venerdì 29 maggio 2015

La formula del Genio : Michael Jackson e Steve Jobs

By morinen, 2014
"... Michael era un po 'come Steve Jobs per il fatto che ogni nuovo prodotto - fosse un album o un video o singolo - era un evento. C'era ogni tipo di battage pubblicitario e anticipazione. Così il marchio stesso era eccitante , perché si sapeva che quello che veniva pubblicato sarebbe stato all'avanguardia, unico e di altissima qualità. <...>

Penso che la cosa principale che un imprenditore o un businessman potrebbe imparare da Michael Jackson è che fare qualcosa di grande richiede sia lungimiranza che lavoro. Michael si avvicinava ad ogni nuovo progetto con passione sconfinata, e l'energia era contagiosa per i collaboratori . Ma quello che realmente colpiva coloro che lavoravano con lui, era la capacità di portare le sue idee a buon fine. Sognava in grande e quindi lavorava instancabilmente fino a quando i suoi sogni si avveravano ".
- Joseph Vogel in un'intervista al Business Daily News

Steve Jobs. Un paio di anni fa, poco dopo la morte di Steve Jobs ',mi sono accostato alla sua biografia scritta da Walter Isaacson (il libro stava vendendo moltissimo al momento). Quel periodo per me era un periodo di fascinazione ossessiva con Michael Jackson, e vedevo il mondo intero, alla luce del suo destino e della personalità. Così, mentre leggevo la biografia di Steve Jobs, non ho potuto fare a meno di notare parallelismi tra queste due figure di spicco del tardo 20 ° secolo. Inoltre, sono sempre stato interessato ai geni e alla natura del genio, così ho colto al volo l'opportunità di confrontare le due personalità, e di dedurre una "formula" del genio, per così dire.

Naturalmente, Michael Jackson e Steve Jobs avevano caratteri molto diversi, temperamenti e interessi. Ma entrambi erano persone eccezionali che hanno raggiunto un eccezionale successo nella vita, e il successo non è caduto nelle loro mani da solo. Quando si guarda alle loro vite in retrospettiva, si può chiaramente vedere che, oltre al talento naturale, avevano un certo numero di caratteristiche molto simili che li ha aiutati a raggiungere questi risultati. Questi sono le componenti più evidenti del loro successo:

1. Il lavoro non per soldi, ma per cambiare il mondo
Sebbene sia Michael e Steve siano diventati favolosamente ricchi in gioventù, non hanno mai visto lo scopo della vita nel denaro e benessere personale. Steve Jobs aveva un interesse competitivo nella costruzione di aziende di successo, ma l'obiettivo non è mai stato il profitto personale. 
Dopo aver lasciato Apple negli anni '80, ha venduto tutte le sue azioni, e più tardi, quando ha deciso di tornare, non era d'accordo a diventare il CEO ed ha lavorato per alcuni anni come consulente con uno stipendio annuale di $ 1. Non costruì palazzi per se stesso e non godeva di shopping sontuosi o vacanze costose - non aveva tempo per questo. Inoltre, non si concentrava sul gruppo o faceva ricerche di mercato perché non gli interessava la giustificazione finanziaria delle idee. Egli credeva che se fai un buon prodotto , la gente lo comprerà. 
Allo stesso modo, Michael ha dato via i profitti di interi tour mondiali in beneficenza - tour che erano fisicamente faticosi per lui. Ma i suoi concerti erano sempre fantastici perché la qualità veniva misurata non in denaro, ma nella soddisfazione del pubblico. Questo spiega anche la loro modestia nella vita privata. Pur facendo uso di comfort, non li adoravano. Jobs viveva in una casa quasi non senza mobili e gli piaceva camminare a piedi nudi. Michael spesso dormiva su un materasso sul pavimento o in un sacco a pelo.

