mercoledì 16 dicembre 2015

M. Jackson intervistato da Gold Magazine – 2001

Michael Jackson è il Re del Pop, l'uomo che ha fatto l'album più venduto nella storia, un uomo i cui numeri di danza e le melodie hanno incantato la gente in ogni angolo del globo, da Johannesburg a Jakarta, da Londra a Los Angeles.

Ma è anche un enigma. Una stella da bambino con i fratelli nei Jackson Five, proviene da una famiglia con un immenso talento e, come figlio più giovane, ha scolpito per se stesso la carriera solista di maggior successo di tutti loro. Egli è uno dei pochi bambini di fama mondiale che sono riusciti a diventare adulti con una fama mondiale, ed ora vuole re-inventare se stesso ancora una volta, in una stella del cinema.

Nonostante la sua fama, nonostante il fatto che egli è stato l’esecutore, la creazione e l’improvvisatore da quando aveva l'età per camminare, Jackson è timido nei confronti della pubblicità. Egli può avere orde di fans e fotografi che lo circondano ogni volta che esce in pubblico, ma lui è un uomo intensamente privato che vive con la famiglia nel suo ranch da fiaba a Neverland in California. In questa rara intervista, parla sinceramente con Magdalena, di”Gold Girl”, sulla fama, sul peso della sua celebrità fin dall’infanzia, la sua visione sui media, e il suo futuro nel cinema.


Magdalena “Gold Girl” Ti consideri di più un musicista, un artista o un imprenditore?

Michael Jackson: Probabilmente tutto quello che hai detto, perché amo divertire ed amerò sempre intrattenere. Mi piace diventare schiavo del ritmo, perché la danza è l’interpretazione dei suoni e l’accompagnamento dell'orchestra. Sai, di diventare il suono, di diventare il basso, si diventa ciò che si sente, e lo si fa con il corpo. Ma cerco di non essere totalmente coinvolto da tutto questo, in modo tale da pensare anche al futuro.
Tanti grandi artisti sono stati intrappolati in passato, hanno finito per rimanere soli, tristi e solitari. Ho sempre detto a me stesso, non voglio essere in quel modo e ho intenzione di provare e riprovare per conoscere il lato del business, per sostenere me stesso, investire i miei soldi, i miei risparmi. Chi sa cosa porterà il domani? Vorrei essere finanziariamente protetto in modo da potermi supportare.

GG: Ti piacerebbe essere ricordato come un grande artista?

MJ: Adoro il cinema e amo l'arte - e un architetto è un artista dello spettacolo, un uomo che costruisce montagne russe è un artista. Lui sa dove sviluppare i pendii, e la grande anticipazione di quando si sale ... Lui ti incita a dire, 'Oh mio Dio!' quando si arriva in cima prima di scendere. E' proprio come strutturare uno spettacolo o una danza.

GG: E’ mai stato per te un peso sapendo di essere una delle stelle che possiamo riconoscere più facilmente al mondo?

MJ: Non c'è nessun posto al mondo dove effettivamente possa andare e rilassarmi. La cosa che fa più male è il fatto che la privacy è stata portata via da te. Per usare una espressione sciocca, è come se vivessi in un acquario, ma vero. Faccio travestimenti ... Sanno tutti, che è molto difficile, molto difficile. "La gente in tutto il mondo piange, si arrabbia e si emoziona, esattamente negli stessi momenti dei miei spettacoli"

GG: Che tipo di travestimenti?

MJ: Alcuni Bat costumi, denti sporgenti, occhiali, Afros, protesi, un sacco di trucco, tutto. Giusto per sedersi tra il pubblico e vedere lo spettacolo con l’occhio del pubblico, voglio sentire come loro si sentono.

GG: Le persone ti scoprono?

MJ: Qualche volta, sì. Inizialmente, no. Poi cominciano a guardarmi negli occhi. Ho messo queste cose e poi iniziano a guardare dietro gli occhiali ... Le ragazze sono molto intelligenti, sai. Si può ingannare più facilmente un ragazzo di quanto si può ingannare una ragazza. Le donne sono in grado di riconoscermi. Conoscono il modo in cui muovi il tuo corpo, il tuo modo di camminare, il modo in cui gesticolo. 
Sento dire, 'Guarda come si muove la sua mano ', o 'Guardate il modo in cui camminava, e penso, 'Oh, no!'

