venerdì 4 dicembre 2015

(Parte Sesta) M. Jackson: Un ballerino da sogno

(Sesta e Ultima parte)
This Is It
L'ultima questione che vorrei affrontare sono le competenze di Michael come un ballerino, e se aveva perso alcune delle sue abilità invecchiando. Purtroppo, ho sentito parlare di questo tipo di argomento molto spesso nel guardare le riprese di This Is It .

Mettiamola in questo modo: ci sono molti modi di guardare una danza, ma dobbiamo sempre ricordare che la danza è un'arte e non uno sport. Ho già detto questo, ma in questo momento è importante ripeterlo. In realtà, è la cosa principale. La danza è un'arte, e non uno sport.

Certo, la danza è strettamente connessa al corpo, l'abilità tecnica e di interpretazione del corpo sono le qualità con le quali si giudica le prestazioni di un ballerino. Alcuni aspetti tecnici sono più importanti nel balletto, alcuni altri sono più importanti nelle danze popolari, e altri ancora nella danza pop. Tuttavia, qualunque sia l'importanza della tecnica, dobbiamo iniziare dal contenuto artistico.La tecnica arriva sempre in seconda battuta. Questo non nega che siano necessarie alcune nozioni di base per una determinata esecuzione o movimento. Ma stiamo parlando della maestria di una grande star, non di un principiante.

Nel balletto russo, i ballerini vanno in pensione a 38 anni. Potete immaginare? Non a 50, non a 45... a 38! Naturalmente, il carico di lavoro è enorme. Questo è il motivo per cui il momento del pensionamento è così precoce ed è una cosa specifica del balletto classico e non una regola comune per tutti i tipi di danza. Tuttavia, dobbiamo ricordare che non esiste un altro mestiere dove si va in pensione a 38 anni.

Naturalmente, alcune star del balletto durano molto di più. Maya Plisetskaya ad esempio, riusciva a fare performance strepitose ancora a 70 anni. Ma tutti sono un grado di rendersi conto che l'età che avanza comporta delle differenze . Un artista non può comunque superare un certo numero di spettacoli, sia a 20 come a 70, e anche se i biglietti sono richiestissimi dal pubblico che vuole vedere la star. Ma vogliono vedere l'individualità e il contenuto non un fouetté perfetto. L'individualità è la cosa principale nell'arte della danza, è l'elemento principale in termini di prestazioni della star.

Vi darò un altro esempio: nel flamenco, si balla fino a età molto avanzata. Nessun pensionamento a 38 anni. In realtà, per molti la carriera non diventa professionale sino a quando non hanno raggiunto i 30 anni. Nessuno può evitare i cambiamenti fisici dell'ìnvecchiare- ma per esempio nella danza spagnola l'età ha veramente un significato relativo, perchè ciò che conta è il contenuto artistico. Nel flamenco, la spiritualità e l'arte sono più importanti della tecnica. Ecco perché i ballerini più anziani sono talvolta apprezzati di più rispetto a quelli più giovani: hanno qualcosa da dire quando arrivano sul palco. Si tratta di un'arte di persone mature. E si può ottenere anche grande successo, se si ha sufficiente esperienza di vita. E' molto importante avere una personalità. Per salire sul palco e dire qualcosa al pubblico, devi essere diverso e distinguerti dagli altri.

Sto parlando di questo per evidenziare la differenza non solo tra gli elementi primari e secondari nell' arte, ma anche tra le abilità di un maestro e le abilità di artisti comuni. E 'importante capire che a volte un maestro è eccezionale, non perché sia in grado di fare qualcosa che richiede un grande sforzo fisico, ma perché lo fa in un incredibile e unico modo. Facendo dei salti altissimi o delle piroette si possono solo ottenere delle interpretazioni comuni o imparando perfettamente la sequenza coreografica da svolgere. Anche in questo caso si parla di professionisti. Ma questo genere di professionalità può essere poi asservita all'arte in modo diverso.

Michael Jackson era un ballerino pop il cui lavoro ricade nella categoria delle arti dello spettacolo, e non nello sport. Come accade nella danza popolare e nel teatro classico, ha creato un dialogo significativo con il pubblico e con Dio. Questo era il suo messaggio principale, questo era quello che ha portato al pubblico - sia in modo intuitivo che consapevolmente, come professionista e artista originale.

Aveva 50 anni, ma il suo Plastique era perfetto. Che altro aveva bisogno di saper fare nel suo genere? Niente.

