venerdì 4 dicembre 2015

MICHAEL [Within His Songs] 6° Parte - Approfondimenti e brevi curiosità

“The Lady in my life”
scritta e composta da Rod Temperton,è la traccia N° 9 dell'album multi platino “Thriller” del 1982.
Michael,sul suo libro autobiografico “Moonwalk” del 1988, ricorda così l'esperienza in studio di registrazione per la realizzazione del brano : “ The Lady in my life” è stato uno dei pezzi più difficili da registrare. Fummo costretti a ripeterla innumerevoli volte per raggiungere un maggiore livello di perfezione nella parte vocale, ma Quincy non era soddisfatto del mio lavoro, anche in seguito a decine di registrazioni. Infine mi prese da parte e mi spiegò che voleva vedermi implorante.
Proprio così. Voleva che tornassi nello studio per “implorare” nel vero senso della parola. Allora rientrai, chiesi di spegnere le luci, chiusi le tende che mi dividevano dalla stanza di controllo. Quando Quincy fece partire il nastro, iniziai ad implorare. Il risultato è quello che si può ascoltare sul disco.” 
CURIOSITA'
Sapevate che originariamente il testo della canzone aveva più strofe?
Al momento della registrazione è stata "tagliata" per motivi tecnici: lo spazio fisico disponibile nel disco non era sufficiente per poter includere tutte le canzoni scelte.. ( così come è successo per altre canzoni dell'album "Thriller" )
www.facebook.com/MichaelJacksonEspanaOficial

Michael Jackson - The Lady In My Life (Full Version)

Michael Jackson - 'Thriller' - The Lady In My Life

"Human Nature"
Steve Lukather parla dei suoi lavori più importanti. Tra questi, "Human Nature" dall'album Thriller di Michael Jackson
(Intervista rilasciata alla rivista 'Guitar Player” il 06-07-15)

Hai raccontato la storia di "Beat It", un milione di volte [Lukather ha suonato la chitarra e il basso nel tema del 1982 di Michael Jackson, in cui appare un assolo di Eddie Van Halen].
C'è un'altra storia con 'Thriller'?
"Human Nature" non aveva una parte di chitarra nella melodia iniziale. Steve Porcaro ha scritto la canzone, quindi in realtà è una canzone dei Toto con Michael Jackson che canta. [Porcaro ha suonato le tastiere con i Toto]. Lavoravo con Quincy Jones dall'album 'The Dude' e avevo suggerito molte parti del disco. Trovai una partitura e mi inventai dei particolari pezzi molto strampalati per la tracce senza suono. Qundi Quincy sapeva quello che avevo fatto, mi chiamò e disse: "Guarda, questa è una grande canzone pop, ma non è funky. Ho bisogno che tu gli dia un tocco funk. "

Ho cominciato a improvvisare ed è venuta fuori tutta l'intera parte di chitarra. Era tutto una mia idea. Ho scritto quella parte nella canzone, al punto che mi ha riconosciuto i credits per l'arrangiamento che ha ottenuto una nomination per un Grammy. Non abbiamo vinto, ma è stato un bel gesto da parte sua.. Eravamo tutti nell'album 'Thriller': io, Steve Porcaro (tastierista dei Toto) , David Paich e Jeff Porcaro ( batterista dei Toto).
www.guitarplayer.com/artists/1013/s...ns--video/52918

"Will You Be There" 
è l'ottavo singolo estratto dall'album “Dangerous” e fa parte della colonna sonora del film Free Willy - Un amico da salvare.
Michael, in un'intervista dichiarò di aver scritto il brano sul suo “albero dei doni” al Neverland Ranch. Il brano, che è una stupenda preghiera, fu uno dei più grandi successi commerciali di “Dangerous” arrivando a vendere più di 10 milioni di copie in tutto il mondo. Nel brano possiamo ascoltare un preludio eseguito dalla Cleveland Orchestra che esegue un brano tratto dalla Nona Sinfonia di Beethoven e più precisamente dal”Inno alla Gioia” con i testi di Friedrich Schiller che recita così: " Inchinatevi a Lui,milioni di persone, hai fede nel Creatore del mondo? Cercatelo al di là del baldacchino stellato,Lui abita lì,oltre le stelle".

CURIOSITA':
Will You Be There" ha vinto il MTV Movie Award per la migliore colonna sonora nel 1994 ed è stato anche incluso nella raccolta " All Time Greatest Movie Songs" che contiene le più belle colonne sonore di sempre. "
"Will You Be There" è stato oggetto di due cause legali: il primo per violazione dei diritti d'autore per la mancanza di credito a Beethoven..la causa si risolse con la raggiunta di un accordo economico fra Michael e la Cleveland Orchestra che aveva intentato la causa ( nelle ristampe di "Dangerous" vennero inseriti i crediti sia per Beethoven che per la Cleveland Orchestra).
La seconda causa fu intentata da Albano Carrisi per plagio,in quanto sosteneva che "Will You Be There" era stata copiata dalla sua " I cigni di Balaka" . Dopo questa denuncia,l'album "Dangerous" venne sequestrato in tutta Italia ,decisione che venne revocata quando Michael si disse disponibile a venire a testimoniare nel tribunale romano. Alla fine e dopo sette anni di udienze si giunse alla conclusione che entrambi gli artisti si erano ispirati ad un brano indiano "Bless You For Being An Angel" non coperto da copyright.
Il brano fu eseguito live in tutto il "Dangerous World Tour" e al decimo compleanno di MTV, e Michael l'avrebbe eseguita anche nel This is it.