GG: Se tu fossi invisibile per un giorno a Londra, cosa faresti?

MJ: Oh! Chi mi piacerebbe schiaffeggiare? Fammi vedere (ride) ... Penso che vorrei trovare uno dei paparazzi dei tabloid e prenderlo a calci nel c***, in stile moonwalk. Mi piacerebbe davvero spingerli giù, da uno di quei motorini che guidano per andare in giro, mi piacerebbe davvero, togliergli le telecamere direttamente dalle loro mani. Sono così fastidiosi. Mi piacerebbe andare da loro per prima cosa, yeah. Ti fanno impazzire. Non si può scappare da loro. È terribile.

GG: Chi ti ha ispirato di più professionalmente, e con chi ti identifichi?

MJ: Probabilmente Walt Disney, perchè quando ero piccolo sono cresciuto in un mondo di adulti. Sono cresciuto sul palco. Sono cresciuto in locali notturni. Quando avevo sette, otto anni, sono stato in locali notturni. Ho visto ragazze che facevano lo spogliarello e togliersi tutti i vestiti. Ho visto scoppiare risse. Ho visto gente vomitarsi addosso a vicenda. Ho visto adulti che si comportano come maiali. E’ per questo che oggi odio le discoteche. Non mi piace andare nelle discoteche – l’ho già fatto, ci sono già stato. Quindi, ora cerco di compensare quello che non ho fatto allora. Così, quando vieni a casa mia, vedrai che ci sono giostre, un cinema, animali.

Amo gli animali – elefanti, giraffe, leoni, tigri e orsi, tutti i tipi di serpenti. Riesco a fare tutte quelle cose meravigliose che non ho potuto fare quando ero piccolo, perché non avevo tutte quelle cose. Non c’è stato Natale. Non abbiamo dormito insieme ad un amico. Non siamo andati a scuola, abbiamo ricevuto lezioni private quando eravamo in tour. Io non sono andato in una scuola pubblica. Abbiamo provato per due settimane e non ha funzionato. E' stato molto difficile. E' difficile crescere un bambino famoso.

Pochissimi riescono a fare la transizione da stella bambino a stella da adulto. E' molto difficile. Mi identifico con Shirley Temple. L'ho incontrata a San Francisco e mi sono seduto al suo tavolo e ho pianto tanto. Lei ha detto: 'Cosa c'è che non va Michael?' Ho detto: 'Ti amo. Ho bisogno di stare più vicino a te . ' Lei, va! 'Tu sei uno di noi, non è vero?' e ho detto 'Sì.' Qualcun altro ha detto: 'Che vuoi dire?' e lei ha detto, 'Michael sa cosa voglio dire.' E io so esattamente cosa voleva dire - di aver vissuto come una stella da bambino e sono riuscito a compiere la transizione verso la fama come adulto ed è molto difficile. Quando sei una star bambino la gente non vuole vederti crescere. Vogliono che tu rimanga piccolo per sempre. Essi non vogliono che tu lavori in seguito. E' molto difficile.

GG: Dimmi di più sui tuoi interessi per i parchi a tema - quello che ti interessa di loro?

MJ: La cosa che preferisco dei parchi a tema - e ne ho una visione piuttosto ampia su di esso perché ho girato il mondo molte volte - è vedere le persone vengono insieme con le loro famiglie e si divertono. Realmente le porta a stare più vicine. Io ci vado per divertirmi, ma ci vado anche per studiare. Vado dopo l’orario di lavoro nei parchi, perché non posso andare lì durante il giorno. Sembra un po' come una città fantasma.

GG: Ho sentito che hai alcune idee per un parco a tema a Las Vegas?

MJ: Ho fatto molti progetti a Las Vegas, e penso che quello che ho fatto è che ho ampliato la popolazione. Perchè quando ero un bambino - non avevo più di otto anni - i miei fratelli e io siamo andati a Las Vegas, e a quel tempo ai ragazzi non era permesso di mettere piede in un casinò. Così siamo rimasti nelle nostre camere, ci siamo annoiati, perchè non c’era niente da fare mentre tutti gli altri giocavano.
C'era solo un posto per i bambini a Las Vegas, al momento, chiamato Circus Circus. Era un hotel il cui tema erano i clown, ricordo che ci fu un uomo al trapezio e degli scimpanzè che andavano sul monociclo. Quando sono diventato più grande, insieme ai miei fratelli, abbiamo giocato molto a Las Vegas - ci siamo esibiti tanto, molte volte - e ho pensato e detto: ' Davvero non è giusto che qui non ci sia niente per i bambini ', così ho iniziato a sviluppare un paio di idee per alcuni proprietari di alberghi. E adesso è davvero come una sorta di regno delle vacanze per le famiglie.

