lunedì 8 febbraio 2016

Per capire Michael Jackson e la sua pelle, bisogna andare oltre la razza


In queste giornate sempre più consapevoli, politicamente parlando, è raro imbattersi in un progetto culturale pop esplicitamente ideato per suscitare un tritacarne di commenti su Internet. Ma raro non significa mai. E la settimana scorsa, Sky Arts, un semi sconosciuto canale TV, ha visto aumentare sensibilmente la sua notorietà quando ha annunciato che Joseph Fiennes, che è un bianco, interpreterà Michael Jackson, che non era un bianco, in un prossimo film su Jackson, Elizabeth Taylor e Marlon Brando nei giorni successivi all'11 settembre.

Il progetto non si limita a suscitare un enorme e duratura polemica riguardo la pratica frequente a Hollywood del voler andare oltre la razza, scelta che ha alimentato per altro svariati stereotipi, oltre che a negare il lavori a molti attori di colore, ma sembra essere anche un affronto specifico ai desideri di Jackson: Jackson durante l'intervista con Oprah Winfrey del 1993, disse esplicitamente che non avrebbe mai voluto essere interpretato da un attore bianco.

E mentre penso che sia degno e importante discutere su tali pratiche di mescolamenti delle razze così come sui diritti con cui gli artisti descrivono la vita e la morte, il modo in cui il dibattito su questo progetto sta andando avanti sembra bloccare Jackson e la sua relazione con la propria pelle in un contorto binario bianco-nero. E come l'eccellente recente libro di Steve Knopper, "MJ: Il genio di Michael Jackson", suggerisce, il rapporto era molto più complicato della semplice implicazione: Jackson voleva essere bianco.

Il rapporto di Jackson con la sua pelle è stato complicato sin dalla sua giovane età, Knopper scrive:" I fratelli Jackson si prendevano in giro l'un l'altro senza pietà. Il naso di Michael era la fonte di numerosi soprannomi, così come l'acne di Jermaine. I Jacksons erano stati sotto lente di ingrandimento sin da quando erano molto giovani , il che significava che Michael ha passato tutta la pubertà sotto gli occhi del pubblico, un'attenzione quindi che poneva maggior controllo sulle sue imperfezioni. Nancy Leiviskä, che lavorava per MTV, portò Jermaine e Michael da un dermatologo, ed entrambi divennero vegetariani, nel tentativo di combattere l'acne attraverso la dieta. Michael poi si sottopose a delle procedure estetiche per cercare di nascondere le cicatrici dovute all'acne.

Ma il difficile rapporto di Michael Jackson con la sua pelle non era solo di carattere estetico, e non era solo una risposta alla pressione dei media. Nel 1983, Arnold Klein, il suo dermatologo, si accorse che non solo Jackson soffriva di vitiligine, condizione che lo portò negli anni allo sbiancamento della pelle, ma gli diagnosticò anche il lupus eritematoso discoide. Più tardi, Richard Strick, un altro dermatologo disse "si poteva vedere chiaramente che la malattia aveva distrutto la cartilagine del naso, il che potrebbe spiegare il ricorso alla chirurgia plastica."

Quest'ulteriore malattia è stata fonte di molto dolore fisico per Jackson; l'anno dopo a questa si aggiunsero altro problemi. Durante le riprese di uno spot Pepsi nel 1984, Jackson rimase gravemente ustionato. Dovette quindi sottoporsi ad impianti di pelle e cuscinetti sul cuoio capelluto, come parte del suo recupero. Nel tentativo di alleviare il dolore, un chirurgo plastico cercò di eliminare il tessuto cicatriziale formatosi.

Knopper scrive: "Sia per questo intervento che per tenere a bada il lupus discoide o le cicatrici dell'acne- più i suoi esperimenti continui su naso, mento, e zigomi- Klein e Debbie Rowe gli somministravano molti antidolorifici. Erano attenti a non eccedere, ricorda la Rowe . Durante le prime iniezioni di collagene, metodo usato per 'riempire' e nascondere le cicatrici dell'acne, in un primo momento non utilizzarono niente. Più tardi, veniva somministrata una piccola dose di 100 milligrammi di Demerol. "

Tutto questo per dire, che il difficile rapporto di Jackson con la sua pelle non aveva niente a che vedere con la razza. Knopper riporta anche la reazione di Jackson , alle dichiarazioni del padre Joe che sosteneva di avere bisogno di un "aiuto bianco" per facilitare le sue trattative con la CBS dopo che i Jackson 5 avevano lasciato la Motown. ""Mi capita di essere daltonico. Io non assumo colore, io assumo competenza! ", disse Michael Jackson in una risposta pubblica. "Un individuo può essere di qualsiasi razza o credo , purché io ottenga il meglio."

E Knopper esamina l'analisi culturale contemporanea sul cambiamento della pelle di Jackson:

"Era molto strano." dichiarò Greg Tate sul Village Voice nel 1987 : "Jackson emerge come una vittima della guerra in corso sulla razza in America , un altro negro impazzito perché il confronto con la sua faccia non è conforme all'ideale nordico." Alcuni osservatori hanno suggerito che MJ soffra di vitiligine, mentre dolorosamente, non hanno fatto altro che dargli una scusa per farsi un giro intorno ai confini razziali " . "Potremmo quindi dire che la sua malattia lo ha liberato dall'essere legato ad una fisicità nera", scrisse il critico Michael Awkward . "Così come ha rifiutato di limitarsi a un produttore o ad uno stile musicale, non ha voluto limitarsi ad un immagine imposta dalla genetica o dalla tradizione. Apparteneva a tutto.

Ma se anche la pelle di Jackson solleva questioni circa la mutabilità dell'aspetto razziale e la persistenza dell'identità razziale - "Sono un nero americano, sono orgoglioso di essere un nero americano, sono orgoglioso della mia razza, sono orgoglioso di chi sono ", disse Jackson durante l'intervista con O. Winfrey nel 1993 - è un argomento profondamente intrecciato anche con problemi di dolore e le pratiche della medicina. Per cui capire la questione correlata alla pelle di Jackson e come lui la viveva non è semplicemente ridursi allo scegliere un colore di pelle e a quale attore abbinarlo.

ORIGINAL SOURCE:
To understand Michael Jackson and his skin, you have to go beyond race
TRADUZIONE: MJ GOLD WORLD FORUM