone. Il video rafforza questa idea, in particolare, nel ritornello con le immagini della natura. Durante l’esecuzione del primo coro tranquillo, sono mostrate in particolare scene della distruzione della natura. Mentre nella seconda e terza ripetizione, le persone affondano le proprie mani nella terra ormai devastata, per ritrovare un contatto con la natura, mentre un potente vento comincia a soffiare ... E poi, alla fine di un coro glorioso, la natura trionfa, con mandrie di animali di nuovo in vita nel loro habitat.

Bjørn: Inoltre, quei cori di VNV mescolano i generi musicali ... So che molti fan del pop considerano la musica classica noiosa, perché non c'è il canto per stabilire una relazione. (Questo include le voci un po' “innaturali” che si può sentire nell’ opera.) 
D’altra parte, gli appassionati di musica classica, spesso considerano la musica pop, molto banale ed effimera, perché si basa su una voce unica (o voci), piuttosto che sulla strumentazione che, trasmette emozioni profonde nelle persone senza alcun bisogno di mediazione. Ora, Earth Song è una canzone che lavora su entrambi i livelli, giusto?

Willa: Assolutamente, sì! Nel coro di Earth Song, la voce di Michael è, letteralmente, lo “strumento”, in quanto, almeno per me, funziona come una sezione strumentale - ma è creata con la sua voce, come ha sottolineato, Lisha. E credo che questa sia una parte fondamentale della canzone, perché le parole sono sostituite da suoni non verbali.

Lisha: A mio parere, i suoni "ah" e "oo" non sono strumentali, ma la voce guida di tutta la canzone! Joe Vogel ha richiamato l’attenzione su come questi “non verbali” lavorano su più livelli, - un grido per la terra, gli uomini che piangono tutti insieme in un’unica famiglia umana, e come personificazione della terra stessa – la Madre Terra che grida di dolore. È un magnifico esempio della potenza delle VNV e della visione di Michael Jackson come compositore.

Ma se vogliamo vedere le VNV di una partitura musicale, ci sono alcuni esempi favolosi che Michael Jackson usa al posto degli strumenti. All'inizio di Wanna Be Startin 'Something, circa a 9 secondi, la chitarra è in realtà una miscela di questo suono e VNV di Michael Jackson, "duh-duh-tah tah dum". Egli sta usando la voce come accompagnamento e sono convinta che, il suono della chitarra è stato creato sulla voce.
Significativa è 'Don’t Be Messin’ Round' dove Michael Jackson usa una tecnica compositiva che si basa su le VNV. Si può sentire che la canzone non è ancora completa, da come le VNV lentamente sostituiscono gli strumenti. Un buon esempio è al minuto 3:58, circa gli ultimi 20 secondi del brano, in cui si sente la chitarra imitata dalla voce.

Willa: Wow! Sì, è davvero così! 

Don’t Be Messin’ Round
Lisha: Michael non ha scritto la sua musica seguendo il metodo tradizionale della carta, ma ha registrato la sua voce utilizzando le VNV. Questo suo eccezionale talento vocale, era un approccio molto efficace per il suo lavoro. Durante il ponte al minuto 2:38, si sente “bop-bop bah dup-bah-dup”, simile a una sequenza di note per una tromba. Immagino che, se questa canzone fosse stata completata, lì, avremmo sentito una tromba o una sezione di strumenti a fiato. Il testo cantato offre un sacco di informazioni su ciò che voleva sentire, rispetto a una partitura scritta, che è sempre un'approssimazione del suono.

Bjørn: Purtroppo la capacità di Jackson come autore è stata molto spesso sottovalutata, perché non sapeva scrivere la musica, come i compositori tradizionali. Ma chissà, forse lui era davvero in anticipo sui tempi, un compositore che ha abbandonato consapevolmente la carta da musica, perché non è “necessario” (come dice nella sua Mexico Deposition)?

Lisha: Sono d'accordo. Michael Jackson non è un compositore pre-letterario, ma più un compositore post-alfabetizzato. È un grande errore ritenere che i “veri” compositori sono coloro che scrivono la musica secondo il metodo tradizionale. In verità quest’ultimo è solo un modo per memorizzare e comunicare informazioni musicali. Michael Jackson ha usato un metodo molto intelligente, che gli ha permesso di fare entrambe le cose in un modo efficace.

