venerdì 29 maggio 2015

Il Grande Comunicatore: MICHAEL JACKSON

BY RUTH SHERMAN
Ho ricevuto un tweet da André Rieu, il noto violinista e direttore della Johann Strauss orchestra. Era atterrito dalla morte di Michael Jackson si sentiva come tanti, naturalmente. Dal momento che André è un musicista e un performer, però, sentiva una perdita particolarmente profonda. Come mi sento io e quindi, come ho reagito io. Jackson è stato un talento prodigioso e il suo effetto sulla cultura è permanente. Come disse Obi-wan, "ho sentito una grande interferenza di Forza."

Michael è stato una forza enorme, un superbo comunicatore e narratore. Dopo tutto, l'esecuzione è tutto nella comunicazione, con la stimolazione e la commozione del pubblico generando reazioni emotive attraverso (di solito) la voce, il movimento, l'aspetto e il contenuto.

Come Jackson è stato un leader nel mondo della musica pop, i grandi imprenditori sono anche loro grandi comunicatori che conoscono il loro lavoro che è quello di influenzare, motivare e convincere. E l'essere dotati è solo una parte della storia. I grandi comunicatori lavorano sodo, proprio come ha fatto Michael. 

Di seguito alcune delle regole che seguono per affinare il loro mestiere e abilità:
Passione: Michael non sarebbe stato niente se i leader non fossero appassionati e grandi come lui. Non solo appassionati, però, ma in grado di far vedere la passione ovunque si trovino e con chiunque essi entrino in contatto. La cultura aziendale vuole cancellare la passione dal posto di lavoro. Non consentitelo.

Pianificazione / preparazione: anni ci sono voluti nella pianificazione, la preparazione e l'esecuzione degli spettacoli della grandezza di Jackson. Anche se questo non è necessario per la maggior parte dei comunicatori aziendali, quelli di successo sanno che ogni contatto con gli altri è un'opportunità - e si preparano . E 'anche parte del loro piano di business , la loro strategia a lungo termine.

Pratica: Questa è la bacchetta magica, l'unica cosa che i grandi comunicatori come Michael Jackson sanno sopra ogni cosa. Per un prossimo show, si prova e ci si esercita per settimane e settimane, molte ore ogni giorno, ogni nota, lirica e movimento coordinato alla perfezione. Il suo obiettivo era di ipnotizzarci. Quando siete ipnotizzati da un grande comunicatore di affari, sappiate che non è un caso.

Costumi & Accessori: Questo faceva parte del marchio di Michael e dovrebbe anche essere parte del vostro. Purtroppo, gli standard sono scesi in basso negli ultimi anni. C'è confusione. Ma ogni grande leader di business che conosco ha un suo look. Pensate a Steve Jobs nei suoi jeans iconici e dolcevita nero. Non deve essere per forza un abito o un vestito, ma deve essere coerente con l'immagine che si desidera dare.

Creatività: Michael Jackson ha creato un mondo unico di musica e performance art. I grandi comunicatori aziendali e leader incorporano elementi artistici nella loro divulgazione perché l'arte e la creatività sono uno dei pochi modi per differenziarsi. Cercano nuove cose, creano posti di lavoro a misura d'uomo e ambienti per il successo . Non sono tradizionali e si comportano in modi inaspettati e piacevoli.

Storytelling: Le grandi canzoni raccontano storie e Michael Jackson era un narratore consumato. I grandi comunicatori aziendali raccolgono sempre storie e le mettono insieme. Le storie rendono la comunicazione viva come nient'altro. Storie che potete dire che accadono ogni giorno. Non lasciatevele scappare.

Precisione / Esecuzione: Come ha potuto Michael Jackson funzionare sul palco per 2 ore, perfettamente sincronizzato? Era voluto e preciso e sapeva come farlo. Aveva come obiettivo dare al suo pubblico una notte da ricordare. Anche i grandi comunicatori aziendali sono precisi e intenzionali nei loro obiettivi e esecuzioni.

Ritmo: Sappiamo che Michael Jackson aveva ritmo da vendere. Ma, lo sapevate che anche i grandi comunicatori d'affari hanno il ritmo? E sanno quando spingere e quando tornare indietro. E 'nel loro parlare in pubblico quando aggiungono pepe ai loro discorsi con storie nei posti giusti , quando si fermano per lasciare che il pubblico assorba ciò che hanno detto. Il ritmo fa sì che le .cose vadano avanti

Collaborazione: Michael Jackson non lo ha fatto da solo. Non poteva, e nemmeno i grandi comunicatori aziendali. Hanno bisogno di squadre forti composte da membri delle cui opinioni abbiano rispetto e fiducia. Soprattutto: L'altra metà del comunicare è l'ascolto, una capacità di comunicazione fondamentale che è diventato sempre più raro. Michael ascoltava il suo pubblico.

Perché tutto questo è importante? Perché favorisce la connessione, il Santo Graal della comunicazione.
Grazie, Michael Jackson. Mi mancherai.

THE GREAT COMMUNICATOR: MICHAEL JACKSON

IL GRANDE COMUNICATORE: MICHAEL JACKSON