GG: Chi sono le persone che preferisci?

MJ: Mi piacciono le persone che hanno realmente contribuito al piacere e alla felicità del pianeta e dell'umanità, persone che hanno portato la luce - da Walt Disney a Gandhi a Edison e Martin Luther King. Queste sono persone con la luce, persone che hanno veramente a cuore i bambini, che ha riunito le famiglie, e l’amore. Questo è quello che cerco di dire nella mia musica e nelle mie canzoni. Se vai a uno dei miei concerti, i miei spettacoli, vedrai 200.000 persone ondeggianti, con le candele, dicendo: ' Noi vogliamo guarire il mondo,' e 'Ti amo '. L'ho visto in tutto il mondo, dalla Russia alla Germania alla Polonia in Africa per l'America. Siamo tutti uguali. La gente piange negli stessi momenti dello spettacolo. Si arrabbiano negli stessi momenti dello spettacolo, l’emozione è negli stessi momenti.

GG: Fred Astaire era tuo amico?

MJ: Sì. Fred Astaire era il mio vicino di casa. Io lo vedevo ogni giorno quando ero in sella al mio piccolo scooter a motore. Mi ha sempre detto, lui mi diceva sempre quando ero un ragazzino, 'Diventerai una grande stella.' Mi ha detto che pensava che io ero un’artista di spettacolo formidabile, e un grande ballerino. E lui diceva sempre, 'Tu sei il migliore ', e io gli dicevo: 'No, tu sei il migliore.'
Mi ricordo la prima volta che ho fatto il moonwalk. Fred mi ha chiamato a casa. Lui urlava al telefono, delirante. Ha detto che era la migliore performance che avesse mai visto. Ho detto: 'Oh, andiamo ! '. Egli disse, 'Michael, gli hai stesi. Sei un grande ballerino. Sei un diavolo di ballerino. ' Ho detto: 'Beh, venendo da te, non ho bisogno di eventuali premi.' Perchè ero stato nominato per un Emmy Award per tale esecuzione, che poi non ho ottenuto, ma non mi importava perché Fred Astaire disse che amava le mie esibizioni, e questo è tutto il premio di cui avevo bisogno.

GG: Se potessi lavorare con qualcuno, vivo o morto, chi sarebbe?

MJ: Se potessi lavorare con chiunque sarebbe Charlie Chaplin, che amo tanto. Inoltre, Laurence Olivier era un genio, davvero. Si tratta di due ragazzi, credo. Ed anche il re, Brando.

GG: L'anno scorso hai fatto un cortometraggio, You Rock My World, con l'assistenza di Marlon Brando. Come è stato lavorare con il maestro?

MJ: Brando è un mio buon amico. Lui è molto simile a me. Non va in molti posti. Viene a Neverland o rimane nella mia casa a Mulholland Drive, o va a Tahiti. Suo figlio ha lavorato per me per più di 20 anni, e l'altro figlio era nella mia classe alla scuola privata. È solo un gigante. Vedi, Brando è intelligente, perchè quando lavora con me, dice sempre, 'io so quali tasti spingere per ottenere l’emozione da te '. Lui mi conosce così bene. Sa come farmi spuntare fuori, in modo da dire determinare cose per avermi veramente preparato.Lui è un genio. Lui è un re. E' l'ultimo di quella generazione. È un uomo brillante, una splendida persona. Io lo amo e lui è un mio buon amico.

GG: Hai fatto un cameo in Men In Black II, è stato divertente il lavoro?

MJ: Il progetto di “The Men In Black” è stato davvero molto divertente, perché mi sono presentato come il nuovo arrivato.

GG: Era evidente dal video di Thriller che sei molto interessato alle arti visive.