Bjørn: Forse è troppo intelligente per i critici? La composizione e la canzone d’autore è un altro settore che Michael Jackson ha amato mescolare come tutt’uno. Ad esempio, a volte ha usato un’insolita pronuncia di scopo. 
Basta pensare a tutte le discussioni sul significato di “Shamone!” o la frase contenente la negazione più famosa del mondo, “Il bambino non è mio figlio”? ("La sedia non è mio figlio", come David Letterman ha sentito!)* Jackson ha veramente superato i confini tra “composizione”, “improvvisazione”, “significato” e “non significatività”, “voce”, “strumento”, “uomo” e “natura”, e il rapporto “uomo” e “macchina” - come quando usa un sintetizzatore vocale in 'Leave Me Alone'.

E sempre a proposito di 'Don’t Be Messin’ Round', penso che qui la voce di Michael sia davvero sorprendente, in grado di creare uno spazio a sé stante nell’aria e nella mente di chi ascolta.
Non so se avete ascoltato 'Slave to the Rhythm', quando l'originale è trapelato sul web. Dopo i primi secondi, Michael Jackson dà l’impressione che stia estraendo energia dal nulla e poi sulle VNV imposta le basi dell'intera canzone! È così potente, sembrano quasi suoni di oggetti materiali. 
C'è un forte "hoo!" poi domina una sequenza di "chuck-chuck-chuck", un altro "hoo!" E un singhiozzo a vocali tese "ah!", miscelato con lamenti "woahoaow" crescente-decrescente, poi culmina in un doppio "hoo! hoo!", e soltanto dopo 22 secondi inizia a cantare ...

Lisha: Amo queste VNV in Slave to the Rhythm! Stavo pensando anche all'inizio di Workin 'Day and Night dove ci sono due differenti ganci di VNV che si sentono nello stesso tempo - "de-dum-dah" e "uh-uh ah-ah" - che sono degli strumenti di percussioni aggiuntive. Questo dettaglio è messo in evidenza nella colonna sonora di Michael Jackson Immortal. Si può inoltre sentire una vocalizzazione di "Chu-chu", che si fonde con il ritmo delle percussioni.

Bjørn: Di recente ho ascoltato di nuovo 'Speed ​​Demon'. Le VNV in questa canzone sono molto insolite. Anche in questo caso passano circa 20 secondi prima dell'inizio della canzone. MJ imposta una sequenza di tre “Chus” molto gutturali, seguiti da un singolare, quasi femminile, “oo”, seguito da un altro trio di “Chus”.
 E quasi alla fine della canzone, fluisce un intero “monologo” di VNV: “oouh!” (2:55), “ogh!” (02:58) [“femminile”] “ah!” (3:00), “urh!” (3:03), “hoow” (03:05). Questi suoni mi ricordano le esclamazioni usate nei fumetti (“boom!”, “Ugh!”, “Kapow!”). 

Willa: Sono d'accordo! Questa è un ottima descrizione, Bjørn.

Bjørn: Mi chiedo se abbia creato questo particolare “chu!” per Speed ​​Demon. (È un suono così gutturale caratteristico del dialetto inglese o della mia lingua danese). In una certa misura, enfatizza tutta la musica – proprio come “dah”, suona nella canzone Bad.

Lisha: A mio parere, l’espressione “chu!” è assolutamente creata per Speed ​​Demon, come onomatopea per il suono del motore della motocicletta. Ascolta con attenzione, e si può anche sentire un ronzio o un suono di scuotimento percussivo, quando inizia il ritmo per i primi secondi del brano, dopo i giri del motore. 
Se si utilizzano le cuffie, si sente sul lato sinistro 8 volte, poi si sposta a destra per 8 volte, e continua ad alternarsi a destra e a sinistra. 
Questo non è un effetto sonoro pre-registrato, o un altro strumento a percussione, ma una dolce, sussurrata e ritmica, VNV! Ed è un modello musicale molto complesso, sicuramente non sarei stata in grado di dire questo senza aver avuto la possibilità di ascoltare le singole tracce, ma, secondo me è un'imitazione di un motore o di un battito.

