mercoledì 17 giugno 2015

Brad Sundberg: 20 Anni, HIStory - IN THE STUDIO WITH MICHAEL JACKSON

20 Anni
Cerchiamo di ricordare gli eventi.
Nel 1994 il mondo non era così innocente come forse era un decennio prima. Il Rwanda era appena stato colpito da un genocidio di massa. Sarajevo era sotto attacco dai Serbi, la Cecenia aveva non poche difficoltà nel suo volersi separare dalla Russia, e gli Stati Uniti avevano appena inviato i propri soldati nel Golfo Persico.
Nancy Kerrigan era stato picchiato con una spranga, OJ Simpson era stato coinvolto nel più lento e mediatico inseguimento mai visto al mondo, per poi essere arrestato e accusato di omicidio ,e Kurt Cobain era morto tragicamente. Tom Hanks era diventato Forrest Gump e Whitney Houston aveva vinto il premio disco dell'anno con "I Will Always Love You".
Nelson Mandela era stato eletto presidente del Sud Africa , nella prima elezione inter-razziale del paese.
Tutto questo avveniva nello stesso anno in cui eravamo a New York a registrare un album, chiamato HIStory.

Michael aveva appena sposato la bella Lisa Marie Presley (una vera sorpresa per noi), ed è stato molto divertente per tutti noi averla in studio. Lei lo rendeva felice, e penso che anche lui la rendesse felice. Era bello essere nei paraggi e guardarli insieme.
Michael , veniva da periodi di stress davvero enormi, iniziati negli anni in cui era andato in tour per l'album Dangerous. Non riesco a immaginare chi sarebbe capace di passare in un simile inferno, riuscendo ad uscirne senza perdere il gusto della gioia, delle risate e mantenendo la fede nell'amore come ho visto fare a lui.

Appena ci siamo addentrati nel progetto di produzione dell'album, ci venne subito detto che si sarebbe trattato di un impegno breve al massimo di tre o quattro mesi. Io, feci un cenno di assenso,ben sapendo che ci sarebbe voluto molto più tempo - il livello di perfezionismo di Michael non era un qualcosa che potesse avere mai nulla a che fare con la fretta.

In origine , avrebbe dovuto essere un "Greatest Hits", con un paio di nuove canzoni. Ma il materiale era talmente spettacolare, e Michael aveva così tanto da dire che il progetto si trasformò in qualcosa di molto più ampio. Brad Buxer mi ha ricordato il giorno in cui lui, Michael ed io eravamo in una delle sale dell'Hit Factory, ho guardato Michael e gli ho detto: «dobbiamo proprio fare un album nuovo e completo - perchè c'è troppa roba buona qui " Certamente l'idea iniziale per il doppio album non era quella, ma sono contento di aver detto almeno come la pensavo.
Nella primavera del 1995, a remix e masterizzazioni complete, sapevamo di essere seduti su un prodotto musicale sorprendente. Bruce Swedien e Michael erano così intenti nel cercare la perfezione che mi mandarono all'impianto CD per ispezionare il processo e prendere i cd confezionati da portare in studio per un test. In realtà, testammo solo un primo lotto di CD, cassette, LP e - Minidisc. li ricordate?
Avevamo un impianto stereo completo all' Hit Factory, e avrei voluto testarli tutti. Ma avevo sentito quelle canzoni già da 15 mesi, da allora. E nel caso di "Earth Song" e "Come Together", da quasi un decennio.
Durante una di queste visite a un impianto CD nel New Jersey, sentì la notizia della bomba a Oklahoma City, che aveva ucciso molte persone fra cui molti bambini. Che mondo incasinato.
Michael parlava di voler aiutare ogni bambino bisognoso, voleva sistemare qualunque cosa di ingiusto in questo mondo. Era un sognatore, e sognava un mondo migliore. Sognava di un mondo pieno di risate e di musica, e nel 1995 il suo contributo al nostro mondo era HIStory.

