domenica 22 novembre 2015

"Perchè amo il volto maturo di Michael" - 1° Parte by Raven

PRIMA PARTE

I media ci ha detto che non dovevamo. Per anni, noi, hanno nutrito il pubblico con una dieta a base di miti e di bugie su Michael Jackson , su quello che si doveva pensare di lui, e più in particolare, su quello che si doveva pensare sul suo aspetto. Dovevamo credere lui era "Wacko Jacko". Noi dovevamo credere che fosse qualcuno che aveva letteralmente "stravolto" il suo volto in qualcosa di irriconoscibile, e di non umano. Tabloid, spettacoli televisivi e siti medialoid hanno regolarmente fatto confronti, fra foto del periodo giovanile o dell'Era Thriller , con le foto più attuali, senza mancare mai di sottolineare quanto il suo aspetto fosse cambiato, e aggiungendo cosa avremmo dovuto pensare sul perchè di questi cambiamenti.

Dovevamo pensare a una o forse due cose. Quanto è triste e tragico il rovescio della medaglia.
Quello che apparentemente non doveva invece far parte del contratto, era il considerare quanto invece il suo volto fosse bello. Ma sapete cosa? Ho scoperto qualcosa di interessante dopo che sono diventato un fan sfegatato. Ho scoperto che milioni di persone, tra cui donne di tutto il mondo non fanno che sognare davanti a questo bellissimo volto. E con questo, non sto parlando solo di una sorta di accettazione, del tipo "amiamo Michael, comprese le sue imperfezioni" o cose di questo tipo. Sto parlando di una vera e propria, sincera convinzione che Michael Jackson era altrettanto sexy, e altrettanto bello fisicamente, e anche post-vitiligine o post-chirurgia estetica, esattamente come lo era anche prima. .

Ma sto anticipando troppo. Permettetemi quindi di fare un analisi dei giorni del "Wacko Jacko", e del mio percorso personale, nel quale mi comportavo come la pecora di un gregge andando dietro alle dicerie, e di come ad un certo punto i miei occhi hanno visto la vera bellezza che c'era. E come nel vecchio clichè che cita 'la bellezza è negli occhi di chi guarda ",io penso che non sia SOLO nei propri occhi ma anche in ciò che arriva dall'animo verso l'esterno. La vera bellezza che brilla dall'interno può fare far apparire qualcosa che sembra li per li non bello in qualcosa di meraviglioso. Basta guardare Madre Teresa. Certamente questa donna non credo potesse essere scambiata per una bellezza da copertina. Ma per me, era più bella di come qualsiasi coniglietta di Playboy potrebbe mai essere.
Tuttavia, non sto esattamente parlando di questo. Il mio cambiamento nella percezione della bellezza matura di Michael è qualcosa di più di una semplice accettazione del fatto che è rimasto bello dentro . Ha più a che fare con una alterazione effettiva della mia percezione estetica del suo aspetto fisico, così come la scoperta che i media mi avevano alimentato con menzogne per anni!

Come tanti altri, credevo che Michael Jackson fosse un giovane uomo di colore molto bello che, per colpa di insicurezze o problemi psicologici, si fosse letteralmente trasformato in "un mostro." Le persone facevano battute sul fatto che si era voluto trasformare in "una donna bianca".
Altri dicevano che era diventato un alieno o una drag queen. Abbiamo tutti sentito parlare di questo tipo di dicerie, almeno una volta. Forse ne abbiamo anche riso. Così ero portata a credere che così tanta chirurgia estetica avesse stravolto totalmente il suo volto, sino a distruggerlo. Ci sono state storie su parti del suo volto che cadevano, il naso ad esempio, o che avesse tipo delle protesi. Ogni foto pubblicata dai media, andava a focalizzare su questi aspetti grossolanamente. Altre venivano modificate , e così apparivano foto di Michael con un buco in faccia e al posto del naso. Abbiamo visto una raffica di foto poco lusinghiere che sembravano sempre accentuare e volutamente la peggior angolazione, o foto, ovviamente, scattate nei suoi giorni peggiori, quando era magari arrabbiato o depresso. Le foto poi venivano schiarite o scurite per accentuare magari un trucco di cattivo gusto, o i capelli mal messi. E nonostante il fatto che ci siano milioni di foto a disposizione, i media hanno continuato a scegliere deliberatamente solo le foto peggiori accompagnandole generalmente ad una storia negativa e sensazionalistica. L'intento era chiaro. Questa è stata una campagna deliberatamente mossa a promozione dell'immagine del "Wacko Jacko" e per vendere così il mito del " maniaco" .Per esempio, non si è mai visto un articolo di TMZ o del The National Enquirer con foto dal servizio Vogue o Ebony (e nonostante vi sia libero accesso e nessun veto dal copyright).

