mercoledì 17 giugno 2015

Michael Jackson: 10 anni da quando la Corte lo ha assolto.Un processo che alla fine lo ha ucciso.

Articolo di Roger Friedman.. detto più volte che il passato e anche abbastanza recente di quest'uomo, non lo annovera certamente fra i giornalisti " accreditati e seri" come l'Estate ha detto pochi mesi fa. Ma tutti gli altri media tacciono, nel mentre, e nelle molte occasioni che gli si prospettano davanti potrebbero fare la differenza,pentirsi di essere saliti sul carro dei detrattori, fare ammenda di essere stati la Causa principale per cui la verità su quanto accaduto in quell'aula di tribunale è ancora del tutto ignota e distorta per la massa e per quel grande pubblico che di certo non viene a leggere NOI che siamo i suoi fan.


Dieci anni fa,una giuria della Contea di Santa Maria, in California ha assolto la mega star del pop Michael Jackson dall'accusa di molestie su minori e associazione a delinquere. Il procuratore distrettuale di St.Barbara,Tom Sneddon, accusò Michael di aver molestato Garvin Arvizo e poi di averlo rapito insieme alla madre il fratello e la sorella. Attraverso la difesa brillante dell'avvocato Thomas Mesereau , Michael dopo 4 mesi venne assolto.

Ma il danno era fatto. Michael era stato seduto per settimane e settimane ad ascoltare testimonianze pazze e accuse infamanti. Tutta la sua vita , ciò che riceveva, le sue finanze, i suoi vizi personali, i rapporti con ogni singola persona che avesse mai conosciuto, le descrizioni di parti del suo corpo. Sua madre e, a volte, suo padre, o un fratello, seduti nella fila dietro di lui. Hanno sentito tutto. Tutto quanto riguardava suo figlio/fratello era in piazza alla mercè di tutti quanti.

Quando la giuria raggiunse un verdetto, Jackson era distrutto. Non c'era nessuna celebrazione giubilante. Era a pezzi. Prese i suoi figli e se ne andò dalla California. Mesereau gli consigliò: "Vattene da qui, ora" Perché?Perchè sapeva , come l'ho capito io, e ogni persona con un pò di raziocinio che avesse guardato questo circo iniziato con l'arresto di Jackson nel 2003, che Sneddon ce l'aveva con lui. Sneddon non aveva intenzione di fermarsi sino a quando e in qualche modo non fosse riuscito a mettere Michael Jackson dietro le sbarre. Se Michael fosse rimasto a Neverland, nella Contea di Santa Barbara, sarebbe stato per sempre un obbiettivo.

La vendetta di Sneddon contro Michael Jackson, proveniva da 10 anni prima, quando Michael accettò un accordo finanziario con la famiglia di un altro ragazzo, Jordan Chandler. La peggior decisione che Michael abbia mai preso. Che ha creato attorno a lui l'alone del sospetto e dalla quale non riusciva a liberarsi, e lo ha reso il bersaglio di molte altre estorsioni, che lo hanno reso un dipendente dai farmaci non sempre in grado di prendere decisioni in maniera lucida ,e farmaci che alla fine lo hanno ucciso.

Qual è stato il vantaggio dell'accordo con i Chandler? Per gli avvocati e i consulenti, ha evitato a Michael la prigione e un processo, nel 1994. Sneddon , senza i Chandler, non poteva perseguire Michael. Sconfitto prima ancora che potesse presentare un caso. Sneddon si sentiva preso in giro. Ma invece di lasciarlo andare Jackson lo ha deriso pubblicamente e schernito nelle canzoni. E Sneddon ha promesso vendetta.
(--- la sintesi di Friedman, non manca mai di essere in parte palesemente scorretta. Sneddon aveva presentato il caso Chandler al gran Giurì che gli aveva respinto il caso, e ben prima che ci fosse un qualunque accordo stragiudiziale, e ha continuato a cercare qualcuno disposto a montare accuse contro Michael,persino al di fuori della sua giurisdizione e con la collaborazione di quella cagna di Dimond. Se Michael lo ha deriso( e non lo ha fatto, ma ha semplicemente risposto alla sua persecuzione), è ciò che era giusto fare, e l'ha fatto a suo modo, con la musica, ha detto al mondo chi era Tom Sneddon. Aveva forse sbagliato? direi proprio di no.)

