domenica 28 giugno 2015

“La sua perdita, il nostro guadagno”- 6 anni dopo la morte di Michael Jackson by E. Amusi


Il Multiverso ( o meta universo) è l'insieme ipotetico di possibili universi infiniti o finiti, ( compreso l'Universo che costantemente sperimentiamo ) che congiuntamente include tutto ciò che esiste. Wikipedia

Oggi è il sesto anniversario della morte di Michael Jackson. Cerco di riferirmi a lui come “il giorno in cui Michael è andato a stare con il Signore''. Tuttavia, tale sentimento, anche se bello, non nega che il modo in cui ha lasciato questo mondo è stato improvviso e tragico. Eppure aveva molte cose che voleva fare, soprattutto, continuare a crescere i suoi figli.

Questo è un giorno di commemorazione di una vita pienamente vissuta, che è anche tinta di grande tristezza per ciò che non può più essere. Per questo sesto anniversario ho deciso di ri-immaginare, attraverso la finzione, ciò che la vita di Jackson avrebbe potuto essere se non si fosse dedicato alla musica.

L'ho chiamato:
«La sua perdita, il nostro guadagno."
C'è una teoria che tutto ciò che può accadere accadrà ed è accaduto da qualche parte nell'Universo.

Michael nasce a Gary, cresce, si unisce alla band di famiglia, si esibisce al Chitlin Circuit per anni, a fare audizioni per Motown Records e ... non riesce a ottenere un contratto discografico. Lui e i suoi fratelli continuano ad esibirsi mentre il sogno scorre davanti a loro. Jackie diventa un giocatore di baseball professionista, Toriano diventa un chitarrista di sessione. Gli altri hanno un futuro da classe operaia, condizionata dal loro passato. Michael si riprende dalla delusione, ma gli piacerà sempre cantare.

Si diploma presto come primo della sua classe. Lavora duro, molto di più degli altri intorno a lui e guadagna una borsa di studio. Va al college, studia psicologia e decide di diventare un insegnante.
Michael ama la scuola e i libri tanto quanto ama ballare.

Incontra una ragazza della sua classe. Lei lo invita a una discoteca e alla fine si sposano. Ha sempre voluto una grande famiglia.. Vive il sogno suburbano e diventa il primo direttore nero della scuola elementare locale. Fa donazioni agli enti di beneficenza, lavora nelle mense e trascorre le vacanze estive a fare il lavoro di missionario in Africa.
Michael ama donare agli altri.

Ha la voce di un angelo. La sua famiglia lo sa, sua moglie lo sa. I suoi figli amano sentirlo cantare. Quando apre la bocca, la musica si diffonde. Continuano ad avere figli: due ragazzi, una ragazza, una ragazza, un ragazzo. Poi più ragazze, gemelli e un altro ragazzo. La sua casa è sempre piena di bambini.
Michael ama la sua famiglia.

Anche se è pieno di chiazze scure e rosa, ha imparato a convivere con la vitiligine - con gli sguardi, le domande, i commenti e i sussurri. Chi lo conosce lo capisce, sa quanto significa per loro e lui per questo ringrazia Dio ogni giorno. Coloro che lo amano, lo amano oltre la sua pelle.
Michael ama la sua vita.

La sua sorellina irrompe a Hollywood, è una stella, 'Janet Jackson'. Lui le augura il meglio. Janet è fatta di polvere di fata. Il sogno della California lo ha lasciato un milione di anni fa. Ha una famiglia, una scuola e i bambini affamati nell'Africa sub-sahariana a cui pensare. La sua casa è un luogo dove c'è calore, loro cantano per tutto il tempo - c'è un ritmo fatto di calore e amore.

E per quanto riguarda tutti gli altri? Beh, non c'è stato 'Thriller', niente 'Off The Wall' e 'HIStory'. Nessuno di questi. Nessun 'ABC' o ‘Who’s Lovin’ You’. Motown 25 era completamente da dimenticare e l'industria musicale non è mai sfuggita al crollo degli anni '80.
La musica è ancora segregata. Prince e Madonna sono stati l'anima degli anni '80, e, naturalmente, i video musicali non sono mai decollati. Non c'è stato 'Heal the World'e nessuna 'Earth Song'. No 'Bad' e niente Moonwalk. Non c'è stato nessun 25 giugno 2009 , no 'This Is It' e noi non avremmo pianto.
Non ci sono state accuse, né nel 1993 o 2003. Solo Michael - il Sig.Jackson, occhialuto, la pelle quasi bianca ora, avendo perso completamente la melanina a causa della vitiligine.

Si siede nel giardino d'inverno con un bicchiere di vino e un buon libro. A volte dipinge. E' piuttosto un'artista dilettante. Sente di aver fatto qualcosa di buono nel suo tempo. E' consapevole di aver conosciuto l'amore. Da qualche parte, là fuori nell'universo, Michael Jackson è un uomo molto felice. Ha molti anni davanti a lui. Ha molte cose da imparare, conoscere e vedere.
Dorme bene.

C'è una teoria che tutto ciò che può accadere accadrà ed è accaduto da qualche parte nell'universo. Dovremmo essere felici di vivere in un mondo in cui Michael Jackson ha deciso di diventare la più grande star che sia mai vissuta.

Quello che lui ha perso, noi lo abbiamo guadagnato.
© 2015 E. Amisu

ORIGINAL TEXT - LINK MJGW FORUM
‘His Loss, Our Gain’ - 6 Years After Michael Jackson’s Death