MJ: Tutto quello che faccio mi piace, sia dirigermi direttamente o lavorare in stretta collaborazione con il regista - abbiamo co-diretto e trovato insieme le idee. Se si guarda Ghosts, è co-scritto da Michael Jackson e Stephen King. L'abbiamo scritto al telefono, Stephen ed io - lui è un ragazzo incredibile, è sorprendente. L'abbiamo scritto al telefono, parlando solo insieme.

GG: Chi sono le figure nel mondo del cinema che ammiri di più e perchè?

MJ: Adoro Robert De Niro. Penso che sia un attore poliedrico. Egli può svolgere qualsiasi ruolo di attore, da un comico ad un sacerdote ad un assassino psicopatico, ad un idiota a uno zio affascinante e qualsiasi altra cosa. E, naturalmente, qualsiasi grande ballerino.

GG: Chi potrebbe essere la tua attrice ideale principale, e perchè?

MJ: Un 'attrice? (ride) Tu ed io dobbiamo fare un film insieme. Facciamolo, mi piacerebbe che ...

GG: Si è parlato che vorresti andare sulla luna per eseguire un autentico moonwalk. C'è qualcosa di vero in questo?

MJ: (ride) C’è una certa verità in essa. Questa non è una diceria. È tutto quello che mi limiterò di dire.

GG: Tu hai fatto un'offerta più alta di Paul McCartney per il catalogo dei Beatles. Cosa c'era di tanto speciale?

MJ: No, non l’ho fatta, è lui che non fece un'offerta. Era in vendita, mi è piaciuto e l'ho comprato, come acquistare un pezzo d'arte.

GG: Dimmi di più sulla tua passione per la beneficenza per i bambini. Quali sono le associazioni supportate?

MJ: Beh, io ho un ente di beneficenza per i bambini che io stesso ho creato, chiamato “Heal the World”. E ogni volta che faccio un concerto o qualsiasi cosa attinente allo spettacolo, elargisco una certa somma per la “Heal the World” - sai orfanotrofi, ospedali, i bambini che hanno bisogno di un polmone o un fegato, lo troviamo, noi paghiamo la cura chirurgica. Quando sono in tour, visito molti ospedali e orfanotrofi. Andiamo a vedere bambini fino a 12 anni di età e regaliamo scatole e scatole e scatole di giocattoli, alcuni poster di Michael Jackson e accessori.

GG: Che cosa desideri realizzare nella tua vita?

MJ: Non sono mai soddisfatto. Ci sono tante strade diverse e tante diverse cose che voglio fare. Ho fatto molto, ma non credo che sia abbastanza, per questo motivo non espongo eventuali premi nella mia casa. Non vedrai mai nessun premio in casa mia, li ho messi tutti in un deposito. Perchè se ti lasci coinvolgere in tutto questo, si comincia a sentire come, 'Oh, l'ho fatto.' C'è così tanto di più, tante altre montagne da scalare.

GG: Se uno dei tuoi figli venisse da te e dicesse: 'Papà, voglio essere una pop star,' Qual' è il miglior consiglio che potreste dargli?

MJ: Il miglior consiglio che li darei che si tratta di un duro lavoro, di essere preparati, perché non è tutta gioia, per tutto il tempo. E che devi avere la pelle di rinoceronte, perché più grande è la star, più grande è il bersaglio.
La stampa scandalistica è bastarda, e devi avere la pelle di rinoceronte per affrontare questo tipo di mentalità ignorante. Lo fanno semplicemente per vendere giornali, perché è meglio vendere una cattiva notizia che una buona notizia. Semplicemente inventano. Se non hanno nulla, lo inventano. Io non sono niente di simile di come i tabloid mi hanno dipinto, niente. Nulla di simile. Sono quelli che sono pazzi. Sono ignoranti. Io dico sempre ai miei fans 'facciamo una pila di giornali scandalistici. Facciamo una grande montagna di tabloid e bruciamoli '. I veri fans che mi amano sanno che è tutta spazzatura che non è vero. Loro lo sanno. Sono intelligenti.

GG: Hai sempre voluto fare un film? Se la tua famiglia non avesse avuto successo come musicisti, ti saresti rivolto al cinema, prima nella tua vita?

MJ: Ho sempre desiderato fare cinema, ma i tour mi hanno sbarrato la strada. È per questo che voglio prendere alcuni anni facendo solo film. Mi piacerebbe avere sei grandi film dietro di me, dopo aver fatto un piccolo tour, farei più film.