Prima abbiamo parlato dell’espressività delle VNV di Michael Jackson, e il modo efficace in cui trasmettono emozioni, ma spesso sono usate come effetti sonori o parti strumentali, o qualsiasi altra cosa. Queste sono appena percettibili e miscelate con diversi strati di suono, che non sono necessariamente messe in primo piano. E sono così fantasiose, dando una tale varietà sorprendente al suono. Sembra che per Michael Jackson la fantasia non abbia un limite.

Un esempio perfetto è 'Stranger in Moscow'. Se si ascolta attentamente, appena prima della voce, c'è un breve, suono sussurrato “tuh!”, collocato irregolarmente sui battiti, che rende più dolce, il suono delle percussioni. 
Alla fine della canzone, subito dopo “when you’re cold inside” (“e sei freddo dentro”) (1,42), ripete questo suono morbido, “tuh tuh tuh tuh”, ma sembra che stia inspirando su alcuni di essi, creando un’aria leggermente diversa. Voglio dire, quale altro artista è così attento a percettibili dettagli?

Nella linea “how does it feel” “(come ci si sente”), “does” è fortemente enfatizzato e uno dei suoni che accentuano questo ritmo è un sussurrato “huh”, che è integrato nel mix. Ma tutti questi dettagli spesso passano inosservati. Si sente la grandezza della musica e dei testi che si armonizzato con tutti questi suoni e diventano tutt’uno.

Willa: Beh, certamente sono passati inosservati da me! Questa è una delle cose per cui mi piace parlare con voi - si mettono in luce dettagli che non avrei mai notato da sola. Talvolta ho la sensazione che, nonostante abbia ascoltato queste canzoni per anni, in realtà è come se le sentissi per la prima volta. È così affascinante scoprire e ascoltare alcune cose mai percepite prima.

Ad esempio, non ho mai fatto attenzione a suoni come “tuh tuh” di cui stai parlando, Lisha, anche se Stranger in Moscow è una delle mie canzoni preferite e ascolto molto spesso. Ma hai ragione – si possono sentire in diversi momenti importanti della canzone. L’ho sentito bene nella linea “Stiamo parlando di pericolo ... Vivo nella solitudine” (circa 3:45). È come un soffio esplosivo, posto a intervalli regolari, quasi come se stessimo ascoltando il suono fatto nel sollevare dei pesi o fare qualche altra attività di duro lavoro fisico. E questo suono ripetuto trasmette la sensazione che egli è sotto costrizione e gravato da un grande fardello. Almeno, mi pare.

Lisha: Ottimo esempio, Willa. Qui, ho la tua stessa sensazione, sembra anche a me un respiro molto affannato, che aggiunge un senso di oppressione, musicale, alla canzone. È sempre affascinante ascoltare tutti questi suoni e cercare di capire come essi vengono utilizzati.

Oh, è più forte di me, perché ci sono tanti altri esempi particolari VNV, come (video) 'People of the World', una canzone di beneficenza che, Michael Jackson ha scritto e prodotto nel 1995 per la gente di Kobe, in Giappone, dopo un devastante terremoto.

Pur essendo in giapponese e Michael Jackson non canti in questa canzone, il suo lavoro di autore e produttore è inconfondibile. Si può sentire letteralmente come lui dà vita alla canzone con una VNV appena sussurrata prima dell’inizio della voce a (1,38), e come effetto percussivo è ripetuta durante l’intera canzone. Mi piace molto questa canzone.

Bjørn: Non ho mai sentito questa canzone prima, ed è davvero bella. (La musica Pop di altri artisti, spesso mi fa rabbrividire, e questo dovrebbe essere una prova sufficiente che lo spirito di Michael Jackson in questa canzone è vivo!) Grazie per la condivisione.

Lisha: Lo ammetto, mi sono fatta un po’ coinvolgere da essa. È incredibile quello che provo, perché, in qualche modo mi sembra di capire ciò che viene detto, eppure non conosco una parola di giapponese. Credo che questo sia dovuto all’immenso potere della musica e all’espressione non verbale musicale!

ORIGINAL LINK - CREDITS