"D.S" 
è la traccia N° 6 del secondo cd di 'History : Past , Present and Future Book' ,il brano è chiaramente "dedicato" a Thomas Sneddon,il procuratore distrettuale della contea di Santa Barbara che guidò l'inchiesta contro Michael sia nel 1993 che nel 2003. La BBC commentò il brano, suggerendo il fatto che la parola “ BSTA” contenuta nel testo, sia in realtà l'anagramma di “SBDA” che significa “procuratore distrettuale di Santa Barbara”.
Anche lo stesso Sneddon,in un’intervista del tempo dichiarò: “Credo di essere l'unico procuratore distrettuale ad avere una canzone dedicata da Jackson la superstar, non sono arrabbiato, ma non gli ho fatto l'onore di ascoltarla perché mi hanno detto che finisce con un colpo di pistola”.

D.S. non ha un proprio videoclip,ma fu utilizzata nel cortometraggio Ghosts,pubblicato nel 1997 e in anteprima a Cannes nel 1996. In Ghosts si può notare la strabiliante somiglianza tra Sneddon e il sindaco (interpretato da Michael).
Altra curiosità su Sneddon: il procuratore distrettuale decise di spiccare un mandato di cattura nei confronti di Michael,lo stesso giorno dell'uscita della raccolta Number One, radunando i media in conferenza stampa e urlando:” Finalmente l'abbiamo preso..abbiamo arrestato Wacko Jacko!!”
D.S. è stata cantata fuori dall'aula del tribunale dai fans di Jackson ogni giorno durante il processo.

“P.Y.T. (Pretty Young Thing) " 
è il sesto singolo estratto da “Thriller” del 1982; la versione originale fu scritta da Michael e da Greg Phillinganes (pianista di Stevie Wonder in quel momento),ma l'arrangiamento non piacque al produttore Quincy Jones che decise di riscriverla insieme a James Ingram,che aveva già lavorato con Michael e Q. Jones per il musical “The Wiz”e di cui aveva detto: “E 'quasi come se avessi avuto la possibilità di andare veramente a Oz, Michael dava l'impressione di essere realmente nel suo mondo e Quincy è stato il Mago di Oz. La loro etica del lavoro è incredibile". 
Nella canzone fra i cori sono presenti Janet e La Toya Jackson. P.Y.T.,pur non avendo un proprio video clip e non essendo mai stata eseguita dal vivo, arrivò comunque ai primi posti di tutte le classifiche internazionali.
La versione demo di “P.Y.T.” fu inserita nella raccolta: 'Michael Jackson: The Ultimate Collection' del 2004. e fu anche remixata da Michael e da Will.i.am per "Thriller 25", anche quest'ultima versione fu un grande successo commerciale e Will.i.am dopo questa esperienza lavorativa con Michael dichiarò : "È sempre stato un sogno incontrarlo, ma non osavo sperare di lavorare con lui, quando mi hanno chiamato io stesso non ci credevo. Sono cresciuto a East Los Angeles e 'Thriller' è stato girato a circa due isolati da casa mia, ma mia madre era molto severa e non mi permise di andare a vedere le riprese, ma adesso io sono qui, sull'album che ne celebra i 25 anni e questo è piuttosto impressionante" 

'What More Can I Give' 
fu scritta da Michael Jackson e registrata da un supergruppo di cantanti a seguito della Attacchi dell'11 settembre nel 2001. L'ispirazione per la canzone era inizialmente venuta a Michael , dopo un incontro con il Presidente di Sudafrica Nelson Mandela nel 1999 . Il brano,già ai tempi, non riesce a ottenere un rilascio ufficiale , nonostante Michael abbia dichiarato che l'avrebbe rilasciato come singolo di beneficenza per i profughi della Guerra del Kosovo, che terminò nel 1999.

A seguito degli attentati dell'11 settembre del 2001 , Michael ha riscritto il brano. Per What more can i give era stato previsto un uscita come singolo di beneficenza , nella speranza di raccogliere 50 milioni dollari per aiutare i sopravvissuti e le famiglie delle vittime degli attacchi terroristici dell'11 settembre.
Il nobile intento di Michael dovette scontrarsi con Sony Music che si rifiutò di pubblicare il singolo perchè ,secondo loro, avrebbe ostacolato le vendite di 'Invincible'...un quotidiano invece affermò che il progetto di pubblicazione fu abbandonato dopo che era emerso il fatto che Marc Schaffel, produttore del brano, aveva diretto film pornografici a tematica gay che mal si sposavano con gli scopi umanitari del brano...dopo questa dichiarazione Shaffel venne licenziato dallo staff di Michael e comunque la Sony si rifiutò ugualmente di pubblicare il brano.

Nel 2002, una radio di New York,WKTU-FM mandò in onda il brano a rotazione continua,senza autorizzazione della Sony e il direttore del programma, Frankie Blue, motivò così la sua scelta:"Questa canzone è un dono per il mondo. Michael e tutti gli altri artisti hanno donato il loro tempo per questo brano, e merita di essere ascoltato.
La canzone si chiama " Che altro posso dare », e posso dare al mondo una canzone alla quale le persone si possano aggrappare e, auspicabilmente, farli riflettere su quello che possono dare ".
Il brano alla fine venne messo a disposizione dei fan solo il 27 ottobre 2003,in download digitale al costo di 2 dollari. L'intero ricavato è andato in beneficenza ad associazioni umanitarie che si occupano d'infanzia,tra le quali, Mr. Holland's Opus Foundation e la International Child Art Foundation .
Fonte: Michael Jackson - Discografia

LINK MJGW FORUM