martedì 8 dicembre 2015

Michael Jackson e il volo Los Angeles-Berlino by Don Barret, editore di “La Radio.com”

Quando sono stato licenziato da MGM / UA nel 1994 , ho aperto il mio ufficio di consulenza di marketing. Ho deciso di concentrarmi sul cinema d'animazione ....
Un anno dovevo viaggiare da Los Angeles a Berlino e poi recarmi a Cannes.
In prima classe c'erano cinque file con due posti su ciascun lato dell'aereo. Ero seduto sul sedile che dava verso il corridoio, nella terza fila a sinistra . Davanti a me c'era un gentiluomo. Nei due sedili davanti c'erano due persone già sedute quando mi sono accomodato per il mio volo di 12 ore . L'uomo di fronte al mio sedile ha chiesto un cocktail prima del decollo. Una volta in volo, l'uomo ha fatto continua richiesta di drink.

Circa mezz'ora dopo il decollo, l'uomo seduto sul sedile anteriore che dava sul corridoio, si alzò e si spostò al centro della cabina. Il suo vicino di sedile si alzò e rimase in piedi dietro di lui . Un altro uomo seduto sul lato destro si unì agli altri due. Quasi bloccando il corridoio andarono verso la toilette. Le luci della cabina erano quasi spente per chi voleva dormire durante il volo. Mentre camminavano verso di me, mi resi conto che l'uomo al centro era Michael Jackson.

Il volo era tranquillo, ma l'uomo di fronte a me continuava a chiedere più drink. Infine, l'assistente di volo smise di servirlo. Potevo solo immaginare che la tempesta perfetta si stava avvicinando. Spesso la sua voce spezzava la tranquillità nella silenziosa cabina, reclamando il suo diritto ad essere servito dopo aver pagato un biglietto di prima classe. L' assistente di volo era fermo sulla sua decisione.

L'uomo, ormai ubriaco, continuava a chiamare e lo steward gli si avvicinava riluttante solo per ascoltare gli insulti per aver rifiutato di servirlo. Dopo una terza chiamata, l'uomo ha aspettato che lo steward gli fosse più vicino. Questo gli disse ancora una volta che non vi era più alcun servizio.
A quel punto, l'ubriaco gli saltò addosso come una gazzella ed entrambi caddero a terra. Cominciarono a lottare. Si sentì la voce di un altro assistente che chiamava il pilota che subito venne a vedere cosa stava succedendo.

Senza fanfare, luci o pubblico, un preoccupato Michael Jackson si alzò e separò i due uomini. Non appena si resero conto che era il Re del Pop in persona che stava facendo da pacificatore, timidamente, smisero di lottare e la loro espressione era come quella di uno scolaro quando viene ripreso dal preside della scuola o dalla propria madre. Il pilota (o il co-pilota), arrivò sulla scena giusto in tempo per vedere che la pace era stata ripristinata senza “spargimento di sangue” .

Michael chiese alla sua guardia del corpo di scambiare i posti perché aveva invitato l'uomo a sedersi vicino a lui. Non riuscivo a sentire una parola , ma hanno parlato per 20 minuti. Più tardi, Michael gli fece cenno di aiutare l'uomo a tornare al suo posto. In pochi minuti perse conoscenza e dormì per tutto il tempo .. Michael e il bodyguard rimasero quasi in silenzio per il resto del volo...

E' stato un raro barlume della figura di Michael Jackson . Chi avrebbe mai pensato che sarebbe intervenuto e fare da pacificatore a 30.000 piedi di altezza in quella che poteva diventare una brutta scena di violenza?
 Foros Michael Jackson's HideOut -Labor humanitaria de Michael Jackson

LINK MJGW FORUM - AGGIORNAMENTI
MICHAEL JACKSON... SOLIDARIETÀ, GENEROSITÀ, AMOREVOLEZZA