Ci sono solo un paio di cose che dovete sapere su questo processo. La madre di Gavin Arvizo, dimostrò in tribunale di essere una truffatrice completamente pazza. Sneddon trovò in lei una perfetta collaboratrice. Lei avrebbe fatto e detto tutto quello che lui voleva, e non era importante se i loro cosiddetti "rapitori" avessero le prove di dove era stata, compreso un istituto di bellezza, le date delle serate al cinema, dei pasti ordinati, e dei giri di shopping nei centri commerciali.
 Quando, Frank Cascio e Vinnie Amen- vennero da me nel 2004 con un enorme valigetta di metallo piena di registrazioni di quello che era successo, la prima cosa che ricordo di aver detto loro è stata: "Sei sicuro che non siano stati gli Arvizo a rapirvi ? "

Stavo scherzando, ma questo è davvero quello che era successo. Gavin Arvizo aveva il cancro. Sua madre, Janet, utilizzò la malattia del figlio per insinuarsi nella vita di Michael. Michael Jackson è stato piuttosto ingenuo nel progetto "We are the World" nel quale credeva, credeva di poter salvare il mondo, e di poter "salvare i bambini che sono destinati a morire", come Marvin Gaye, una volta cantava. Michael, dopo aver venduto più di 100 milioni di dischi, era soprannominato il "Re del Pop", si vedeva come un salvatore. Salvare Gavin era per lui parte dei suoi doveri.

Ed è questo che fece esplodere la bomba. Quando permise a Martin Bashir di venire a casa sua e fare un documentario che mostrava Michael abbracciato a Gavin, fu terribile. La maggior parte del documentario, volutamente reso insidioso da Bashir ' e chiamato "Living with Michael Jackson," mostrava scene in cui Gavin- che Michael aveva portato a Neverland per le riprese per dimostrare che era un salvatore- parlava di dormire nel letto di Michael. Quando il documentario fu trasmesso sulla ABC nel gennaio 2003, scattò immediatamente l'allarme. Scrissi a quel tempo che era possibile Michael finisse in carcere. Internet esplose di articoli e commenti.

Sneddon , inviò immediatamente i suoi collaboratori a Los Angeles, dagli Arvizo. Il suo biglietto da visita sotto la loro porta. Quando Michael capì cosa era successo, cacciò gli Arvizo da Neverland. Dovevano tornare alla loro vera vita senza trattamenti di bellezza e regali. E fu in quel momento che Sneddon trovò in Janet Arvizo una collaboratrice. Ma non si è preoccupato di conoscerla con attenzione, evidentemente. Era così entusiasta di avere qualcuno che l'avrebbe aiutato a realizzare il suo obiettivo di mettere Michael Jackson in carcere, da non indagare troppo a fondo su Janet Arvizo.
(--- di nuovo un lieve difettuccio di cronaca: La famiglia Arvizo non viveva più in pianta stabile a Neverland già dall'epoca del documentario. Dopo che Gavin era guarito e nel mentre tutta la servitù di Neverland relazionava spese pazze con i soldi di Michael, Gavin e il fratello che si ubriacavano nelle cantine, o navigavano su siti porno( mentre Michael era da tutt'altra parte del mondo.. Michael pensò fosse giusto che tornassero alla loro vita. La famiglia Arvizo, in seguito al documentario, si era rivolta ad un legale, per fare causa a Bashir, Sneddon venne a sapere questo e contattò la famiglia. Da questo incontro, unito al fatto che Michael li stava abbandonando( o così lo interpretavano quelle sanguisughe di Arviz), nacquero le accuse.. tutto organizzato.Ma nel momento in cui furono formulate le accuse, il raid a Neverland, l'arresto etc.. Michael ancora non sapeva nemmeno chi fossero gli accusatori.)

Il mio momento preferito mentre stavo seduto nell'aula all'interno del palazzo di Giustizia di Santa Maria? Quando Tom Mesereau chiamò Janet Arvizo a testimoniare e lei disse che Michael Jackson stava progettando di rapire i suoi figli scappando in mongolfiera. L'aula scoppiò in una risata. Il giudice Melville batteva con il suo martello chiedendo " ordine". Fu il culmine di una testimonianza allucinante e abilmente scoperta da Mesereau. Tutti capirono in quel momento che la giuria, non avrebbe comprato le accuse di Sneddon. Tutti, cioè, tranne Sneddon.