GG: Che tipo di idee hai per i film?

MJ: Ho delle idee per il cinema e il movimento e la danza e le cose che le persone non hanno mai visto. Attendo con ansia di sorprendere le persone. Quindi prima di morire vorrei avviare una società di produzione cinematografica, e sono molto felice che questo è quello che stiamo facendo con Neverland Pictures. Vorrei riuscire ad avere una nuova vita e giocare e creare e scolpire.

GG: Raccontami dell'idea del lupo mannaro nel tuo film, e come è collegato al video?

MJ: Non ho ancora letto la sceneggiatura per “Wolfed” – questo è uno dei film che faremo e mi entusiasta molto. Sono così felice di lavorare con Sammy Lee (il co-autore di Music Box, che ha recentemente acquisito ''first look '' sui diritti del film dei Jackson). Stiamo facendo alcuni grandi progetti insieme per i film, e sono davvero eccitato.

GG: E ”Wolfed “sarà il primo film?

MJ: A partire da ora, il nostro programma dice che “Wolfed ” sarà il primo film. Sarà divertente. Voglio che sia veramente spaventoso. Rick Baker vuole fare tutti gli effetti visivi. Ha vinto sette premi Oscar. Rick è molto entusiasta, troppo – è stato lui che ha fatto “ Un lupo mannaro americano a Londra”. Vinse un Oscar, e disse, 'Michael, che non era niente.' Questo è niente in confronto a quello che si può fare oggi. E fece “Thriller” e mi disse : 'Non è niente '. Si può andare ben oltre questo. Ha fatto tutti i film di Eddie Murphy, Clumps e Nutty Professor e anche Men In Black. Lui ha fatto tutto questo.

GG: Allora dimmi come ti piacerebbe essere ricordato?

MJ: Come mi piacerebbe essere ricordato? Come una persona che è venuta e ha portato luce al mondo, qualche momento di evasione dalla realtà. Anche come portavoce per i bambini che sono senza voce, perchè io li amo. Io vivo per i bambini. Se non fosse per i bambini, getterei la spugna. Un bambino, un bambino - è qualcosa di stupendo. Sono piccoli geni, sai, piccoli geni. Lo sono realmente.

GG: Ti piace essere padre?

MJ: Questo è quello che preferisco. I love it. I love it. I love it.

GG: L'altro giorno ho visto prendere tua figlia mentre lei dormiva. Appena l’hai presa, ho visto la gioia sul tuo viso .

MJ: Oh, io li amo. I Jacksons hanno un sacco di bambini. Ho un sacco di nipoti. C'è ne sono un sacco !

GG: Qual è il tuo rapporto con i tuoi fratelli e sorelle?

MJ: Amo i miei fratelli e sorelle. Quando sono con loro, ridiamo. E' come una versione diversa di se stesso. Possiamo semplicemente ridere e ridere e parlare dei vecchi tempi. Non stiamo insieme, quanto ci piacerebbe. Siamo tutti impegnati. Siamo tutti nel mondo dello spettacolo. Facciamo sempre qualcosa. Se sono in città, Janet ad esempio non c’è. Se siamo entrambi qui, mio fratello è da qualche altra parte. Tutti hanno qualcosa da fare, sai.

GG: Sei un uomo di famiglia? Cosa ti piace fare con la tua famiglia?

MJ: La mia famiglia? I miei figli? Noi amiamo stare seduti insieme, parlando, all’aria aperta. Ci sediamo in riva al lago. Facciamo una passeggiata ogni giorno a casa. Ci sediamo in riva al lago e gettiamo i sassi in acqua e parliamo.

GG: Secondo te quale è la forma del più profondo amore che qualcuno può sentire? L'hai sentito?

MJ: Wow, penso che sia davvero una questione di opinione. Ho sentito la forma più profonda dell’amore? Non so quale sarebbe la più profonda ... (Lunga pausa) e domanda interessante ... (Ripete la questione un paio di volte). Io amo i miei figli molto, molto, e li guardo sempre negli occhi e glielo dico - penso sia la cosa più importante.

ORIGINAL SOURCE
Michael Jackson Interview With Gold Magazine – January 1, 2001

LINK MJGW FORUM - CREDITS