sabato 9 maggio 2015

Celebrare la Giornata Mondiale della Terra con Earth Song by Damien Shields

Il 22 aprile 2015, è stato il 45 ° anniversario della Giornata della Terra - una giornata dedicata alla divulgazione, diversificazione, e mobilitazione del movimento ambientalista. Oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo partecipano ad incontri e attività correlate alla Giornata della Terra, ogni anno, il che la rende la ricorrenza più importante del rispetto civico del mondo.

Quest'anno ricorre anche il 20mo anniversario della creazione e rilascio di "Earth Song" di Michael - resa pubblica per la prima volta nel 1995 come parte dell'album HIStory: Past, Present and Future, Book I . Ho pensato così di cogliere questa opportunità per parlare di questa canzone, includendo un analisi delle opere successive create in onore di, per documentare e analizzare la canzone, in questo breve articolo.

A mio parere, "Earth Song" rappresenta l'eredità complessiva di Jackson meglio di ogni altro materiale nel suo catalogo. Non solo la canzone è una vetrina del genio di Jackson nel suo massimo splendore, e delle sue capacità come poeta, cantautore,cantastorie, compositore, e cantante a tutto tondo, ma lo fa brillare quale significativo attivista e filantropo, dimostrando la sua coscienza e l'interconnessione al luogo in cui noi tutti viviamo - il Pianeta Terra.

Come descrive l'autore Joseph Vogel, nel suo libro e nel capitolo" Earth Song: Inside Michael Jackson Opus Magnum , il capolavoro di Jackson "Earth Song è diversa da qualsiasi cosa sentita prima nella musica popolare."

"Inni sociali e canzoni di protesta erano da tempo parte del patrimonio del rock - ma non come questo", scrive Vogel. "'Earth Song' era qualcosa di più epico, drammatico, e primordiale. Le sue radici sono più profonde; la sua visione più panoramica. E' stata una moderna' addolorata' implorazione perseguitata da voci del passato; un lamento strappato dalle pagine dell'Antico Testamento; una profezia apocalittica nella tradizione di Blake, Yeats e Eliot.

"E', musicalmente parlando, lo stesso trasporto e protesta trasmesso nell'arte di Picasso o Guernica. Nel profondo delle scene in sequenza di distruzione e sofferenza ci sono le voci, il pianto, la supplica, le urla per farsi sentire (' Che dire di noi? ').

"'Earth Song' sarebbe dovuto essere l'inno ambientale di maggior successo mai registrato, in cima alla classifica in oltre quindici paesi e, infine, vendendo come singolo dieci milioni di copie. Ma i critici non hanno mai saputo avere un approccio corretto con questa canzone. La fusione di opera, rock, gospel,e blues sembrava insolita per le radio. E sfidava quasi ogni aspettativa di qualunque inno nazionale. Al posto del nazionalismo, si immaginava un mondo senza divisioni o gerarchia. Al posto di dogmi religiosi o dell' umanesimo, si desiderava una visione più ampia di equilibrio ecologico e di armonia. Al posto della propaganda semplicistica per una causa, era una vera e propria espressione artistica. Al posto di un coro sussurrato che avrebbe potuto essere usato come frase su una T-shirt o un cartellone pubblicitario, ha offerto un muto grido universale ".

In un recente post sul blog ,Syl Mortilla, autore di The First Book Of Michael , parla delle sue osservazioni sull' interpretazione dell' immaginario che Jackson ha usato nelle varie performance di "Earth Song" nel corso degli anni - dall' "immaginario simile a Cristo notoriamente provocatorio (più in particolare durante la perfomance ai Brits del '96 - votata recentemente dagli inglesi come la più grande performance di tutti i tempi) "allo scenario portato nell'HIStory tour, dove "Michael sta - in stile Piazza Tiananmen - di fronte a un carro armato, poi affronta il soldato che ne scende , togliendogli la pistola, e sostituendola con un girasole: un gesto che chiaramente fa riferimento alla foto di Jan Rose Kasmir davanti al Pentagono nel 1967, nel mentre si decideva le sorti della guerra in Vietnam. "

Per celebrare la Giornata della Terra Jamon Bull, co-fondatore e co-conduttore del MJCast , ha scritto un fantastico breve articolo dedicato a promuovere gli sforzi di Jackson per guarire il mondo in cui viviamo. Nell'articolo, accompagnato da un video geniale , in omaggio a "Planet Earth" una poesia recitata di Jackson, Bull scrive:

"Non solo Michael ha scritto ed eseguito interi brani con lo scopo di attingere empatia dall'umanità verso il nostro pianeta, ma ha anche scritto poesie per questa causa e elargito ingenti somme a supporto di questo problema. Questa non è stata una passione diminuita con il tempo, ne lo scopo era personalizzato; Michael era sinceramente preoccupato per " Madre Terra "e sentiva il dolore che noi esseri umani le infliggiamo, molto acutamente.

"Dalla deforestazione, ai cambiamenti climatici, l'estinzione delle specie e la sovrappopolazione, Michael aveva a cuore il benessere del Pianeta e, per estensione, dei suoi abitanti. Evidentemente, questo traspare nella sua arte, e in molti dei suoi discorsi pubblici e anche interviste.

"Durante le prove per l' ultimo Tour, Michael Jackson ha avuto il tempo di spiegare il suo immaginario di come dovrebbe essere vissuto il pianeta nel documentario This Is It , e dice:
'Io rispetto i segreti e la magia della natura. È per questo che mi fa così arrabbiare quando vedo quello che sta accadendo, ogni secondo, ho sentito, una parte di foresta, grande quanto un campo da calcio viene abbattuta in Amazzonia. 
Voglio dire, questo genere di cose veramente mi disturba. È per questo che scrivo questo tipo di canzoni, si sa. Voglio dare un senso di consapevolezza e risveglio e speranza alle persone. Amo il Pianeta, amo gli alberi. Ho questo sentimento per gli alberi - i colori e il cambiare le foglie. Li adoro. Io rispetto questo tipo di cose. 
Sento davvero che la natura sta cercando di compensare questa cattiva gestione degli uomini verso il Pianeta. Perchè il pianeta è malato, è come se avesse la febbre. Se non iniziamo ad aggiustare le cose, siamo al punto di non ritorno. Questa è la nostra ultima possibilità per risolvere il problema che abbiamo, che è come un treno in corsa. 
E il momento è arrivato, This Is It. Le persone dicono sempre: 'Si prenderanno cura di lui. Non ti preoccupare, loro lo faranno- '' Ma loro chi?? E' da noi che dobbiamo iniziare. Dobbiamo iniziare noi. O non potrà mai succedere ... '

"Il 26 Ottobre 2009 l'Estate di Michael Jackson ha pubblicato il primo album postumo di Michael, un prodotto complementare al film e tour di concerti che sarebbe dovuto essere il This Is It . L'album contiene molte delle canzoni nelle quali Michael avrebbe dovuto esibirsi dal vivo, ma con l'inclusione interessante e intrigante di una traccia parlata dal titolo 'Planet Earth'. Questo brano inedito è una poesia sull'amore di Michael per il nostro pianeta. Prima del 2009, avevamo avuto solo scritti, come le poesie pubblicate nel libro di Michael Jackson, Dancing the Dream . Il pezzo dimostra chiaramente il senso di meraviglia che Michael deve aver provato contemplando il nostro Pianeta. La voce serena e tranquilla, che rivela sottilmente l'emotività diMichael, contrapposta al contenuto di ambito puramente lirico. 'Planet Earth' è un colpo di genio che solo Michael avrebbe potuto creare".