giovedì 19 novembre 2015

Nel 2002, Michael Jackson annuncia la creazione di una propria compagnia di produzione cinematografica

Sogno grandi sogni ", ha detto Jackson." Tutto quello che ho raggiunto è iniziato con un sogno, e di tutti i sogni, questo è quello che più mi appassiona ".


Michael Jackson può essere meglio ricordato per aver rivoluzionato la scena musicale, ma nel 2002, il Re del Pop aveva altre ambizioni. Pochi mesi dopo l'uscita del suo ultimo album 'Invincible', Jackson aveva dei piani per entrare nel mondo del cinema con il lancio di una casa di produzione cinematografica indipendente, 'Neverland Pictures'.

Il mini-studio era il risultato della collaborazione per un progetto di 20 milioni di dollari tra la Jackson Neverland Entertainment e la società di produzione MDP Worldwide. La notizia è stata resa pubblica a un ricevimento nella casa del capo della MDP, Mark Damon, dove quasi 300 ospiti - costituiti prevalentemente da distributori che avevano acquistato in precedenza dei progetti AFM  – attendevano ansiosi l'arrivo di Jackson.

L'icona del pop ha fatto una rara apparizione all'evento insieme alla sua amica di lunga data Elizabeth Taylor. "Mi ha chiamato in anticipo e chiesto se poteva portare una sua amica – la sua migliore amica," dice Damon a The Hollywood Reporter. "Quando i distributori hanno visto Michael e Liz Taylor accanto a lui, sono quasi svenuti. Fino ad oggi, [alcuni] ancora mi dicono che è stata la più grande esperienza della loro vita."

Alla cena, Jackson ha parlato con entusiasmo della sua visione per 'Neverland Pictures': lui e il socio di produzione Raju Patel avrebbero prodotto film per famiglie e riproposto fiabe classiche, alcune delle quali Jackson avrebbe anche diretto e interpretato.

"Sogno grandi sogni", ha detto Jackson. "Tutto quello che ho raggiunto è iniziato con un sogno, e di tutti i sogni, questo è quello che più mi appassiona".

Ma i grandi piani di Jackson non si sono realizzati perchè l'affare non è mai stato siglato. "Michael aveva troppe distrazioni, con la sua vita, al momento", ricorda Damon. "A volte era totalmente concentrato, e altre volte il suo sguardo era vuoto."

Ha partecipato in un cameo nella commedia fantasy del 2004, 'Miss Castaway and the Island Girls' e in seguito nel documentario del 2009 ' Michael Jackson This Is It', rilasciato dopo la sua morte e che ha incassato 261 milioni di dollari in tutto il mondo.