domenica 28 giugno 2015

HOME SWEET HOME - 2785 S. Monte Cristo Way - Las Vegas, Nevada

Quando il doloroso processo contro la famiglia Arvizo finisce 13 giugno 2005, Michael Jackson parte, un paio di giorni più tardi, verso il Bahrain dove trascorre diversi mesi per riprendersi...
Nel giugno 2006, torna in Europa e si stabilisce in Irlanda dal luglio al dicembre del 2006.

Alla fine di dicembre di quell'anno, rientra negli Stati Uniti e si trasferisce a Las Vegas con i suoi tre figli in una casa in affitto in una zona residenziale, al 2785 S. Monte Cristo Way. Michael non ha scelto la casa, il suo staff lo ha fatto per lui e la vede per la prima volta il 22 dicembre 2006. Egli ci rimarrà sei mesi, fino al giugno 2007.

A Michael non piaceva molto questa casa di oltre 1500 metri quadrati, non più delle guardie del corpo, per i quali l'ubicazione della casa in un angolo di strada, era "un incubo".
"I vicini potevano vedere direttamente il cortile dove i bambini giocavano. (...) I paparazzi si arrampicavano sugli alberi per scattare foto.... Le porte principali erano visibili dalla strada ed essendo smaltate da grandi vetrate significava che chiunque poteva vedere l'ingresso .. ", racconta Bill Whitfield, la guardia del corpo di Michael in quel periodo, nel libro scritto insieme al suo collega di squadra Javon Beard, “Remember The Time : Protecting Michael Jackson in his Final Days”.

Costruita nel 2001, la casa ha 18 camere, di cui sette camere da letto e dieci bagni, ed è stata affittata per la somma di un milione di dollari per sei mesi. Secondo le guardie del corpo, non era mai stata occupata prima dell'arrivo di Michael.

Poco dopo il cancello, c'è un viale circolare che passando sotto un portico coperto conduce alla porta d'ingresso principale. Al centro della navata, c'è una fontana che Michael amava, ma non sembrava funzionare molto bene e a volte inondava il cortile quando arrivavano le piogge.
E' sotto questo portico dove, per Natale, vediamo Michael regalare ai suoi figli un cucciolo, Kenya.

All'interno, l'ingresso si affaccia su una grande sala al primo piano. In questa grande sala Michael ha girato un video con i suoi figli nel dicembre del 2006 durante il periodo natalizio (lo stesso giorno del video sopra), chiedendo loro cosa avrebbero fatto da grandi.


In sostanza, scendendo alcune scale … sulla destra c'è un primo salone che si affaccia direttamente alla cucina, da lì si raggiunge la sala da pranzo … 




Nella parte inferiore a sinistra della hall di ingresso, ci sono altre due saloni: uno piccolo, con dei bei divani rossi.. e da cui si accede ad un altro più spazioso e molto luminoso.. adiacente c'è questa grande sala con bar..



Le camere sul retro della casa hanno accesso alla terrazza con cucina all'aperto e barbecue.

Una scala in marmo nella sala d'ingresso, porta alle camere da letto dei bambini e ad altri 180 metri quadrati occupati da Michael su tutto il lato nord della casa. Da un accesso privato al tetto della casa, disponibile da questa suite, si arriva ad un patio adibito per rilassarsi e prendere il sole in tutta tranquillità! Si può vedere dalle fotografie aeree della casa.

La casa è dotata anche di un ascensore, dove una volta Michael rimase bloccato. "Il signor Jackson era rimasto bloccato in ascensore. I bambini sono venuti a chiamarci gridando: "Papà è bloccato, papà è bloccato." L'ascensore si era fermato tra il piano terra e il primo piano. Siamo dovuti andare al piano di sopra per farlo uscire. Ha pensato che fosse stata colpa sua e continuava a dire: "Ho premuto il tasto sbagliato? Che cosa ho fatto? " Ma non era colpa sua. Quell'ascensore era sempre rotto " racconta Javon Beard.

Una delle camere al piano superiore era stata trasformata in uno studio: Bill Whitfield dice: "Quando non riusciva a dormire, potevi sentirlo..... Da dove si trovava, potevamo vedere le finestre dello studio dal nostro posto di guardia. Una volta, verso le 3:30 del mattino, era buio pesto e nel quartiere era tutto tranquillo. La luce dallo studio era accesa ma non si sentiva nessun rumore.. c'era una TV, forse stava guardando dei video. Poi, un paio di minuti più tardi, abbiamo sentito molto chiaramente una linea di basso...ha regolato il volume .... e all'improvviso quella voce ... la voce che aveva venduto milioni di dischi. È stato meraviglioso. Incredibile. "

Michael aveva anche voluto la propria biblioteca in casa e aveva scelto una delle stanze al primo piano per questo scopo: Mr Jackson voleva trasformarla in biblioteca e disse: "Ragazzi, dovrete costruire degli scaffali. " Una volta acquistate le mensole le abbiamo istallate e trasportato gli scatoloni pieni di libri con l'ascensore. Per prima cosa abbiamo cercato di classificarli per argomenti, fiction, non-fiction, ma erano talmente tanti che abbiamo finito per metterli sugli scaffali senza nessun ordine particolare.. a Michael piacque ugualmente. In questa stanza è dove ha trascorso la maggior parte del suo tempo... "ricorda Javon Beard.

Di fronte alla scala in marmo, immediatamente a sinistra dell'ingresso, si arriva a quello che doveva essere un ufficio. Inoltre, dalla porta accanto si entra ad un cinema privato di 18 posti.


Sul retro della casa, oltre alla cucina all'aperto c'e la piscina....Il campo da tennis con adiacente un piccolo campo di pallacanestro a cui ci si arriva da un passaggio pedonale coperto.


La struttura comprende anche una palestra, una sauna e una sala da ballo ..il tutto naturalmente controllato da un intero sistema di sicurezza installato dalle guardie del corpo.
Il garage si trova sul lato della casa. Michael e i suoi figli lo usavano quando dovevano uscire, evitando così di passare dal portone principale, visibile dalla strada.
Anche se Michael non amava particolarmente la casa, amava Las Vegas, dove alcune volte è stato visto insieme ai suoi figli assistere a degli spettacoli di magia.

Alla fine del giugno 2006, lascia la casa e prende l'aereo per trascorrere le vacanze estive, in famiglia, a Middleburg (Virginia).

Dopo aver vissuto per qualche tempo presso i Cascio nell'autunno del 2007, trascorre alcune settimane in una casa in affitto a Los Angeles. Tornerà nella città che non dorme mai, nel 2008, dove soggiornerà in vari alberghi prima di sistemarsi in una casa in affitto a Palomino Lane, in un'altra zona residenziale.

ORIGINAL SOURCE
On Michael Jackson's footsteps

TRADUZIONE: MJGW FORUM