C'erano degli ottimi avvocati con Sneddon. Ron Zonen era uno di questi rispettabili. E anche Gordon Auchincloss era considerato un mastino. Ma per qualche ragione, non misero mai in discussione le motivazioni di Sneddon. E lo seguirono ciecamente giù dal ponte dentro l'oceano.

La procura era talmente certa della vittoria, che alla vigilia del verdetto, festeggiarono congratulandosi l'un l'altro. In un ristorante aperto al pubblico, una donna li vide e mi chiamò subito..

Questo è ciò che scrissi il 10 giugno 2005: la Procura che accusa Michael Jackson di molestie su minori e associazione a delinquere ritiene apparentemente di aver già vinto il caso.
Mercoledì sera [8 giugno], l'intero staff della procura - il procuratore distrettuale Tom Sneddon, Ron Zonen, Gordon Auchincloss, con le loro moglie e famiglie - hanno celebrato la vittoria nel ristorante The Hitching Post in Casmalia.

The Hitching Post, è considerato il miglior ristorante nella zona di Santa Maria.
Sneddon era così felice che ha persino abbracciato Aphrodite Jones, la cronista delle celebrità di colore. Lei mi ha detto che era in un felice stato d'animo, e stringeva la mano a tutte le persone che incontrava.
Un osservatore ha detto "Erano tutti molto allegri, stavano sicuramente celebrando qualcosa. "
Il team del procuratore è stato avvistato prima in un bar a festeggiare per poi ritirarsi in una sala privata del ristorante.
"Ma si poteva sentirli ridere e brindare e continuare la festa", ha detto una fonte.
Presenti anche alcuni degli investigatori della polizia coinvolti nel caso, tra cui Steve Robel e Jeff Klapakis.
Al contrario, Tom Mesereau, l'avvocato della difesa si è visto raramente in giro in città, ha mantenuto un comportamento molto riservato da quando la giuria si è riunita per deliberare, circa una settimana fa."
Lo scrissi due settimane dopo che il processo si era concluso e la giuria aveva iniziato le delibere e 5 giorni prima che poi tornasse con lo splendido verdetto che rigettava interamente le accuse di Sneddon. Eppure erano convinti che ce l'avrebbero fatta.

In un certo senso è vero, ce l'hanno fatta. Tom Sneddon ha ucciso Michael Jackson. Se Sneddon fosse stato veramente obbiettivo e avesse studiato davvero il caso Arvizo, non ci sarebbe mai stato alcun processo. Ma lui lo ha trasformato in un circo dal primo giorno, e cioè dalla messa in scena del raid a sorpresa su Neverland, in complotto con la giornalista di tabloid Diane Dimond (la cui intera carriera è costruita sulla sua ossessione e odio contro Jackson) - pronta a fare lo scoop . Niente è stato fatto per la verità. E' stato fatto tutto per rovinare Michael Jackson e ha funzionato.

Gli Arvizo- non abbiamo più saputo niente (tranne che per la relazione di Diane Dimond sul matrimonio di Gavin nel 2013 e nel quale - incredibile- delle canzoni di Michael sono state messe dal deejay). Jordan Chandler? Il padre, dopo aver trasformato il figlio in un recluso e dopo aver distrutto la reputazione di Jackson, si è suicidato 5 mesi dopo la morte di Michael per mano del dottor Conrad Murray. 
Nel 1996, un giornalista di nome Mary Fisher scrisse un articolo, dove dimostrava come Evan Chandler e il nuovo marito della sua ex-moglie avevano portato Jordy a pensare di essere stato molestato. Il loro operato, il lavaggio del cervello sul ragazzo gli aveva fatto guadagnare 20 milioni di dollari. Tredici anni dopo Michael Jackson è morto.

La giuria nel processo pensava che dopo aver assolto Michael, le porte d'oro massiccio di Neverland si sarebbero aperte e che Jackson avrebbero ringraziato ciascuno di loro singolarmente. Niente di più sbagliato. Le porte furono chiuse per sempre. 
E Jackson non ha più fatto ritorno a Los Olivos. Due settimane più tardi lui e i suoi figli erano scomparsi, dando il via a quattro anni da senza patria conclusosi con la sua morte. 
Neverland era nel silenzio più assoluto. E a differenza dei procuratori, nessuna festa per questa amara vittoria.

LINK TRADUZIONE - Michael Jackson: 10 anni da quando la Corte lo ha assolto.Un processo che alla fine lo ha ucciso.
ORIGINAL TEXT - Michael Jackson:10 years since the court acquittal that eventually killed him