Questo sembra generalmente essere il principio fondamentale per creare qualcosa di grande - niente di eccezionale nasce dalla l'obiettivo di massimizzare i profitti. Bisogna avere un'idea romantica. Per cambiare il mondo, è necessario pensare al futuro bello del genere umano. Un genio del 20 ° secolo deve pensare in termini di mondo, non meno, e con tutto il cuore credo che possa cambiarlo. Né Michael né Steve ne hanno mai dubitato . Non ci sono limiti a quello che si può fare, sosteneva Jackson . Hai solo bisogno di credere in te stesso. "Non voglio essere un 'altra lattina sulla catena di montaggio", era solito dire. "La mia priorità nella vita è quella di fare la differenza, calcare , un territorio sconosciuto, inesplorato e lasciarmi alcuni sentieri alle spalle." Jobs allettava i dirigenti di talento con una semplice domanda: "Vuoi vendere acqua zuccherata per il resto della tua vita? O vuoi venire con me e cambiare il mondo? "

2. Carisma e capacità di ispirare
Qualsiasi prodotto di talento, anche uno ideato da un genio, è alla fine un prodotto del lavoro di squadra. Quindi non è sufficiente voler cambiare il mondo - si deve saper ispirare questo desiderio in altri. Jobs è stata una persona incredibilmente carismatica che poteva convincere la gente intorno a lui nella possibilità dell'impossibile. 
I suoi colleghi scherzavano sul fatto che aveva un "campo di distorsione della realtà" - le persone che si trovavano intorno a lui erano impregnate della sua visione e perdevano la capacità di vedere le cose chiaramente. 
Michael similmente ispirava le persone con le sue idee. Basta ascoltare i suoi colleghi e i ballerini provenienti da "This Is It", leggete le loro memorie - tutti hanno lavorato con entusiasmo giorno e notte, per inventare cose nuove, essere creativi, perché tutti avevano la sensazione che stavano facendo la storia.

3. Il perfezionismo
Michael Jackson. E' impossibile produrre qualcosa di veramente buono a meno di non essere un perfezionista che passa un sacco di tempo su ogni cosa più piccola e guida gli altri oltre il muro con la scelta dei dettagli. Perché se non vi preoccupate della qualità del prodotto, il consumatore lo coglierà immediatamente . 
Jobs è diventato isterico quando un computer è stato assemblato con un'unità disco sbagliata - con un pulsante in più. Jackson ha pianto quando l'album non suonava come previsto, e l'ha fatto remigare ai suoi ingegneri tutto da zero. 
Jobs annunciava date di uscita con introduzione di migliorie senza fine nel suo prodotto; Jackson ha registrato venti tracce di una parte vocale, anche se spesso il mix finale finito conteneva la prima. A nessuno era permesso di vedere il prodotto non finito. Il pubblico avrebbe dovuto avere niente di meno della perfezione.

E misero standard altrettanto elevati per tutto ciò che stava intorno. Michael era estremamente cortese e gentile spiegando al miglior produttore del settore che nessuna delle sue 20 canzoni era abbastanza buona; Steve non era timido nel dire alla gente che avevano fatto schifo, ma in sostanza, ognuno con i propri metodi, che si tratti di una frusta o una carota, sapevano ottenere il meglio dalle persone. "Lui ci ha insegnato a fare tutto nel miglior modo possibile: Michael era un perfezionista e abbiamo dovuto partire da zero per produrre musica nel miglior modo possibile", hanno detto i colleghi su Jackson. "La sua forza, l'integrità e amore per la vita ci ha reso tutti più buoni", hanno scritto i colleghi della Pixar di Jobs.

4. Meno è meglio
Con tutto questo perfezionismo, l'esame infinita di opzioni e la ricerca instancabile, entrambi, però, avevano capito il valore della semplicità e il minimalismo estremo. 
Al ritorno in Apple, la prima cosa che Steve fece fu abolire la lunga linea di prodotti e lasciare solo quattro modelli. Ognuno di loro doveva avere l'interfaccia più semplice possibile. Ha sollevato il consumatore dall'onere della scelta e l'onere di dover imparare funzioni inutili. "Steve Jobs ha progettato un potente computer che un analfabeta di sei anni può usare senza istruzione", scrisse un editor di Forbes . "Se questo non è magico, non so cosa sia." 
Le melodie devono essere semplici, Michael Jackson era solito dire del suo mestiere. Un grande melodia è quella che ogni bambino può cantare. 
Negli ampi saloni dell' Apple Store solo quattro modelli di portatili sui tavoli, ma la scelta su quattro è molto più piacevole che su 44. Jackson ha pubblicato 7 album in 30 anni, ma ogni canzone in essi era perfetta. Ogni prodotto dalla breve lista di Apple è l'ideale per l'utente. Ciascuno dei sette album di Michael è prezioso. Ed è per questo che l'annuncio di un nuovo prodotto di Apple, così come l'annuncio di un nuovo album di Michael Jackson, è sempre stato un grande evento.