Sì, credo che non fosse più in grado di ballare per tante ore e con la stessa energia di quando aveva 20 o 30 anni. Certo, pur essendo un uomo sano di 50 anni stare sul palco non era facile come a 30 - ovvio che c'è una differenza. Ma lui non aveva bisogno di fare troppa fatica. Le maratone sono per i più giovani. Michael doveva mostrare solo la sua individualità, il suo temperamento e la sua passione. E .. this is it. Devo ancora ripetere che lui possedeva tutto questo?

Così, il Michael che abbiamo visto in This Is It, posso dire, anche cercando di lasciarmi alle spalle la simpatia che provo per lui, era molto meglio del suo team di danza, perché il suo corpo sapeva vivere ogni secondo della danza. I suoi passi erano per lui naturali. 
E non importa quanto duramente questi giovani e brillanti ballerini cerchino di copiarlo, non sarebbero mai in grado di essere come lui, anche se con molto talento e fisicamente molto più forti. 
Onestamente, non dovrei spiegarlo, perchè è una verità tangibile. Per me è abbastanza esasperante soffermarmi su questo , ma alcune persone non capisco le basi. E questo malinteso mi rende triste, non solo per quanto riguarda un ballerino eccezionale come Michael Jackson, ma anche nel più ampio contesto del comprendere la danza come forma d'arte e fenomeno sociale.

Vorrei sottolineare solo una cosa ancora: Michael non solo stava invecchiando, ma aveva passato anche molte difficili prove nella sua vita. Questo è un dato di fatto. Ma che fosse sano o meno, questo non trascende dalla sue competenze. E' chiaro che ha avuto una vita molto dura, eppure non ha mai perso la capacità di cantare e danzare superbamente. Il film dimostra questo. Posso solo dire che le prove di certo devono essere state molto faticose per Michael, ma sapeva ancora lavorare duramente ed eseguire in modo magistrale.

Per quanto riguarda il modo in cui balla nel film, ogni fotogramma è un piccolo capolavoro. Spesso, la danza non è molto complessa. E'ovvio che Michael improvvisa, a volte ripetendo la stessa sequenza più e più volte, che è piuttosto comune nell' improvvisazione. Non era stressante per lui; è un modo per rilassarsi. Altre volte, semplicemente scherzava. Ma era meraviglioso. Anche quando scherzava, era un genio; ha un corpo da genio. Persino il suo modo di far finta era unico, e non può essere imitato.

Una volta Michael disse ad un giornalista,Martin Bashir, che un ballerino non deve pensare, deve sentire. Questo è assolutamente vero. Devi andare con il flusso. Si può seguire il ritmo della musica, o creare delle visualizzazioni indipendenti. E non significa svuotare la testa - la danza è come un racconto verbale. Ma non ci si può sentire psicologicamente stressati quando si danza, se questo accade sarà un fallimento. Bisogna sentirsi liberi. Se parliamo di elementi tecnicamente complessi come salti o giri, questi richiedono molta concentrazioni. Ma ciò che dall'esterno può essere percepito come molto complesso , spesso per il ballerino è un elemento di rilassamento. Le onde del corpo, l'inarcare le braccia, la flessione del collo, il piede teso - tutto questo è fatto con la sensazione di essere liberi ed a proprio agio, come una passeggiata quotidiana. Il tuo plastique nella danza diventa il tuo linguaggio naturale del corpo.

Gente come Michael non padroneggia i propri movimenti. Ma vive con essi. Non si arriva ad avere un estrema classe nel balletto pensando a come fare le mosse. Invece, se si è in grado di catturare la sensazioni del movimento, allora diventa naturale come respirare. Se sai come farlo, saprai farlo sempre - a patto di avere ancora delle buone funzioni motorie.

Quando i ballerini dicono che la danza richiede un allenamento infernale, vuol dire che dopo 5 o 20 minuti saranno stanchi, e dopo qualche ora terribilmente distrutti. Ma questo non significa che stanno li a pensare: "Oh Dio, questo è così difficile!" Ballare fa sentire sicuri di sé e felici, nonostante il carico di lavoro fisico. A volte la danza fa sanguinare i piedi e i legamenti fanno male. Ma quando si balla, si tende ad ignorare la sensazione di dolore, e spesso sembra più debole di quanto non sia in realtà. Quando sei in estasi, il dolore può anche scomparire completamente. Succede. Sul palco, tutto sembra meraviglioso, meraviglioso e inaspettato. L'adrenalina è alta. E a volte non si sente il dolore o tutte le conseguenze di un simile sforzo sino al giorno dopo.