Invece, i media hanno sempre scelto delle foto da poter meglio modificare per perseverare sul concetto della decadenza di Michael Jackson. Immagini di lui in tribunale, o in arrivo e in partenza dal suo processo del 2005, erano fra le preferite, dal momento che queste immagini tendono a rafforzare la convinzione pubblica che la vita di Michael Jackson era fatta ormai più di scandali e questioni legali, che di musica (anche se, ironicamente , sono foto che fanno parte di quell'insieme che permette di avere la percezione della bellezza del Michael più maturo). Sceglievano ad esempio la foto segnaletica del 2003; quella foto doveva essere il loro fiore all'occhiello. E riassume perfettamente il senso di quanto i Media volevano far capire su Michael. In quella foto, il suo trucco è molto forte e disegnato (e dandogli l'effetto da, "drag queen" avevano così la scusa poi per deriderlo ), ma, e nel mentre, in quella foto il suo sguardo e invece spaventato. Le foto segnaletiche per loro natura sono tutte orrende. Nessuno è felice di essere fotografato nel mentre è accusato (in particolare con false accuse) e messo alla berlina. In quella foto, Michael sembra spettinato, arrabbiato, ma anche abbattuto.


E questo è esattamente ciò che i media amavano di più. Se qualcuno dubita che ci fosse una deliberata congiura dei media per presentare Michael nella luce peggiore, basta prendere in considerazione le parole di Afrodite Jones, che era lì al processo del 2005, e ha visto il complotto in prima persona. Lei non solo ha scritto nel suo libro Conspiracy, ma anche confermato quando l'ho intervistata di persona nel 2010, che paparazzi e giornalisti al processo, cercavano intenzionalmente di prendere il suo angolo peggiore, o di fotografarlo nella peggiore illuminazione possibile, in modo da avere delle brutte foto. Così non è stato, anche se si sono impegnati molto per un simile risultato, ma quello che ci interessa sapere è che avevano un agenda del giorno, un compito, esattamente questo, ritrarlo nel peggiore dei modi.

Certo, il caso di Michael Jackson non è univoco. I media hanno fatto questa stessa cosa con molte celebrità. Lo hanno fatto a Whitney. Lo hanno fatto a Kirstie Alley con tutti i suoi problemi di peso .Anche a Oprah. E praticamente con ogni celebrità con problemi di peso, o perchè solo truccata malamente, o con una grave malattia. Ma credo che possiamo tranquillamente dire, che a nessuno è stato fatto così scientemente quanto con Michael Jackson.

Dal momento che, come molti altri, non sapevo molto su Michael Jackson di diverso rispetto a quanto loro riportavano, ero arrivata a credere nelle bugie. Nella mia mente rimaneva persistente l'immagine di un bel giovane che si era trasformato in uno scherzo della natura. Mi dispiace dire che questa falsa credenza è rimasta in me anche dopo la sua morte. Ricordo di essere anche andata su Youtube scrivendo quello che pensavo all'epoca sotto i commenti di uno dei suoi video, Do not Stop Till You Get Enough. Ricordo di averlo guardato in quella clip, vedendo quanto era, giovane e bello, un uomo di colore con i suoi capelli naturali e un sorriso abbagliante fresco, così sicuro e soave. E nel commento scrissi che era un peccato avesse stravolto il suo viso così con la chirurgia, e considerando quanto non ci fosse niente di sbagliato nella sua immagine..

Giorni dopo sono tornata a vedere, scoprendo che un fan aveva cancellato il mio commento mettendo un video al suo posto. Ero perplessa; sconcertata, e anche un pò arrabbiata. Non pensavo di aver scritto nulla di così cattivo o simile ad un troll o ai commenti dei media. Stavo esprimendo solo quello che pensavo,in quel momento.. un commento sincero. Perché quel fan l'aveva ritenuto offensivo? Nel mio modo di pensare di allora,non avevo fatto altro che dire quello che tutti pensavano. Gli ho anche scritto chiedendo spiegazioni, ma non mi ha mai risposto. Anche se non approvo la censura, adesso, posso dire che capisco perchè il mio commento è stato ritenuto simile ad un offesa . Per anni, i fan di MJ hanno dovuto assistere ai Media che lo definivano "wacko" e che criticavano ogni sua mossa. Michael era appena morto, e nessun vero fan era in vena di leggere altri commenti simili e da chiunque, ben intenzionato o meno.
continua....

ORIGINAL SOURCE
WHY I LOVE THE MATURE FACE OF MICHAEL by Raven

TRADUZIONE: MJGW FORUM