5. Curiosità
Solo a prima vista sembra che le grandi idee nascono dal nulla. Infatti niente appare da solo - il cervello umano funziona in modo tale che può sintetizzare una novità dall'osservazione della vita, cultura, e l'esperienza precedente. 
Essere un genio è sapere come applicare questa esperienza a beneficio delle persone e con grande effetto. Molti hanno accusato Jobs di aver rubato la GUI da Xerox. Egli non lo ha fatto; ha approfittato del lavoro di preparazione precedente. E' stato ispirato dall'idea, l'ha esaminata a fondo, migliorata e perfezionata come Xerox non poteva fare.
 Jackson, inoltre, non ha inventato il moonwalk - come molti dei suoi movimenti, li vide in altri ballerini e li fece suoi. Ha adottato elementi di danza dei suoi idoli - James Brown e Fred Astaire, ha preso in prestito anche i movimenti del combattente Bruce Lee e un dinosauro computerizzato da Jurassic Park. 
In altre parole, ha avuto una capacità preziosa nel notare cose interessanti nel'ambiente circostante, sezionarle e riutilizzarle nel suo campo.

"La gente si blocca quando invecchia," ha detto Jobs una volta in un'intervista. "I tuoi pensieri costruiscono modelli come impalcature nella tua mente ... Nella maggior parte dei casi, le persone si bloccano in quei modelli, proprio come solchi in un disco, e non escono da lì. E' 'una persona rara quella che incide solchi che sono un modo particolare di vedere le cose, un modo specifico di mettere in discussione le cose. 
E 'raro che si vede un artista di 30 o 40 anni in grado di contribuire veramente con qualcosa di incredibile. Naturalmente, ci sono alcune persone che sono per natura curiose, per sempre piccoli nello stupore della vita, ma sono rare. "

"Credo che da bambini abbiamo tutti lo stesso livello di [curiosità]," ha detto Michael in una conversazione pubblicata con un suo amico. "Io lo credo veramente . Ma alcune persone la perdono lungo la strada. Questo è quello che mi piace nei bambini. Sono affascinati da tutto ciò. Ecco perché li vedi rompere un sacco di cose, le distruggono, perché vogliono sapere come funziona ... "

Questa qualità, che pochi al di fuori potevano capire, hanno permesso loro di ottenere cose che semplicemente non succedono alla gente normale. E, forse, a causa di questa stessa qualità che entrambi avevano, un po 'di senso dell'umorismo infantile.

6. La comprensione del loro ruolo
Quando Jobs è andato da Isaacson con la proposta di scrivere la sua biografia dato che Isaacson aveva scritto quella di Einstein, potrebbe sembrare un po 'arrogante. Ma Steve aveva ragione - dopo la sua morte, il libro divenne un bestseller, e ora abbiamo una affascinante storia della vita di uno dei geni del 20 ° secolo. 
Quando Michael Jackson ha eretto statue di se stesso in tutta Europa, i critici potrebbero aver visto la sua presunzione come scandalosa; tuttavia, di conseguenza, quelle statue sono ricordate da tutti. E i suoi archivi di video meticolosamente raccolti sono di grande valore oggi. I contemporanei non sono affatto in grado di riconoscere il vero splendore per conto loro, così a volte è necessario spiegare loro chi è il genio. 
La ricetta è semplice: se si vuole passare alla storia - bisogna inscrivere se stessi in essa.

Michael e Steve erano quasi coetanei, ed è degno di nota che per molti aspetti abbiano avuto gli stessi idoli: Disney, Edison, Chaplin, Gandhi e Martin Luther King - persone in cui videro innovatori simili capaci di un salto di qualità. Questo è ciò che la pubblicità di Apple "Think Different" significa, ed è per questo che si adatta sia Michael che a Steve così bene.

ORIGINAL TEXT
The Formula of Genius: Michael Jackson and Steve Jobs

LINK TRADUZIONE - MJGW FORUM