La scelta dei più grandi successi inseriti nel primo CD lasciava a bocca aperta per la profondità e valore musicale in esse contenute, ma il secondo CD era quello che le persone stavano aspettando davvero. E la prima canzone che Michael voleva che le persone sentissero era il duetto con sua sorella Janet. Aveva parecchie cose da dire e "Scream" era un ottimo punto di partenza.

Nel momento in cui HIStory è stato rilasciato, conoscevo Michael già da 11 anni. Era ancora lo stesso giovane che avevo incontrato durante le riprese di Captain EO? Sì e no. Ma soprattutto si. Era stato ferito, era stato preso in giro, era stato vittima di bullismo. Ma sorrideva ancora. Gettava ancora pallocini pieni d'acqua fuori dalle finestre dello studio. Ed era diventato ancora più generoso nel tempo. Insisteva ancora che i fan potessero essere invitati nello studio di registrazione e si preoccupava che venissero sfamati..Ha inviato cesti pieni di doni ad ogni nascita di ciascuna delle mie figlie . Era ancora Michael.

Essendo stato così in prima linea e vicino a questi album, essendo stato una parte della loro nascita, crescita e introduzione al pubblico, è difficile spiegare, è difficile ancora per me capire. Michael cambiava posto di lavoro continuamente, e lavorava sodo come nessun altro, ha spinto la squadra, i musicisti e la tecnologia più in alto che poteva, ma ha fatto tutto questo con il sorriso. Il lavoro era sempre assolutamente piacevole. Le sfide erano divertenti. In modo del tutto naturale siamo stati abbastanza abili da sincronizzare il lavoro in 14 monolocali diversi in tutto il paese in una sola volta (credo). 
In modo del tutto naturale abbiamo avuto a disposizione 200 tracce digitali di musica e quasi 200 fader che passavano fianco a fianco con miglia di cavi e milioni di dollari di apparecchiature e siamo riusciti a farli passarli tutti assieme senza grandi problemi - previo avere un paio d'ore per analizzare i dettagli.
"They Don't care about us" è diventato un inno per molte persone in tutto il mondo.
Ancora oggi mi vengono i brividi a pelle quando sento "Stranger In Moscow", una delle mie canzoni preferite di Michael e di tutti i tempi.
"Earth Song", sottolinea in modo così vivido il mondo che ci circondava, nel 1994 e nel 1995, e rimane altrettanto importante oggi.
"2Bad" mi fa sempre ricordare il video folle che Michael aveva realizzato su quella canzone. 
Avevo costruito un impianto di autoparlanti enormi e da utilizzare sul set, e che è stata suonata ad un volume talmente alto da costringermi a sostituire nel mentre gran parte degli amplificatori, per tenere il passo con il suo desiderio di sentire la musica ad un determinato volume. "Fammi male, Brad !!" Non riesco ancora ascoltare la sua musica ad un volume accettabile - deve essere alto.
"Childhood", ​​"Little Susie" e "Smile" sono pura magia.

Ogni canzone di 'HIStory' rappresenta la voglia di Michael di dire qualcosa. Era passato attraverso l'inferno, e il mondo non era tenero con lui o non come lo era stato per "Off The Wall". Era più vecchio, e, come ho detto, aveva alcune cose da dire, da sputare fuori. Ma era ancora Michael. Inizia a cantare con un urlo, ma finisce con un sorriso.
Sono orgoglioso di ogni progetto, canzone, mix, demo, video, tour, giro di divertimento e progetto speciale al quale ho lavorato con Michael. Ma sono particolarmente orgoglioso dell'album "HIStory". 
E 'stato un momento incredibile, e sono grato e felice di averne fatto parte. Guardando indietro venti anni dopo, sono ancora fiero , e come lo sono stato la prima volta che l'ho visto in vendita al Tower Records sulla Sunset.
Buon 20mo anniversario all'album HIStory, e un profondo, sincero "grazie" a Michael per avermi permesso di essere una piccola parte della sua storia.
Brad
ORIGINAL TEXT