sabato 9 maggio 2015

(6° Parte) MJ: Aneddoti-Fatti Divertenti-Curiosità

Ologrammi per il Sig. Jackson
1 mag 1988
Il telefono squillò. Rispose Loren Billings. Un uomo con una voce profonda voleva sapere se erano previste visite VIP per il Museum of Holography, il “tesoro” che dirige a Chicago. “Sì”, ha risposto. In realtà, all'ora in cui l'uomo aveva chiesto la disponibilità, lui sarebbe stato impegnato con un gruppo di 45 studenti dell'Ohio. "Mi dispiace", ha detto a Billings. "Ma Michael Jackson è molto interessato a vedere il museo."
Billings capì che Jackson non era il tipico VIP. "Beh, può venire verso le 5:30 (17:30) quando i ragazzi saranno andati", ha detto all'uomo. Ed è quello che è successo quando due furgoni hanno parcheggiato al n. 1134 di W. Washington St.. Jackson, senza i suoi occhiali da sole e sette persone al seguito è entrato nel museo. Il museo aveva tre gallerie, e le guardie del corpo entravano prima di Jackson.
Come noi ( non sapevamo di avere così tanto in comune), Jackson è rimasto colpito da ciò che ha visto. L'uomo che ha il proprio zoo, che [si dice (?)] vuole comprare le ossa di Elephant Man e che non è, bisogna aggiungere, facilmente impressionabile, è stato sopraffatto dalla stessa emozione provata da tutti i visitatori del museo. "Continuava a dire, 'ooooh' e 'aaah'", ha detto Billings, che ha chiesto a Jackson e al suo gruppo di sedersi per parlare un po' degli ologrammi.
 Jackson, che aveva visitato molti posti e negozi mentre era in città per esibirsi al 'Horizon', è rimasto circa un'ora nel museo. Era particolarmente interessato agli ologrammi di animali - un serpente, cuccioli di leone, un falco - ma lo ha affascinato molto uno di Boy George. "Sembra una ragazza", ha detto Jackson a Billings, ridendo.
Prima di andarsene, Jackson ha acquistato diverse ologrammi, tra cui uno dei nostri preferiti, l'immagine di un binocolo attraverso il quale è possibile guardare. Billings, con la sua politica elegante nel fare pubblicità, ha regalato al cantante e agli altri alcuni ologrammi con facce da clown.

Casco creato per la serata al Madison Square Garden, 2001
Il casco in fibra di vetro dorato con visore a specchio di plastica è stato collegato con un filo per illuminare una fila di luci a batteria sotto la visiera.
Firmato "Per Bush, Love Michael Jackson".

Leggermente diverso quello creato per l'apertura di 'HIStory World Tour': è di color oro e argento e ha la visiera scorrevole.
Firmato "Love Michael Jackson"

Piatto della batteria usato nelle prove per 'This Is It 'allo Staples Center, 2009 :
"Peace Always
Michael Jackson
Me &;A.E.G. 2009 is it!
London here we come"

Negli anni '80 fu creato, dall'etichetta discografica HISPAVOX, il "Disco di Uranio"
 un certificato di vendita discografica destinato solo a quei pochi artisti che avevano venduto oltre 50 milioni di copie. Il premio è stato creato come riconoscimento al cantante spagnolo Raphael per la sua compilation del 1982 "Raphael: Ieri, Oggi e Sempre".
Gli altri artisti che hanno ricevuto il titolo sono: Michael Jackson, per le vendite del suo album 'Thriller' del 1982, AC / DC per l'album 'Back in Black' del 1980 e i Queen per 'Greatest Hits' del 1981.
Tuttavia, solo 'Thriller' conta con le certificazioni sufficienti per giustificare l'assegnazione del Disco di Uranio, mentre gli altri tre assegnatari non hanno raggiunto le 50 milioni di copie vendute con un solo album. (ndt: nel caso di Raphael alcune voci dicono che invece tale cifra riguarda le vendite della discografia completa. )
D'altra parte, il gruppo britannico dei Pink Floyd ha venduto 50 milioni di copie del loro album 'The Dark Side of the Moon', e generato vendite molto elevate con 'The Wall' (30 milioni), 'Wish You Were Here', e 'Animals' ma stranamente non gli è stato assegnato tale riconoscimento.
Questo premio non è più vigente perchè l'etichetta Hispavox, attualmente, non esiste più in quanto tale.

LINK ORIGINALI - CREDITS - AGGIORNAMENTI