Io non sono un medico o uno scienziato che può descrivere tutti i processi cerebrali che si verificano in questo stato d'animo. Ma posso dire che questa fase rivela spesso delle abilità nascoste e delle riserve nascoste del corpo, che si aprono grazie alla nostra capacità di utilizzare il subconscio e uno stato alterato della coscienza. Ancora una volta, torno così al punto iniziale di questo articolo: Michael ha vissuto il ballo, quindi è assurdo dire che aveva perso le sue abilità invecchiando o perchè era troppo debole.

Un Poeta nella danza
Potrei andare avanti, ma è arrivato il momento di concludere. Ho dipinto un quadro a cui si può sempre aggiungere altri dettagli, se volete, perché il soggetto dell'arte della danza nel suo senso globale, è inesauribile, e Michael ne è una costante. Spero solo di essere stata in grado di mostrarvi gli elementi principali.

Per riassumere , la danza unisce lo spirituale e il materiale,è l'apertura al mistero di tutti i misteri, prendendo la nostra coscienza ben al di là dei limiti e vincoli.

Ci sono molti bravi ballerini, ma solo pochi di loro sono artisti e veri intrattenitori. Il genere e la popolarità non contano. Quello che è importante è quanto l'artista si dedica alla sua arte, fino a che punto si rende conto del suo grande dono e quanto di questo dono condivide con il pubblico. Il dono non è solo talento o brillantezza. Il dono è l'opportunità di diventare un servo del ballo con l'aiuto del vostro Dio che vi ha donato il talento, amandolo e sentendolo nel suo significato sacro e universale.

Michael Jackson era uno di quei poeti che hanno amato la danza disinteressatamente e hanno portato la sua essenza sul palco. Ha trasmesso una scintilla che ha portato gli spettatori oltre i limiti convenzionali, permettendo loro di connettersi con la sfera di energia frenetica,con l' emozione e la bellezza che non può essere percepita dalla logica, ma può essere soltanto sentita. Sul palco lasciava a nudo le sue emozioni trovando inaspettati momenti individuali di improvvisazione, come solo un ballerino davvero prezioso e raro può fare- e come nessun'altro performer pop ha mai fatto ne prima ne dopo. La spiritualità e l'estasi che aveva portato sul palcoscenico pop erano uniche e senza precedenti. La complessità e tuttavia la semplicità di ciò che stava facendo fusi insieme erano un qualcosa di assolutamente divino. Nel suo genere, rimarrà unico per molto molto tempo. Vorrei che tutti lo capissero e non solo i suoi fan.

Sono contenta di aver vissuto in un tempo in cui c'era anche lui. E sono felice di aver potuto guardare i suoi video senza commenti inutili , giudizi o pregiudizi. Anni dopo, si divertivano a chiamarlo "wacko" o freak, e ci siamo tutti quasi trovati ad aver paura a dire che ci piaceva Michael Jackson. Eppure, nemmeno questo mi ha mai impedito di vedere la bellezza e la spiritualità della sua arte.

E' doloroso vedere come la sua vita è finita. E'un peccato che il talento tenda ad essere visto in luce negativa mentre l'artista è vivo. Purtroppo, questa sembra essere la nostra natura umana. Una persona di talento e versatile, incredibilmente dotata nella musica, danza e teatro, è nota al pubblico non per il meglio del suo lavoro, ma con frammenti video selezionati dalle televisioni e storie sensazionalistiche raccontate dai tabloid, storie che io ritengo inutili e di poco conto. Oggi, non c'è un singolo documentario decente su di lui in TV - tutto ciò che vedi è roba amatoriale e patetica con confusione di nomi, date e fatti che non dice nulla circa il suo genio creativo. Le migliori registrazioni di concerti , video e cortometraggi sono ancora guardati solo dai suoi fans. E' un peccato, davvero. Posso solo sperare che la giustizia prevarrà un giorno. E dobbiamo fare tutto il possibile per far si che questo avvenga, anche con i nostri modesti contributi.

Io credo ancora che arriverà il giorno in cui Michael Jackson il vero artista , verrà ricordato non solo come mero idolo pop, ma come un grande intrattenitore e umanitario "Un ballerino da sogno."!
Amor (Lubov Fadeeva) 
(End)

ENGLISH  Michael Jackson: The Dancer of the Dream
TRADUZIONE MJGW FORUM